L’attività fisica nei giovani… non è solo uno sport

Pamela Franzisi Pubblicato il Aggiornato il 05/11/2018

I giovani che praticano regolarmente attività fisica godono di un profilo metabolico migliore con ricadute positive sulla salute. Ecco perché

I benefici dell’ attività fisica nei giovani sono innumerevoli. Dedicarsi a uno sport aiuta a scaricare lo stress, a relazionarsi meglio con il gruppo dei pari e migliora l’autostima. Una recente ricerca, condotta dall’Università di Bristol, ha però anche dimostrato che fare un’attività fisica nei giovani aiuta ad avere un metabolismo più sano. Nel corso dello studio di Avon longitudinal study of parents and children sono stati coinvolti 1.826 giovani con particolare riferimento all’attività fisica svolta. Nel tempo sono stati esaminati i seguenti parametri: pressione del sangue, presenza di lipidi nel sangue, fattori glicemici e marcatori infiammatori.

Gli effetti dell’attività sportiva

Analizzando i dati, i ricercatori hanno verificato che i giovani che fanno sport regolarmente presentano dei livelli metabolici migliori, per esempio colesterolo “cattivo” ldl più basso, valori del colesterolo hdl (buono) più alti  e trigliceridi sotto controllo. Il che ha portato Joshua Bell, ricercatore dell’Università di Bristol, ad affermare: “è necessario rimuovere tutte gli ostacoli che rendono difficile fare sport perché gli effetti dell’ attività fisica nei giovani sono molto positivi, ma durano poco”. Ciò significa che bisogna fare sport in modo regolare per tutta la vita.

 

 
 
 

Da sapere!

Le malattie cardiovascolari e metaboliche sono tra le principali cause di morte nelle società occidentali.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti