Mal di pancia ricorrente: un aiuto dai probiotici

Miriam Cesta
A cura di Miriam Cesta
Pubblicato il 22/03/2019 Aggiornato il 22/03/2019

Non è una scusa: il mal di pancia ricorrente esiste e interessa un bambino su quattro. Avere sollievo dal dolore è possibile, anche con i probiotici. Vediamo come

Mal di pancia ricorrente: un aiuto dai probiotici

Non solo per prevenire o ridurre i fastidi intestinali dovuti all’assunzione di farmaci, in particolare gli antibiotici: l’uso di probiotici potrebbe essere utile anche per dare sollievo in caso di mal di pancia ricorrente, disturbo di cui in età scolare può arrivare a interessare fino a un bambino su quattro. La notizia arriva da uno studio pubblicato su Jama Pediatrics da un gruppo di ricercatori della University of Exeter Medical School nel Regno Unito.

Più diffuso di quanto si creda

Se a volte i genitori ritengono che il mal di pancia lamentato dal proprio figlio possa essere niente più che una scusa per non andare a scuola, gli esperti avvertono però che nei bambini il dolore addominale ricorrente è più diffuso di quanto non si creda: ne soffre circa il 10-20% dei bimbi di età compresa tra i 2 e i 6 anni e l’incidenza aumenta con gli anni per diventare massima in epoca preadolescenziale.

Alla base diversi disturbi

L’espressione “dolore addominale ricorrente”, spiegano i ricercatori britannici, è una definizione ‘ombrello’ che comprende al suo interno un insieme di disturbi gastrointestinali funzionali di varia origine, quali la dispepsia funzionale (dolore o fastidio persistente o ricorrente nella parte alta dell’addome), la sindrome dell’intestino irritabile (caratterizzata da dolore addominale, costipazione o diarrea, oppure una combinazione di stipsi e diarrea), il dolore addominale funzionale (che si manifesta con dolore in zona periombelicale senza irradiazione, episodico o persistente, che si presenta almeno una volta alla settimana per due mesi e influisce sulla qualità della vita) e la sindrome da dolore addominale funzionale (caratterizzata da dolore cronico o frequente che non deriva da una causa specifica e identificabile).

I sintomi

Il dolore addominale ricorrente viene riferito come un dolore di intensità sufficiente da interrompere il gioco e le normali attività quotidiane. Può essere accompagnato da pallore ed evidente sofferenza, oltre che da nausea, vomito, diarrea o costipazione.

Analizzati quasi 1.500 bambini

I ricercatori hanno comparato i risultati ottenuti da 19 studi in relazione al sollievo in caso di mal di pancia ricorrente nei bambini; di questi, tredici hanno valutato gli effetti della somministrazione dei probiotici, quattro i cambiamenti dietetici a base di fibre e due hanno osservato gli effetti sortiti da diete di esclusione o restrizione di specifici alimenti. In tutto sono stati esaminati 1453 bambini. 

I probiotici servono

Dalla revisione delle 19 ricerche è emerso che nell’arco di tre mesi i bambini che avevano assunto i probiotici mostravano una probabilità significativamente più alta di ottenere nel breve termine sollievo dal mal di pancia rispetto al gruppo trattato con placebo. Dai dati esaminati è stato possibile rilevare che i probiotici sortiscono anche una riduzione della frequenza e dell’intensità del dolore addominale, mentre per quanto riguarda i cambiamenti dietetici, scrivono gli autori dello studio, “non c’è nessuna convincente evidenza che suggerisca che gli integratori di fibre o altri regimi alimentari siano efficaci contro il dolore addominale ricorrente”.

 

 

 
 
 

Da sapere!

I CAMPANELLI D’ALLARME

In caso di bambini e mal di pancia i segnali che non vanno mai sottovalutati sono: il dolore in un punto ben preciso; dolore acuto e continuo che causa risveglio notturno; febbre; diarrea; vomito accompagnato da dolore; infiammazione rettale o intorno all’ano; sangue nelle feci; scarso accrescimento ponderale.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Dopo il vaccino niente farmaci per più di un mese?
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'indicazione di non somministrare alcuna medicina (escluso l'antifebbrile) nelle sei settimane successive alla vaccinazione è scorretta.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti