Come capire se il bambino ha davvero mal di pancia o è una scusa? 

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 02/11/2022 Aggiornato il 02/11/2022

Spesso lamentare mal di pancia è una scusa dei bambini per saltare la scuola. Alcuni bambini però soffrono davvero di dolori addominali che presentano a intervalli più o meno regolari, sulle cui cause è bene indagare

il mal di pancia nei bambini è molto comune

Dopo tosse e raffreddore, il mal di pancia ricorrente è il sintomo che viene riferito ai pediatri più spesso e che determina frequenti accessi al Pronto soccorso. Si calcola che ne soffra circa il 10-20% dei bambini tra i 2 e i 6 anni – con un’incidenza che aumenta con gli anni per diventare massima in epoca preadolescenziale, con una prevalenza di femmine sui maschi.

Perché mio figlio ha sempre mal di pancia?

I dolori addominali non sono tutti uguali. Quello che mette più in allarme i genitori non è il mal di pancia occasionale spesso riconducibile a un consumo eccessivo di caramelle o di cibi poco sani: così come compare, solitamente se ne va senza lasciare conseguenze. Ben diverso è il mal di pancia che si presenta a intervalli più o meno regolari (almeno una volta alla settimana per almeno due mesi), spesso è associato a eccessiva reattività a stress ambientali (in ambito scolastico, familiare o sportivo) e accompagnato a volte da altri sintomi dolorosi (il più comune è il mal di testa), e arriva a modificare la qualità di vita del bambino.

I segnali da osservare
Questo tipo di mal di pancia si manifesta di solito con un’intensità tale da far smettere il bambino di giocare o di fare le normali attività quotidiane. Viene avvertito in modo non ben definito intorno all’ombelico, è accompagnato da pallore e mette il bambino in uno stato di sofferenza generale. La durata è variabile, solitamente però non supera l’ora e non ha un rapporto preciso con il pasto o con la defecazione. Non va confuso con la gastroenterite (diarrea) né è dovuto a intossicazioni da alimenti o farmaci o – nel caso di un dolore acuto e improvviso – a un attacco di appendicite, un’occlusione intestinale o un’infezione delle vie urinarie.

Perché si ha il mal di pancia?

Nel 90% dei casi la causa del mal di pancia ricorrente è funzionale, ovvero all’origine del dolore c’è una modificazione del funzionamento dell’intestino (come un’alterazione della quantità di gas intestinali o un’ipereccitabilità della muscolatura intestinale). In meno del 10% dei casi, invece, il dolore ha origine organica (stitichezza cronica, intolleranza al lattosio, malattia di Crohn, parassitosi, celiachia). Nella maggior parte dei bambini, comunque, il dolore addominale ricorrente ha una causa funzionale.
Visita ed esami
Una visita generale accurata e – nel caso in cui il medico lo ritenga necessario – specifici esami del sangue sono solitamente sufficienti a stabilire se i dolori addominali ricorrenti hanno origine funzionale, cioè non sono legati a una malattia ma sono la conseguenza di un’elevata sensibilità dell’intestino ad alcuni stimoli di stress ambientale.
Sintomo di una malattia
Tuttavia, Iin alcuni casi – circa 1 su 10 – il dolore addominale ricorrente nei bambini può avere cause organiche. Alcuni segnali d’allarme da non sottovalutare sono:

  • dolore in un punto preciso della pancia di lunga durata (più di 3-4 ore) che si irradia all’inguine o al dorso o compare di notte;
  • presenza di febbre;
  • alterazioni dell’alvo (diarrea o stitichezza ostinata);
  • vomito;
  • calo di peso;
  • rallentamento della crescita;
  • sangue nelle feci.

 

Cosa fare in caso di mal di pancia nei bambini?

Per arrivare a una diagnosi precisa il pediatra deve prima di tutto escludere le malattie di origine organica. Per questo può essere utile tenere un diario e registrare la frequenza del disturbo, il momento della giornata in cui si presenta, l’attività che il bambino stav svolgendo al momento dell’insorgenza del dolore, la modalità in cui il mal di pancia si presenta (con o senza nausea, gonfiore addominale, presenza di altri sintomi come vomito o mal di testa), le abitudini di evacuazione intestinale (quotidiana o no, caratteristiche delle feci ), il tipo di alimentazione. In questo modo si fornisce al pediatra il maggior numero possibile di informazioni utili.

Quando preoccuparsi per il mal di pancia dei bambini?

L’ età in cui il dolore si manifesta è già un indizio per la diagnosi. Nei primi tre anni di vita, infatti, i dolori addominali sono solitamente funzionali, mentre in seguito è più probabile che ci si possa imbattere – una volta esclusa ogni patologia – in dolori di origine psicosomatica, alla luce dell’eccesso di prestazioni ad alto livello che vengono richieste ai bambini. Tra il primo e il terzo anno di vita grande attenzione bisognerebbe dare all’anamnesi, cioè alla storia del bambino, e non soffermarsi solo al sintomo: la modalità del parto e l’allattamento ricevuto dal bambino possono, infatti, fare la differenza, dal momento che il microbiota intestinale (ovvero l’insieme dei quasi 100mila miliardi di batteri che abitano l’intestino umano) nei bambini partoriti con taglio cesareo e allattati con il biberon è strutturalmente diverso e molto più suscettibile ad alterarsi.

L’ansia può provocare il mal di pancia dei bambini?

I bambini che soffrono di dolori addominali ricorrenti funzionali sono in genere perfezionisti e meticolosi, bravi a scuola e nelle diverse attività che svolgono anche al di fuori dell’ambito scolastico (sport, musica) e per questo a volte esposti ad aspettative eccessive. Il timore di non riuscire a far bene provoca in loro uno stress che viene scaricato sulla pancia. E così eventi anche molto diversi tra loro. come il passaggio dalla scuola dell’infanzia alla primaria, la presenza di una maestra un po’ rigida, un litigio con un compagno di classe o un insuccesso nell’attività sportiva possono sfociare nel mal di pancia ricorrente. Il dolore riferito dal bimbo non è, quindi, una simulazione. Allo stesso tempo, però, non deve essere una scusa per non svolgere le normali attività quotidiane, come andare a scuola o praticare l’attività sportiva.

 

 
 
 

In sintesi

Come far passare il mal di pancia?

Va detto che in questo tipo di mal di pancia mettere a dieta il bambino, facendolo mangiare in bianco o eliminando determinati alimenti, non è alcun aiuto, sebbene corrette abitudini alimentari e uno stile di vita sano e attivo giovino sempre al benessere dell’intestino. Per risolvere il problema, il pediatra può ritenere opportuna la somministrazione di probiotici in caso di diarrea, tensione addominale e formazione di gas, o di specifici farmaci anche a scopo preventivo o per alleviare il dolore.

Per risolvere gran parte dei mal di pancia ricorrenti di origine disfunzionale la soluzione del problema è solitamente dietro l’angolo, ma troppo spesso ce la lasciamo sfuggire. Il mercato ci offre un innumerevole numero di probiotici, in quantità sempre crescente. In realtà sono sufficienti quelli a base di Lattobacilli e di Bifidobatteri, che sono in grado di superare l’acidità gastrica e quindi di arrivare all’intestino, risolvendo gran parte dei disturbi funzionali. Il gioco è l’altra medicina per il mal di pancia. I bambini non sanno più giocare: gli si insegna già a 5 anni che bisogna solo competere. Attraverso il gioco, invece, i piccoli si rilassano ed escono dal ruolo di bambini performanti che sentono di dover primeggiare a tutti i costi, essere i più forti e i più bravi.

 

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti