Macchie bianche sui denti dei bambini? Attenzione alle cause

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 03/03/2022 Aggiornato il 03/03/2022

Gli esperti hanno individuato una possibile causa delle macchie bianche sui denti dei bambini: la presenza di albumina in sangue e tessuti

Macchie bianche sui denti dei bambini? Attenzione alle cause

A volte i genitori notano la presenza di macchie bianche sui denti dei loro bambini. È un problema che gli esperti definiscono ipomineralizzazione, o Mih o anche “denti di gesso”. Consiste in un’anomalia nella formazione dello smalto che ha conseguenze non soltanto estetiche, ma anche legate alla salute stessa del dente. In particolare l’albumina, una sostanza presente nel sangue e nel tessuto gengivale, potrebbe causare la comparsa delle macchie bianche sui denti dei bambini

Come togliere le macchie sui denti?

L’ipomineralizzazione consiste nella comparsa di zone di colore diverso sulla superficie dentaria. Il problema riguarda un bambino su 5. Si tratta spesso di macchie bianche sui denti, ma possono comparire anche chiazze giallastre o giallo-marroncino, con zone prive di smalto e dentina. Si notano anche difetti dello smalto, aree porose e piccole fratture dello smalto stesso. Non si tratta solo di un problema di tipo estetico, ma anche di salute del cavo orale. Le macchie bianche sui denti sono caratteristiche di una dentatura delicata, sensibile agli stimoli del freddo e più facilmente soggetti alla carie. Il bambino può provare dolore anche durante la masticazione e i sui denti sono in generale più delicati.

Perché si formano macchie sui denti?

Le cause del problema sono state a lungo sconosciute. Gli esperti negli anni le hanno attribuite a influenze di prima della gestazione, durante o nei primi giorni di vita del piccolo. La responsabilità è attribuita anche a problemi di alimentazione o ad assunzione di antibiotici() in gravidanza o nei primi mesi del bambino.
Un gruppo di esperti, in seguito a studi approfonditi, ritiene che la causa delle macchie bianche sui denti sia da ricercare nella contaminazione con l’albumina, una proteina che si trova nel sangue e nel tessuto che circonda il dente. Secondo gli esperti, il problema ha inizio quando l’albumina entra in contatto con lo smalto dei denti durante il periodo di formazione di questo.
L’albumina è una proteina presente nell’organismo e può penetrare nei tessuti dentari, per esempio, durante un episodio febbrile nella prima infanzia. In questo caso l’albumina penetra nei punti più deboli del dente, si lega ai cristalli dello smalto e ne blocca la crescita. Non è quindi un problema a livello dentario, ma coinvolge l’organismo in generale.

 

 

 

 
 
 

In sintesi

Come far sparire le macchie dai denti?

Al momento non è ancora possibile prevenire l’ipomineralizzazione, ma la scoperta permetterà di indagare ulteriormente il problema, fino a individuare eventuali strumenti di prevenzione. Attualmente, esistono diverse diverse possibilità di cura. I bambini con macchie bianche sui denti devono essere seguiti regolarmente dal dentista ed effettuare sedute regolari di igiene orale con pulizia professionale. Sono anche utili i preparati a base di fluoro e l’impiego di prodotti a base di calcio e fosfato. La sigillatura() è in grado di ridurre i rischi di carie e l’eccessiva sensibilità dei denti a freddo e caldo.  

Come rinforzare i denti dei bambini?

È importante anche a casa ridurre il rischio di carie e di ipersensibilità dentaria. I bambini devono abituarsi a lavare i denti tre volte al giorno e ad evitare troppi spuntini a base di alimenti dolci o acidi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti