Vaso dei travasi Montessori, come prepararlo per i bambini?

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 06/12/2022 Aggiornato il 06/12/2022

Un sistema semplice e divertente per sviluppare l’intelligenza dei bambini è il vaso dei travasi Montessori. Ecco come farlo con i bambini

bambina gioca al vaso dei travasi montessori

La pedagogista Maria Montessori, fondatrice del metodo che porta il suo nome e che è seguito ancora oggi in tutto il mondo sosteneva che le mani siano lo strumento dell’intelligenza umana. Attraverso l’uso delle mani, fin dall’infanzia si forniscono importanti stimoli al sistema cognitivo. Il vaso dei travasi Montessori è un gioco che risponde a questo principio. Formativo e divertente, è semplice da preparare in casa. Vediamo come fare.

Quando i bambini iniziano a fare i travasi?

Il travaso è un gesto che consiste nello spostare oggetti, nel passare liquidi oppure materiali solidi da un contenitore all’altro, nel versare acqua. È un gesto che rappresenta una fase di passaggio che attraversano tutti i bambini e che dura a lungo. Secondo gli esperti infatti i bambini iniziano a giocare ai travasi attorno ai 12-15 mesi e questa attività li coinvolge fino verso i 5-6 anni circa. È sufficiente osservarli durante il gioco libero o anche mentre si fa loro il bagnetto. I piccoli si divertono a passare materiale solido o liquido come acqua, sabbia, sassi da un contenitore all’altro. Li osservano cadere dall’alto, strizzano le spugne imbevute d’acqua formando piccole cascate e così via.

Cosa stimola il vaso dei travasi Montessori?

Agli adulti potrebbe sembrare un’attività ripetitiva e poco utile. In questa fascia di età il vao dei travasi Montessori permette di dare il via libera alla propria creatività usando le mani. Ripetere gli stessi gesti, osservare la causa-effetto prodotta dalle loro scelte e dai loro movimenti produce grande soddisfazione nei bambini. L’attività ripetitiva è un consolidamento delle abilità, che fa parte del processo stesso di apprendimento. Inoltre, ripetere i movimenti significa svolgerli di volta in volta con sempre maggiore precisione, compiendo meno errori. Questo aumenta l’autostima e spinge il bambino a mettersi alla prova con gesti sempre più complessi. Tutto questo affina il movimento di precisione, stimola l’intelligenza strategica, migliora la coordinazione oculo motoria.

Come si fa il vaso dei travasi Montessori?

Preparare per i bambini il vaso dei travasi Montessori equivale ad assecondare nel modo più naturale il bisogno di spostare oggetti e materiali. Ecco qualche idea per i travasi.

 

  • Travaso nello scatolone. Questo metodo è consigliato per i bambini più piccoli, dai 12 mesi in su. Ci si procura una scatolone abbastanza grande da contenere il bimbo, con i bordi non eccessivamente alti. Lo si riempie di materiale sicuro, che il bambino non possa ingerire o che non sia pericoloso: per esempio sabbia pulitissima, farina gialla, tappi di sughero, riso soffiato. Si sistema il bambino direttamente nello scatolone e gli si forniscono tazze in plastica, cucchiai di legno, mestoli. Quindi pur tenendolo d’occhio lo si lascia libero di sperimentare.             
  • Vaso dei travasi di acqua. Questa attività è adatta per i bambini dai 20-22 mesi in poi. Si sistema davanti al bambino un contenitore ampio e stabile, riempito a metà di acqua tiepida. Si lascia giocare il bambino, fornendogli anche in questo caso tazze e bicchieri infrangibili, contenitori di diverse dimensioni.
Il vaso dei travasi Montessori è adatto anche ai più grandicelli?

Con il passare del tempo il movimento diviene più preciso ed è anche il momento di adeguare gli strumenti alle nuove esigenze di gioco del bambino. Dai due-tre anni si può parlare di vaso dei travasi Montessori vero e proprio. Si realizza in casa con:

 

  • un vassoio abbastanza ampio e i bordi rialzati
  •  alcuni contenitori di varie misure e altezze
  • un imbuto abbastanza ampio
  • mestoli, cucchiai
  •  materiale per riempire, per esempio legumi secchi di diversi colori (fagioli, lenticchie, piselli).

 

Il materiale da travasare dovrebbe trovarsi nei contenitori posti a sinistra sul vassoio: l’adulto mostra al bambino come versare il contenuto nei recipienti di destra, poco alla volta, senza preoccuparsi di eventuali perdite. È un movimento importante per avviare il bambino alla direzione della scrittura, da sinistra verso destra. È altrettanto importante però lasciare che il piccolo giochi in modo autonomo, sperimentando modalità ludiche personali. Questo gioco aiuta il bambino anche a destreggiarsi nei movimenti quotidiani a tavola, per esempio imparando a versare con precisione l’acqua e a maneggiare le prime posatine.

 

 

 
 
 

In sintesi

È possibile lasciare giocare i bambini insieme?

Sarebbe meglio preparare tanti vasi per il travaso Montessori quanti sono i bambini, in modo che ciascuno abbia il suo spazio di gioco. I piccoli possono giocare vicini, nello stesso ambiente, attivando un’interazione verbale e osservando i movimenti che compiono gli altri.

Come è possibile insegnare il vaso dei travasi Montessori ai più piccoli?

Si può iniziare già verso l’anno di età, per esempio durante il bagnetto. Il bambino può indugiare qualche minuto di più in acqua, sempre con il genitore accanto, avendo a disposizione recipienti infrangibili con i quali può iniziare a raccogliere e versare acqua. È un’attività che lo diverte molto.

 

Fonti / Bibliografia

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti