Quali sono gli addobbi natalizi low cost da fare in casa con i bambini?

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 05/12/2022 Aggiornato il 05/12/2022

Il Natale è una festa speciale quando ci sono i bambini. Rendiamolo ancora più magico preparando addobbi natalizi low cost con materiale povero e alla portata di tutti

È bello e divertente fare gli addobbi natalizi low cost con i bambini

Per i bambini, il Natale inizia molto prima del 25 dicembre. Già all’inizio del mese iniziano ad assaporare l’atmosfera della festa più dolce dell’anno, con negozi e strade sfavillanti di lucine e di mille decorazioni. Il divertimento e la gioia iniziano anzi proprio dal creare a casa addobbi natalizi low cost, con materiali poveri tutti da reinventare. Per i bambini sarà un momento speciale di condivisione con il resto della famiglia, per liberare la creatività e rendere ancora più speciale l’attesa.

Che lavoretti si possono realizzare per Natale?

Per i bambini, realizzare decorazioni in casa è un momento di gioco e, come tale, ha una grande importanza per favorire la crescita cognitiva, lo sviluppo delle abilità manuali e la capacità di concentrazione. Per divertirsi con loro creando addobbi natalizi low cost, è sufficiente cercare tra materiale di scarto destinato alla raccolta differenziata cui restituire una seconda vita. Un po’ di fantasia e un minimo di manualità sono sufficienti per trasformare bastoncini, pigne, rotoli di carta casa in simpatiche decorazioni a costo quasi pari a zero. Si può formare un gruppo di lavoro anche con qualche amichetto, avendo l’accortezza di non lasciare a portata dei più piccoli forbici, seghetti e altri oggetti che possono causare ferite. I bambini possono e devono invece interagire con materiali sicuri, manipolandoli e creando in libertà, anche se il risultato potrà non essere perfetto.

Come creare una decorazione natalizia?

Ecco qualche idea per realizzare una decorazione natalizia originale.

  • Ghirlanda con tappi di sughero. Occorrono un anello abbastanza ampio in cartone, una buona quantità di tappi di sughero trovati in casa, qualche pigna, rametti di abete, un nastro colorato. Si applica un po’ di colla su ciascun tappo, che poi viene fatto aderire all’anello di cartoncino, premendo bene, in modo un po’ casuale, senza seguire un ordine preciso. Qua e là si possono applicare i rametti e le pigne, usando poi il nastro per la decorazione finale.
  • Ramo con pigne. Occorrono una decina di pigne e un vecchio ramo caduto, abbastanza lungo e robusto. Si appendono le pigne al ramo, usando pezzi di filo di cotone (va benissimo quello del cucito) di lunghezze differenti. Quindi si applica il ramo alla parete, in orizzontale.
  • Centrotavola con neve. Occorre un po’ di sale grosso da cucina, un barattolo in vetro piuttosto ampio, qualche ramo caduto, spray d’oro o d’argento e nastrino del colore che si desidera, anche riciclato da qualche regalo. Si riempie il vaso di sale grosso, quindi si infilano i rametti dopo averi ricoperti di color oro o argento e averli decorati con tanti fiocchetti colorati.
Come si possono creare piccoli oggetti natalizi in casa?

Per i bambini più piccoli si possono creare addobbi natalizi low cost davvero semplici ma di grande effetto. È poi importante eliminare tutto il materiale utilizzato nei contenitori per la raccolta differenziata, anche per educare i bimbi al rispetto per l’ambiente.

  • Gli gnomi del bosco. Questo semplice lavoretto richiede qualche tubo di carta igienica o carta casa ormai esaurito, oltre a rettangoli di cartoncino flessibile colorati, meglio se rosso o verde, un po’ di colla e un pennarello. Si avvolgono su se stessi i rettangoli fino a formare tanti piccoli coni, simili a cappucci degli gnomi, incollandoli per dare la forma. Con un altro rettangolo dello stesso colore si riveste esternamente la metà inferiore del rotolo. Con il pennarello si disegnano occhi e bocca sulla parte di rotolo scoperta, mentre in basso si disegnano piccoli puntini simili a bottoni. Ed ecco tanti folletti e gnomi di grande effetto.
  • Gli alberelli di Natale. Per questo lavoretto occorrono alcune pigne, trovate cadute in terra, anche di dimensioni diverse, oltre a qualche tappo di sughero. Si colorano le pigne con acquarelli o con spray colorato atossico (è meglio che sia l’adulto a maneggiarlo), di colore verde, oro oppure argento. Alla base si applica con la colla un tappo di sughero, ed ecco realizzato un boschetto di abeti. Si può anche creare un paesaggio con gli gnomi descritti sopra, sistemandoli con gli abeti su una superficie piana.
  • L’Albero di bottoni. Occorre un foglio di carta resistente o di cartoncino bianco, pennarelli, pastelli a cera o acquarelli di colore verde e tanti bottoni trovati in casa, di dimensioni e colori diversi. L’adulto (o anche il bambino se ha una discreta capacità) disegna sul foglio un grande abete. Il bambino quindi lo colora con l tecnica che preferisce. Quindi si ritaglia la sagoma e il bimbo, usando un po’ di colla, applica qui e là sull’abete i bottoni, assecondando la sua fantasia. 

Cosa può servire per decorare l’Albero senza spendere troppo?

È possibile realizzare un Albero di Natale originale con decorazioni infrangibili e a costo zero, o quasi. Ecco due esempi.

  • Le palle di neve di lana. Occorrono vecchi gomitoli di lana del colore che si desidera e un po’ di cartoncino. Per realizzare piccoli pon pon di lana, si ritagliano nel cartoncino alcuni dischetti di 5 cm di diametro, con al centro un foro piuttosto ampio e li si sovrappongono a due a due. Si prende un lungo filo di lana e lo si va passare dentro e fuori dal foro, avvolgendo insieme i dischetti e creando in questo modo più strati sovrapposti. Si continua in questo modo, anche cambiando colore se si desidera, fino a quando il foro non è quasi completamente chiuso e le dita non riescono a far passare il filo. Con un paio di forbici, si taglia la lana in corrispondenza del lato esterno dei dischetti, tutt’intorno, introducendo le lame per dividere i due dischetti. Quindi si lega strettamente con un altro filo la lana, strappano via i dischetti e con le forbici si rifinisce il pon pon, che poi si appende al ramo dell’abete.
  • I fiocchi di neve di carta. Si possono utilizzare vecchi fogli di quaderno o carta di riciclo che non si usa più, meglio se bianchi. Vanno bene anche rossi, azzurri, verdi, dorati o argentati. Occorre anche un paio di forbici e un po’ di filo da cucito. Si ritagliano cerchi o quadrati nella carta, quindi si ripiegano due volte su se stessi e con le forbici si ritagliano piccoli triangoli sui lati esterni. Si spunta l’angolo in cui la carta è piegata su se stessa, si apre ed ecco un fiocco di neve! Quindi con il filo lo si appende al ramo.

È bene ricordare di sistemare sempre decorazioni fragili o potenzialmente pericolose per i bambini al di fuori della loro portata.

 

 
 
 

In sintesi

Come illuminare la casa risparmiando energia elettrica?

Si possono acquistare fili di luci del colore preferito, meglio se oro caldo, funzionanti a batteria. Si utilizza un barattolo di vetro oppure una bottiglia, anche di vetro colorato, ben pulito. Si introduce il filo di lucine avvolto su se stesso, quindi si decora il bordo del barattolo o il collo della bottiglia con un nastro colorato, trovato in casa.

Come creare un piccolo Presepe personalizzato e a costo zero?

Si cerca una scatola da scarpe vuota o, meglio ancora, una piccola cassetta in legno, di quella per la frutta. Si colorano con vernice atossica o con spray bianco, quindi si applicano al muro con due chiodi o si appoggiano su un ripiano in vista. Questa “capanna” si può arredare con statuine che si hanno in casa, oppure si possono dipingere le effigi dei personaggi del presepe su sassi piuttosto piatto e allungati.

 

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti