La realtà virtuale aiuta i bimbi con disturbi neurologici

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 04/11/2021 Aggiornato il 04/11/2021

La realtà virtuale può aiutare i bimbi e gli adolescenti con disturbi neurologici a diventare più autonomi, soprattutto se in isolamento causa Covid-19

La realtà virtuale aiuta i bimbi con disturbi neurologici

Nel bel mezzo della pandemia da Covid-19, la realtà virtuale e le tecnologie indossabili possono diventare un grande alleato per tutti quei giovani, bambini e adolescenti con problemi neurologici e in condizione di isolamento. Deficit di attenzione e iperattività (Adhd), autismo e paralisi cerebrale possono essere contrastati con buoni risultati grazie alla realtà virtuale. A rivelarlo è una ricerca di Fabrizio Stasolla, docente di Psicologia dello sviluppo dell’Università Giustino Fortunato di Benevento, pubblicata sulla rivista Frontiers in Psychology.

Criticità nelle criticità

Lo studio ha preso in esame le più recenti scoperte in tema supporto che la realtà virtuale può fornire nella vita di tutti i giorni a bimbi e giovani affetti da disturbi di natura neurologica, specie in relazione alla pandemia da Covid-19. Come rivelato da Stasolla, la pandemia ha reso ancora più dura la vita di queste persone. Il motivo è da ricercare nell’indisponibilità di servizi medici o riabilitativi e negli effetti di misure preventive, come la quarantena e il distanziamento sociale, che ne hanno minato ulteriormente la qualità di vita.

Togliere pressione

A risentirne, ovviamente, sono state anche le famiglie e chi si prende cura dei soggetti più fragili, che con il Covid-19 si sono ritrovati a dover gestire un carico ancora maggiore. Affrontare queste criticità con il supporto della tecnologia dà un grosso aiuto. La realtà virtuale, infatti, si presta alla perfezione a scopi riabilitativi e per casi di deficit come quelli dei ragazzi presi in esame da Stasolla, permettendo loro di vivere – nel virtuale – esperienze sensoriali molto simili a quelle reali.

L’impatto delle tecnologie a distanza

Attraverso le tecnologie a distanza, invece, durante la pandemia e l’isolamento forzato pazienti e operatori sanitari hanno visto crescere le possibilità per supportare e fornire sicurezza e assistenza, riducendo le distanze così da agevolare la comunicazione, ma anche permettere il monitoraggio in real time da remoto, la previsione di eventuali sintomi e la valutazione di obiettivi riabilitativi.

 

 

Da sapere

La realtà virtuale è utilizzata in molti campi della medicina e aiuta molte persone a guarire da problemi complessi.

Fonti / Bibliografia

  • Frontiers | Virtual Reality and Wearable Technologies to Support Adaptive Responding of Children and Adolescents With Neurodevelopmental Disorders: A Critical Comment and New Perspectives | Psychology& Bottiroli, 2020), one may envisage the use of virtual reality setups (VR) and/or wearable technologies (WT) (Vona, Silleresi, Beccaluva, & Garzotto, 2020).VR offers several advantages as ecological validity, experimental control, and behavioral responses tracking (Yaremych & Persky, 2019). Wearable technologies may be easily transportable and may represent a valid option for monitoring and recovery of a adaptive responding (Gorman, Dayle, Hood, & Rumrell, 2002). A concise review of the literature available along the last five years (i.e., 2016-2020) was carried out. Fifteen contributions were critically discussed (i.e., ten on VR and five on WT). Although ADHD and ASD populations were widely targeted, cerebral palsy and rare genetic diseases were still uninvestigated (Valentine et al., 2020). Moreover, communication, emotional, and social skills were evaluated (Berenguer, Baixauli, Gomez, El Puig Andres, & De Stasio, 2020). Conversely, challenging behaviors, physi...
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti