Le favole aiutano il bimbo a crescere

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/03/2013 Aggiornato il 02/03/2013

Le favole non sono solo un passatempo: favoriscono lo sviluppo del linguaggio e sono anche un ottimo strumento educativo e un’occasione per migliorare il legame tra genitore e figlio

Le favole aiutano il bimbo a crescere

Le favole svolgono un ruolo molto importante nello sviluppo del bambino perché contengono, a livello simbolico, i problemi della vita reale. Tramite personaggi che colpiscono la fantasia, le favole permettono al piccolo di rappresentarsi le situazioni in maniera più semplice e immediata, servendosi dell’immaginazione. I personaggi sono sempre ben definiti: il buono e il cattivo, opponendosi, rappresentano nella mente del piccolo l’alternanza tra il bene e il male. L’importanza delle fiabe non si esaurisce però dopo che è terminato il racconto. Il messaggio che la favola porta con sé, cioè la morale, contiene valori, norme di comportamento e regole che il bambino apprende e con i quali può confrontarsi.

Migliorano il legame con i genitori

La buona abitudine di raccontare una storia al bambino prima della buonanotte è un toccasana per tutta la famiglia. Questo rito rafforza il legame con mamma e papà, perché crea un momento intimo e sereno tra i genitori e il bambino: un momento preziosissimo, soprattutto se si pensa alla frenesia dei ritmi quotidiani di oggi. Sarebbe bene che i genitori si alternassero in questa veste, così da instaurare ciascuno un rapporto personale con il piccolo.

Favoriscono il linguaggio

L’ascolto delle favole, fin dai primi mesi di vita, è davvero importante per il bambino: rappresenta un ottimo strumento per porre le basi della sua conoscenza. Grazie al racconto, sente suoni e parole, anche quelli più difficili, di cui non conosce ancora il significato, ma che presto entreranno a far parte del suo vocabolario: un po’ per volta, con l’aiuto del genitore, il piccolo impara a conoscere il mondo esterno e come codificarlo. I bambini cui sono state lette molte fiabe, imparano, infatti, a leggere molto più facilmente: per questo gli studiosi del linguaggio consigliano di dedicare più tempo che si può al bambino, accettando anche di leggere e rileggere più volte ad alta voce i racconti che più gli piacciono.

Aiutano a sviluppare il senso critico

Se si pensa alle favole più classiche, da Cappuccetto Rosso a Biancaneve, per esempio, notiamo che la struttura è più o meno sempre la stessa: accanto al personaggio principale (l’eroe, buono e giusto), ruotano altre figure come l’antagonista (cattivo e spietato), l’aiutante, lo strumento magico e non manca il lieto fine. Quando il bambino è più grandicello, non è raro che chieda spiegazioni sullo svolgersi della vicenda e che voglia sapere il perché degli eventi. Il racconto di una storia solletica nel piccolo la capacità di porsi delle questioni e gli si può chiedere di commentare le azioni del personaggio. Quando è più grandicello alla fine della narrazione si possono porre al bambino, se non è troppo stanco e se ne ha voglia, alcune domande circa il comportamento dei vari personaggi del racconto, per aiutarlo a ragionare e a sviluppare il suo senso critico. 

In breve

una favola prima della buonanotte

Leggere una fiaba al proprio bambino rappresenta sempre un momento magico e di grande intimità tra il piccolo e i suoi genitori. Quindi, anche se la sera si è stanchi dopo una giornata di lavoro, è importante che la mamma e il papà cerchino di ritagliarsi un po’ di tempo per raccontare al bimbo una fiaba prima di dargli la buonanotte.
 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti