Le favole aiutano il bimbo a crescere

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 02/03/2013 Aggiornato il 02/03/2013

Le favole non sono solo un passatempo: favoriscono lo sviluppo del linguaggio e sono anche un ottimo strumento educativo e un’occasione per migliorare il legame tra genitore e figlio

Le favole aiutano il bimbo a crescere

Le favole svolgono un ruolo molto importante nello sviluppo del bambino perché contengono, a livello simbolico, i problemi della vita reale. Tramite personaggi che colpiscono la fantasia, le favole permettono al piccolo di rappresentarsi le situazioni in maniera più semplice e immediata, servendosi dell’immaginazione. I personaggi sono sempre ben definiti: il buono e il cattivo, opponendosi, rappresentano nella mente del piccolo l’alternanza tra il bene e il male. L’importanza delle fiabe non si esaurisce però dopo che è terminato il racconto. Il messaggio che la favola porta con sé, cioè la morale, contiene valori, norme di comportamento e regole che il bambino apprende e con i quali può confrontarsi.

Migliorano il legame con i genitori

La buona abitudine di raccontare una storia al bambino prima della buonanotte è un toccasana per tutta la famiglia. Questo rito rafforza il legame con mamma e papà, perché crea un momento intimo e sereno tra i genitori e il bambino: un momento preziosissimo, soprattutto se si pensa alla frenesia dei ritmi quotidiani di oggi. Sarebbe bene che i genitori si alternassero in questa veste, così da instaurare ciascuno un rapporto personale con il piccolo.

Favoriscono il linguaggio

L’ascolto delle favole, fin dai primi mesi di vita, è davvero importante per il bambino: rappresenta un ottimo strumento per porre le basi della sua conoscenza. Grazie al racconto, sente suoni e parole, anche quelli più difficili, di cui non conosce ancora il significato, ma che presto entreranno a far parte del suo vocabolario: un po’ per volta, con l’aiuto del genitore, il piccolo impara a conoscere il mondo esterno e come codificarlo. I bambini cui sono state lette molte fiabe, imparano, infatti, a leggere molto più facilmente: per questo gli studiosi del linguaggio consigliano di dedicare più tempo che si può al bambino, accettando anche di leggere e rileggere più volte ad alta voce i racconti che più gli piacciono.

Aiutano a sviluppare il senso critico

Se si pensa alle favole più classiche, da Cappuccetto Rosso a Biancaneve, per esempio, notiamo che la struttura è più o meno sempre la stessa: accanto al personaggio principale (l’eroe, buono e giusto), ruotano altre figure come l’antagonista (cattivo e spietato), l’aiutante, lo strumento magico e non manca il lieto fine. Quando il bambino è più grandicello, non è raro che chieda spiegazioni sullo svolgersi della vicenda e che voglia sapere il perché degli eventi. Il racconto di una storia solletica nel piccolo la capacità di porsi delle questioni e gli si può chiedere di commentare le azioni del personaggio. Quando è più grandicello alla fine della narrazione si possono porre al bambino, se non è troppo stanco e se ne ha voglia, alcune domande circa il comportamento dei vari personaggi del racconto, per aiutarlo a ragionare e a sviluppare il suo senso critico. 

In breve

una favola prima della buonanotte

Leggere una fiaba al proprio bambino rappresenta sempre un momento magico e di grande intimità tra il piccolo e i suoi genitori. Quindi, anche se la sera si è stanchi dopo una giornata di lavoro, è importante che la mamma e il papà cerchino di ritagliarsi un po’ di tempo per raccontare al bimbo una fiaba prima di dargli la buonanotte.
 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti