Uova di Pasqua decorate: tante idee per realizzarle con i bambini

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 31/03/2023 Aggiornato il 21/02/2024

Le uova di Pasqua decorate sono facili da fare anche per il bambini. Si possono usare uova sode, di cioccolato oppure uova finte da dipingere a piacere

Le uova di Pasqua decorate sono di grande effetto cone centrotavole, inoltre colorare le uova è di grande divertimento per i bambini.

Anche a Pasqua è bello addobbare la casa con decorazioni a tema, che richiamano i colori della primavera. Oltre ai tanti lavoretti che si possono fare con i bambini, un classico sono le uova di Pasqua decorate. Qui ci si può sbizzarrire con la fantasia, perché si possono decorare uova sode e di cioccolato, ma anche uova di legno, polistirolo o altri materiali che si possono regalare o da utilizzare per abbellire gli ambienti.

Come decorare le uova di Pasqua di cioccolato

Tra le idee per decorare le uova di Pasqua con i bambini, una delle più divertenti è con l’uovo di cioccolato. Si può acquistare ovviamente già pronto, di ottima qualità, nella variante che si preferisce, quindi al latte, fondente oppure bianco. È meglio che la superficie sia liscia, in modo che le decorazioni alimentari scelte aderiscano meglio. Per creare le uova di Pasqua decorate è bene avere:

  • un sac a poche per pasticceria
  • cioccolato da fondere
  • decorazioni alimentari di vario tipo, per esempio fiori, pupazzetti, animaletti o quello che si preferisce (si trovano facilmente in qualsiasi supermercato
  • In alternativa al cioccolato fuso da distribuire con il sac a poche, va anche bene la colla alimentare

Ecco qualche idea per procedere

Uovo romantico: si scelgono come decorazioni fiorellini di colore rosa, da applicare su un uovo di cioccolato bianco, oppure fiori bianchi per il cioccolato al latte o fondente. Con il cioccolato fuso caldo oppure la colla alimentare, aiutiamo i bambini ad applicare i fiorellini uno per uno, secondo la loro fantasia. Si può creare un ramo fiorito, oppure una cascata, una spirale di fiorellini o quello che si preferisce.
Uovo goloso: si sceglie frutta disidratata e a guscio nelle varietà preferite (accertandosi che nessuno abbia problemi di allergie), quindi gherigli di noce, mandorle, pinoli, uvetta, frutti di bosco. Anche in questo caso con il cioccolato fuso caldo oppure la colla alimentare si applica la frutta creando decorazioni come suggerisce la creatività. Sul cioccolato bianco o fondente sarà di grande effetto la frutta di colore rosso o viola, mentre per il cioccolato al latte si possono scegliere mandorle, noci, pinoli che creano contrasto.

uova di pasqua decorate con cioccolato

Foto di Thuanny Gantuss

Uovo divertente: il bambino può applicare anche da solo piccoli confetti di zucchero o di cioccolato colorati, creando l’immagine di un volto, oppure un animale, o ancora fiori, cuori o quello che preferisce. Se sa già scrivere, può anche formare il proprio nome, oppure la data della Pasqua e così via.

Come decorare le uova di Pasqua usando uova vere

 

Le uova sode sono un classico delle merende di primavera e del giorno di Pasquetta. Per un tocco di originalità, perché non provare a decorare le uova di Pasqua utilizzando uova vere? È ovviamente indispensabile adoperare coloranti naturali e il risultato è così simpatico che anche i bimbi più riluttanti vorranno assaggiare l’uovo, un alimento ricco di proteine e benefico per il cervello. Vediamo come fare.

uova decorate per bambini

Occorrente: uova già sode con ancora il guscio (meglio se bianche), tante ciotole quanti colori intendiamo utilizzare, aceto bianco, coloranti alimentari che si trovano nei negozi specializzati. In alternativa è possibile utilizzare coloranti ottenuti con alimenti che si hanno a casa. Per esempio con il succo di barbabietola le uova si decorano di rosa, con la curcuma di giallo-arancio, con il succo di spinaci di verde e così via.
Procedimento: si scioglie un po’ di colorante nell’acqua contenuta in ciascuna ciotola e si aggiunge un cucchiaino di aceto. Quindi si immerge l’uovo e lo si lascia per almeno 10-15 minuti. Quindi si estrae l’uovo con una pinza e lo si appoggia su carta forno per lasciarlo asciugare. Per rendere ciascun uovo ben lucido si può applicare una goccia di olio di oliva o di semi, distribuendolo bene.
Si possono colorare le uova anche direttamente sull’albume già cotto, ben sgusciato. In questo caso è bene usare i coloranti naturali, lasciando l’uovo immerso per almeno 8-10 ore.

Idee per decorare le uova di Pasqua con i bambini

uova decorate con pennarelli e tempera

Foto di cottonbro studio da Pexels

Tra le idee per decorare le uova di Pasqua con i bambini non possono mancare le uova  da colorare a piacere con tutto il materiale che si desidera. Si possono acquistare uova in legno, plastica o polistirolo che, una volta decorate, possono essere conservate per la Pasqua successiva, oppure riciclate. In alternativa, anzichè cuocere le uova e usare quelle sode per decorarne i gusci, si può sempre fare un forellino nella parte superiore delle uova ed estrapolarne il liquido. In questo modo i bambini potranno procedere a dipingere le uova con i colori a tempera o adornarle nel migliore dei modi, mentre gli adulti potranno preparare, ad esempio, una frittata da portare al picnic di Pasquetta.

Decorare le uova di legno

Le uova in legno sono le più semplici da decorare e anche esteticamente sono le più gradevoli. Un classico è l’uso delle tempere. Si stende un foglio di carta protettiva sul piano di lavoro, quindi si dipingono le uova nei colori preferiti, facendosi aiutare da un adulto nel caso di bambini piccoli. Una volta che il colore di base è ben asciutto, si possono aggiungere decorazioni a contrasto, per esempio fiori, onde, stelle e tutto quello che il bambino è in grado di realizzare. È importante che sia il bambino ad esprimere la propria creatività. Quando ciascun uovo è ben asciutto, si passa un velo di vernice trasparente per un effetto lucidante.

Con un uovo in legno si può realizzare anche una simpatica piantina grassa. È sufficiente colorare con tempera verde la superficie dell’uovo, aggiungendo piccoli tocchi neri per simulare le spine. In alto si applica un piccolo fiore finto in cartone. Si taglia a metà un rotolo in cartone (per esempio quello della carta casa) colorandolo in rosso mattone o avvolgendolo in carta dello stesso colore. Si sistema il cactus sul “vasetto” e l’effetto è assicurato.

Decorare le uova di polistirolo             

eggs-3216877_1280

Foto di WOKANDAPIX da Pixabay 

         

Leggere e infrangibili, le uova in polistirolo si prestano molto bene come decorazione da appendere in casa o anche all’esterno.

Lo stile decoupage è divertente e di grande effetto. Ci si procurano alcune uova, un bicchiere che funge da sostegno, colla vinilica e oggetti vari di passamaneria, per esempio vecchi pizzi inutilizzabili, stoffe a fiori o a quadretti, nastri, perline, centrini. Con l’aiuto del bambino si avvolge l’uovo nella stoffa, rivestendolo completamente oppure lasciando lo sbuffo in alto, legandolo con un nastrino. Con l’aiuto del bambino si applica il pizzo attorno alla circonferenza, si incollano perline e bottoni, frammenti di carta colorata. Praticando un foro nella parte superiore si può far passare un filo o un nastro per appendere l’uovo.

Decorare le uova in plastica

Anche le uova in plastica sono perfette da decorare per i bambini, perché leggere e infrangibili. Per la colorazione richiedono tempere specifiche per la plastica ed è importante assicurarsi che siano atossiche e non indelebili.

Con le uova in plastica si possono creare miniature di frutta e ortaggi, per esempio fragole, mele, ananas, carote. Basta scegliere il colore giusto e, una volta che questo è ben asciutto, si dipingono le foglie, oppure si applicano con la colla dopo averle ritagliate in carta di colore verde.

Se non si ha voglia di colorare o dipingere, le uova in plastica si possono anche decorare con adesivi o stencil a tema, quindi fiori, foglie, pulcini o quello che il bambino preferisce.

 

 

 

 
 
 

In sintesi

L’arte di decorare le uova di Pasqua ha una tradizione molto antica, che parte dal presupposto che l’uovo simboleggia la rinascita e ha quindi un valore benaugurale. In passato, i simboli che venivano dipinti sulle uova avevano valore di preghiera o di buon auspicio e la persona che li riceveva in dono li conservava come un talismano portafortuna.

 

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti