A cosa serve la Ruota dei colori Montessori e come si fa?

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 28/12/2022 Aggiornato il 28/12/2022

La ruota dei colori Montessori è un gioco divertente e semplice, essenziale per insegnare ai bambini a riconoscere i colori e il loro nome

La ruota dei oclori montessori è un gioco semplice ma molto utile per i bambini

Imparare a riconoscere i colori per i bambini è tutt’altro che scontato. È, infatti, un processo piuttosto lungo e impegnativo per i primi anni, che richiede un certo sviluppo cognitivo e abilità ben precise. La ruota dei colori Montessori è un’attività che, attraverso l’intrattenimento, insegna ai bambini a riconoscere le varie sfumature e ad attribuire ai colori il nome corretto.

Che cos’è la ruota dei colori Montessori?

La ruota dei colori Montessori è un disco suddiviso in vari colori. Si tratta di un gioco semplice che si può realizzare anche a casa propria. Fa parte del metodo educativo di Maria Montessori  ed è un gioco molto utile per far imparare ai bambini a distinguere i colori primari, poi i toni più sfumati. I bimbi, infatti, iniziano a distinguere i colori più importanti come rosso-verde-blu-giallo a partire dai 18 mesi, quando le capacità visive si perfezionano. A 3 anni di età circa, la conoscenza di queste tonalità più marcate dovrebbe essere acquisita. Più complesso è, invece, il sapere distinguere colori misti, come il viola, l’arancio, il rosa. La ruota dei colori Montessori aiuta il piccolo in questo importante processo di apprendimento.

Come si prepara in casa la ruota dei colori Montessori?

In commercio è possibile trovare un gioco già pronto, tipo girandola, ma si può anche realizzare la ruota dei colori Montessori a casa, con materiale a costo zero o quasi, anche facendosi aiutare dai bambini. Ecco quello che occorre per una ruota “base”, ossia suddivisa nei sei colori principali: rosso, blu, verde, giallo, bianco e nero.

  • Un cartoncino di forma rotonda, già pronto (per esempio quelli delle basi per torte), oppure da ritagliare in casa, di circa 20 cm di diametro.
  • Un pennarello nero
  • Un righello
  • Sei colori in pastelli a cera o acquerelli o tempere dei colori prescelti
  • Sei mollette per il bucato in legno oppure sei bastoncini in legno piatti (tipo quelli del gelato o gli abbassalingua).

 

Ecco come si procede: con il pennarello, usando il righello, l’adulto suddivide il cartoncino rotondo in sei spicchi uguali. Quindi, anche con l’aiuto del bambino, si colora ciascuno spicchio con un colore. Anche le mollette o i bastoncini vanno dipinti ciascuno con uno dei colori e sopra si scrive il nome del colore stesso.

Come si gioca con la ruota dei colori Montessori?

Nel gioco è essenziale il ruolo dell’adulto, che deve mostrare al piccolo come si usa la ruota. Per esempio, può indicare un colore sulla ruota,  spiegare al bambino di prendere la molletta o il bastoncino dello stesso colore, appoggiandovelo sopra. Oppure, può fare il contrario: può prendere in mano la molletta o il bastoncino e chiedere al piccolo di porlo in corrispondenza del colore giusto. Con il passare del tempo, il bambino dovrà anche imparare il nome del colore, pronunciandolo nel momento in cui abbina un determinato colore a molletta o bastoncino. È possibile anche scrivere il nome del colore in inglese, in modo che il piccolo impari a pronunciarlo anche in una lingua che gli sarà utile in futuro.

Quando è possibile proporre ai bambini la ruota dei colori Montessori?

Secondo gli esperti, si può iniziare a giocare con la ruota dei colori già a 2-3 anni, perché a questa età un bambino ha già una discreta capacità di distinguere i colori. A ogni età è essenziale affidare il gioco più idoneo, né troppo semplice né troppo complesso. L’abbinamento del colore giusto affina questa capacità, lo spinge a riconoscere progressivamente altre tonalità secondarie e meno definite, fa maturare lo spirito di osservazione e di associazione degli oggetti. Inoltre migliora il movimento fine e la coordinazione oculo-motoria. Con il passare del tempo, si possono creare ruote dei colori più complesse, passando dai sei agli otto (aggiungendo, per esempio, arancio e viola), quindi dieci (con rosa e grigio). Teoricamente si può arrivare fino a 14-16 spicchi, se si desidera, aggiungendo di volta in volta colori più sfumati.

Come si deve fare se il bambino sbaglia?

Secondo il metodo montessoriano un bambino va lasciato libero di esprimersi per poter dare sfogo alla sua fantasia e alla creatività. Durante il processo di apprendimento l’errore rappresenta un modo per imparare, per correggersi e ripartire fino ad eseguire una cosa nel modo giusto. Per questa ragione è essenziale non dire al piccolo “no, hai sbagliato”, o peggio ancora sgridarlo. Lo si deve invece supportare dandogli fiducia e dirgli piuttosto “sei sicuro che sia giusto? Pensaci bene”, sempre con il sorriso. Il bambino non deve sentirsi criticato o rimproverato perché questo può incidere negativamente sulla sua autostima e limitare le sue capacità.

 

 

 
 
 

In sintesi

A quale età i bambini riconoscono i colori?

A 3 anni un bambino dovrebbe essere già in grado di distinguere rosso, giallo e blu, associandone correttamente il nome. Verso i 5 anche grazie alla ruota dei colori il piccolo impara per esempio che l’azzurro è un tipo di blu. A questa età, inoltre, inizia a manifestare preferenza verso alcuni colori piuttosto che verso altri.

 

Come esercitare i bambini a riconoscere i colori?

 

Una volta che il bambino ha appreso una certa sicurezza nella ruota dei colori, è utile anche nella vita quotidiana inventare giochi per esercitarlo. Per esempio gli si può mostrare una mela, un’arancia o un frutto e chiedergli il colore. Quando lo si aiuta a vestirsi, lo si può invogliare a indicare il capo con il colore (la felpa blu, la maglietta rossa) e così via.

 

Fonti / Bibliografia

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti