Legionellosi nei bambini: prevenzione, sintomi e cura

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 15/02/2024 Aggiornato il 15/02/2024

La legionellosi, nei bambini ma anche negli adulti, è provocata da un batterio che raggiunge le vie respiratorie in un modo molto particolare. Vediamo i sintomi che provoca, come si scopre e come si può curare.

Legionellosi nei bambini: prevenzione, sintomi e cura

La legionellosi nei bambini non è una malattia particolarmente frequente. Quando si verifica, però, può avere conseguenze anche serie, soprattutto se un bambino ha un sistema di difese poco attivo oppure ha altre malattie in corso. Inoltre, provoca sintomi simili a quelli di una polmonite infettiva. Una diagnosi non accurata rischia di causare confusione e, quindi, di non permettere le cure adeguate. Cerchiamo di capire quindi che cosa causa la legionellosi nei bambini e come si può curare.

Legionellosi: cos’è

“La legionellosi nei bambini e negli adulti è un’infezione causata da batteri del genere Legionella pneumophila” spiega il professor Fabrizio Pregliasco, Dipartimento di Scienze biomediche per la salute dell’Università degli Studi di Milano, direttore sanitario Irccs Galeazzi di Milano. “Nella forma più seria provoca una malattia che coinvolge i polmoni. Questa è chiamata anche Malattia del Legionario, a seguito di un’epidemia che colpì alcuni legionari americani negli anni Settanta. Consiste in una polmonite che non si riesce a distinguere facilmente da altre infezioni respiratorie acute delle basse vie aeree, come la polmonite di origine infettiva”.

Il batterio Legionella

La Legionella è presente in acque di fiumi, laghi naturali e artificiali, in acque sorgive e termali, dove sopravvive tra i 20 e i 45 gradi circa. Da questi luoghi raggiunge gli ambienti in cui le persone vivono attraverso le condutture cittadine e gli impianti idrici che raggiungono abitazioni, ospedali, piscine, luoghi di lavoro e locali pubblici. Bere l’acqua contenente il batterio non espone ad alcun rischio. Il pericolo esiste se si respira l’acqua attraverso le minuscole goccioline di aerosol che si diffondono da rubinetti, docce, impianti di condizionamento di edifici e abitazioni. Il contagio avviene esclusivamente in questo modo: la legionellosi infatti non è infettiva, ossia non si trasmette da persona a persona.

Incubazione e sintomi legionellosi

I sintomi della legionellosi compaiono tra i due e i dieci giorni dopo il contatto con il batterio responsabile, e sono simili a quelli di un’influenza, ossia mal di testa, dolori muscolari e malessere di diversa entità, che possono dare luogo a due tipi di legionellosi: la Malattia del Legionario e la Febbre di Pontiac. Ecco come si manifestano. 

La Malattia del Legionario

La forma più seria di legionellosi nei bambini è una malattia polmonare che presenta tutte le caratteristiche delle polmoniti infettive, ma che ovviamente non è contagiosa. Si chiama la malattia del legionario e i sintomi sono:

  • febbre alta
  • tosse
  • respiro affannoso
  • malessere generale.

Nei casi più seri, che riguardano per esempio bambini con sistema immunitario poco attivo oppure che hanno altri problemi di salute, possono subentrare complicanze polmonari, come insufficienza respiratoria, oltre a manifestazioni neurologiche, renali e gastrointestinali.

La Febbre di Pontiac 

Se un bambino entra in contatto con il batterio ed è in buone condizioni generali di salute, compare l’infezione in forma più leggera, chiamata Febbre di Pontiac. Questa provoca sintomi simili a quelli di una sindrome influenzale, quindi:

  • febbre non troppo elevata
  • mal di testa
  • dolori muscolari.

È possibile tenere sotto controllo i sintomi con farmaci analgesici e antinfiammatori in dosi per bambino, suggerite dal pediatra. Esiste anche una forma sub-clinica, con sintomi così lievi e sfumati che non ci si accorge nemmeno di essere entrati in contatto con il batterio.

Legionellosi: prevenzione e cura

Per sapere se sono affetti da legionellosi occorre sottoporre i soggetti con polmonite ad alcuni esami. Ecco quali.

  • test specifico per la ricerca dell’antigene della legionella nelle urine, che, assieme ai segni clinici e ai sintomi, permette di fare la diagnosi;
  • radiografia del torace per individuare i segni della polmonite;
  • esami del sangue con il test di funzionalità renale;
  • ricerca del batterio nell’espettorato e nel sangue e degli anticorpi specifici per la scelta della strategia di cura.

La cura consiste nell’assunzione di antibiotici, soprattutto macrolidi e fluorochinolonici come azitromicina e levofloxacina, per alcuni giorni sotto stretto controllo del medico curante per evitare problemi di antibioticoresistenza, che oggi rappresenta una vera emergenza.

Regole di prevenzione per la legionellosi

“Il rischio di contagio avviene quando il batterio raggiunge l’apparato respiratorio attraverso l’aerosol, ossia le minuscole goccioline di vapore, che riescono a penetrare fino negli alveoli polmonari e contengono una carica batterica sufficiente a causare la malattia” aggiunge il professor Pregliasco. “Per evitare la legionellosi nei bambini è possibile mettere in atto una serie di regole di semplice igiene domestica”. Vediamo in che modo.

  • Non eccedere con l’impiego di aria climatizzata in casa. L’impianto va sottoposto a una regolare pulizia e manutenzione;
  • Pulire regolarmente con acqua calda tutti i contenitori dove ristagna l’acqua in casa;
  • Nei bambini preferire il bagno alla doccia (che produce aerosol). Se si fa la doccia è bene lasciare la finestra e la porta del bagno un po’ aperte;
  • Lasciare scorrere per qualche istante il rubinetto dell’acqua calda prima di regolarla sulla temperatura corretta: il batterio non sopravvive oltre i 55 gradi;
  • Non usare i ferri da stiro con nebulizzatore soprattutto se in casa c’è un bambino;
  • Innaffiare le piante con il getto tradizionale che non produce aerosol.

Foto di cottonbro studio via Pexels.com

 
 
 

In breve

La legionellosi nei bambini, come negli adulti, colpisce i polmoni perché il batterio che la provoca raggiunge le vie respiratorie profonde attraverso goccioline di aerosol di acqua contaminata. Se compaiono sintomi respiratori, è opportuno contattare il pediatra

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può dare l’acqua ai piccolissimi?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Ad allattamento ben avviato, quindi più o meno dopo le prime settimane di vita, se ragionevolmente si ritiene che il bebè possa avere sete (o se si notano segni di disidratazione, come il pannolino asciutto per molte ore) gli si possono offrire piccole quantità d'acqua. Se fa numerose poppate nell'arco...  »

Coppia con bisnonni in comune: ci sono rischi per i figli?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il grado di parentela dovuto a bisnonni in comune non aumenta la probabilità di concepire figli con malattie ereditarie. A meno che vi siano persone malate o disabili tra i consanguinei in comune,   »

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti