Mal di pancia ricorrente: un aiuto dai probiotici

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 11/09/2019 Aggiornato il 12/09/2019

Ricomincia la scuola e ricominciano i mal di pancia dei bambini... e non solo in senso metaforico. Gli esperti però avvertono: non sempre è una scusa per saltare le lezioni. Ma il rimedio c'è: i probiotici

Mal di pancia ricorrente: un aiuto dai probiotici

Non è una scusa per non andare a scuola: il mal di pancia ricorrente esiste e interessa un bambino su quattro. Ma avere sollievo dal dolore è possibile grazie ai  probiotici. Questi prodotti, infatti, potrebbero essere utili non solo per prevenire o ridurre i fastidi intestinali dovuti all’assunzione di farmaci, in particolare gli antibiotici, ma anche per dare sollievo in caso di mal di pancia ricorrente, disturbo di cui in età scolare soffre circa un bambino su quattro. È quanto emerso da uno studio pubblicato su Jama Pediatrics da un gruppo di ricercatori della University of Exeter Medical School nel Regno Unito.

Più diffuso di quanto si creda

Se a volte i genitori ritengono che il mal di pancia lamentato dal proprio figlio possa essere niente più che una scusa per non andare a scuola, gli esperti avvertono però che nei bambini il dolore addominale ricorrente è più diffuso di quanto non si creda: ne soffre circa il 10-20% dei bimbi di età compresa tra i 2 e i 6 anni e l’incidenza aumenta con gli anni per diventare massima in epoca preadolescenziale.

Alla base diversi disturbi

L’espressione “dolore addominale ricorrente”, spiegano i ricercatori britannici, è una definizione ‘ombrello’ che comprende al suo interno un insieme di disturbi gastrointestinali funzionali di varia origine, quali la dispepsia funzionale (dolore o fastidio persistente o ricorrente nella parte alta dell’addome), la sindrome dell’intestino irritabile (caratterizzata da dolore addominale, costipazione o diarrea, oppure una combinazione di stipsi e diarrea), il dolore addominale funzionale (che si manifesta con dolore in zona periombelicale senza irradiazione, episodico o persistente, che si presenta almeno una volta alla settimana per due mesi e influisce sulla qualità della vita) e la sindrome da dolore addominale funzionale (caratterizzata da dolore cronico o frequente che non deriva da una causa specifica e identificabile).

I sintomi

Il dolore addominale ricorrente viene riferito come un dolore di intensità sufficiente da interrompere il gioco e le normali attività quotidiane. Può essere accompagnato da pallore ed evidente sofferenza, oltre che da nausea, vomito, diarrea o costipazione.

Analizzati quasi 1.500 bambini

I ricercatori hanno comparato i risultati ottenuti da 19 studi in relazione al sollievo in caso di mal di pancia ricorrente nei bambini; di questi, tredici hanno valutato gli effetti della somministrazione dei probiotici, quattro i cambiamenti dietetici a base di fibre e due hanno osservato gli effetti sortiti da diete di esclusione o restrizione di specifici alimenti. In tutto sono stati esaminati 1453 bambini.

I probiotici servono

Dalla revisione delle 19 ricerche è emerso che nell’arco di tre mesi i bambini che avevano assunto i probiotici mostravano una probabilità significativamente più alta di ottenere nel breve termine sollievo dal mal di pancia rispetto al gruppo trattato con placebo. Dai dati esaminati è stato possibile rilevare che i probiotici sortiscono anche una riduzione della frequenza e dell’intensità del dolore addominale, mentre per quanto riguarda i cambiamenti dietetici, scrivono gli autori dello studio, “non c’è nessuna convincente evidenza che suggerisca che gli integratori di fibre o altri regimi alimentari siano efficaci contro il dolore addominale ricorrente”.

 

 

Da sapere!

I CAMPANELLI D’ALLARME

In caso di bambini e mal di pancia i segnali che non vanno mai sottovalutati sono: il dolore in un punto ben preciso; dolore acuto e continuo che causa risveglio notturno; febbre; diarrea; vomito accompagnato da dolore; infiammazione rettale o intorno all’ano; sangue nelle feci; scarso accrescimento ponderale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Forte raffreddore e un episodio di febbre a inizio gravidanza: ci sono rischi?

12/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Nessuno studio finora si è rivelato conclusivo circa la relazione tra comparsa della febbre e malformazioni nel feto.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti