L’infanzia difficile danneggia lo sviluppo cerebrale in adolescenza

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 30/08/2018 Aggiornato il 30/08/2018

I traumi e l’infanzia difficile fanno maturare più in fretta i bambini, ma rallentano la crescita cerebrale degli adolescenti

L’infanzia difficile danneggia lo sviluppo cerebrale in adolescenza

L’infanzia difficile, con situazioni traumatiche quali una malattia grave o essere vittime di episodi di bullismo o di abusi, modifica la struttura del cervello dei bimbi e degli adolescenti. Ma ci sono effetti diversi a seconda dell’età in cui questi traumi si verificano.

Studiate due età

È quanto dimostra uno studio pubblicato su Scientific Report e condotto da un team della Radboud Universiteit di Nijmegen in Olanda. I ricercatori hanno seguito per quasi 20 anni 37 ragazzi senza alcun tipo di disordini psichiatrici o malattie neurologiche, raccogliendo informazioni sul loro rapporto con i genitori, le relazioni con i compagni di classe e con gli amici. In particolare hanno studiato due periodi della vita dei partecipanti, da 0 a 5 anni e tra 14 e 17 anni.

I cambiamenti cerebrali nell’adolescenza

Sono state effettuate immagini di risonanza magnetica per osservare come l’infanzia difficile con episodi stressanti si riflettesse su cambiamenti dell’amigdala e dell’ippocampo, regione del cervello che influenza memoria, sfera emotiva e comportamento. Da sapere che durante l’adolescenza le connessioni precedentemente create tra le cellule cerebrali vengono raffinate, consentendo la creazione di reti neuronali più utili ed efficienti.

L’influenza dello stress

La ricerca si è così concentrata su come lo stress influisce in questa fase, studiando 2 tipi di situazioni: gli eventi negativi personali, come malattie, lutti, divorzi e le situazioni sociali stressanti ad esempio il bullismo o la bassa stima dei coetanei a scuola. Hanno così registrato che l’infanzia difficile sembra essere correlata a una più rapida maturazione della corteccia prefrontale e dell’amigdala. Al contrario gli eventi traumatici durante l’adolescenza sono collegabili a un ritardo dello sviluppo dell’ippocampo e della corteccia pre-frontale.

I danni di una maturazione troppo precoce

Anna Tyborowska, autrice dello studio, ha spiegato che il fatto che lo stress nella prima infanzia acceleri lo sviluppo cerebrale durante l’adolescenza è coerente con le teorie di biologia evolutiva. Da un punto di vista evolutivo, infatti, è utile maturare più velocemente se si cresce in un ambiente stressante. Tuttavia, questo processo impedisce al cervello di adattarsi all’ambiente in modo flessibile. In altre parole, il cervello diventa maturo troppo presto e si irrigidisce.

 

 

 
 
 

Da sapere

STUDIO ANCORA IN CORSO

Il prossimo passo della ricerca sarà quello di osservare gli effetti a lungo termine dello stress, continuando a monitorare gli stessi partecipanti per vedere come si evolve il loro sviluppo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti