Lo yoga per bambini aumenta la concentrazione, e non solo!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/07/2013 Aggiornato il 15/07/2013

Le ultime ricerche lo confermano, lo yoga per bambini li aiuta a stare meglio, a superare lo stress e ad avere più concentrazione

Lo yoga per bambini aumenta la concentrazione, e non solo!

Lo yoga non è utile solo agli adulti. In un’epoca in cui anche i bambini sono sottoposti a ritmi accelerati, questa disciplina può costituire una risorsa preziosa per l’età pediatrica: migliora la concentrazione e l’autostima, diminuisce lo stress, accompagna il piccolo nella sua crescita. È quanto sostiene la Società italiana di pediatria preventiva e sociale (Sipps), che durante l’ultimo Congresso ha dedicato una sessione allo yoga per bambini, dando la parola agli esperti della Federazione Italiana Yoga.

È uno strumento utile e semplice

Oggi siamo tutti di corsa, inclusi i più piccoli. I loro ritmi naturali, però, non sono adatti a questi tempi accelerati. Ecco perché, talvolta, possono subentrare condizioni di disagio psichico e di forte stress. Il dottor Giuseppe Di Mauro, pediatra e presidente Sipps, ha spiegato che è necessario intervenire prima che queste situazioni sfocino in forti disagi o vere e proprie patologie. Lo yoga per bambini può essere una valida risposta a queste problematiche: attraverso metodologie semplici, come il movimento e la respirazione, consente ai più piccoli di imparare a stare bene, sotto tutti i punti di vista.

Accompagna il piccolo nella crescita

Lo yoga è uno strumento molto utile per recuperare situazioni di stress e di disagio psichico e sociale. Ma i suoi benefici non finiscono qui. È anche in grado di accompagnare il bambino nel suo percorso di crescita, facilitando lo sviluppo delle sue potenzialità e di una personalità equilibrata e autonoma. In questo senso, lo yoga può essere paragonato alla pedagogia: entrambe queste discipline si occupano dell’educazione e della formazione dei bambini.

Migliora le difficoltà di apprendimento

Questa tecnica di origine orientale è utile anche per superare le difficoltà di apprendimento. Infatti, migliora la concentrazione, combatte i disturbi dell’attenzione, aumenta la sicurezza in sé e nei propri mezzi. Ecco perché, pur essendo una pratica adatta a qualsiasi bimbo, è indicata soprattutto per quelli “terribili”, che fanno fatica a stare fermi, sono aggressivi, ansiosi, paurosi o si distraggono facilmente e hanno problematiche scolastiche. Del resto, lo svolgimento degli esercizi e delle tecniche dello yoga, richiedendo una certa dosa di concentrazione e di applicazione, allena queste due abilità.

In breve

MEGLIO DOPO I TRE ANNI

In linea di massima, tutti i bambini, di qualunque età, possono avvicinarsi allo yoga. Tuttavia, la disciplina è consigliata a partire dai tre anni quando il piccolo ha acquisito una certa autonomia nei movimenti, è dotato di una buona capacità di concentrazione ed è in grado di esprimersi bene e dire molte parole.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pillola dimenticata: è alto il rischio di gravidanza?

01/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Se ci si dimentica di assumere il contraccettivo orale, basta prenderlo entro 12 ore dall'abituale per non correre rischi.   »

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti