Mal di schiena per 1 bambino su 2 sotto i 10 anni

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 22/10/2019 Aggiornato il 22/10/2019

Secondo gli ortopedici si tratta di un fenomeno in aumento: sono sempre più numerosi i bambini colpiti da mal di schiena

Mal di schiena  per 1 bambino su 2 sotto i 10 anni

Gli esperti di Otodi (Ortopedici e Traumatologi ospedalieri d’Italia), hanno lanciato l’allarme a genitori, insegnanti e istruttori, in particolare in relazione allo zaino e alla postura dei bambini. Le nuove generazioni, infatti, soffrono di mal di schiena quasi il doppio rispetto ai genitori quando avevano la stessa età.

Zaini troppo pesanti

Le cause del mal di schiena nel bambino sono da ricercarsi nell’eccessivo o sbilanciato carico sulla schiena, come uno zaino inadatto, la postura “da tablet”, ma anche esercizi ginnici inappropriati. Uno zaino giusto e confortevole deve essere leggero quando è vuoto, come i trolley da imbarcare su un aereo; non deve essere dotato di aperture a soffietto; deve avere uno schienale imbottito, ma rigido e avere le bretelle larghe e imbottite, cinture o una fascia per essere fissato alle anche, rispetto alle quali non deve mai scendere oltre, lungo la schiena, e non deve pesare più del 15-20% del peso corporeo del bambino. È stato infatti appurato, aggiungono gli esperti, che spesso il peso dello zaino raggiunge una media del 30% del peso del bambino. È inoltre importante, per evitare un sovraccarico della schiena, non indossare lo zaino su una spalla sola.

Attenzione alla postura

Proprio quella tra i 6 e i 10 anni si completa  lo sviluppo muscoloscheletrico e la schiena dei bambini è senza dubbio più delicata. A rendere più complicata la situazione, c’è anche l’utilizzo smodato di tablet, play station e smartphone, che non aiuta a correggere la postura dei bambini, anzi la peggiora. Molti bambini e ragazzi oggi trascorrono diverse ore seduti davanti a uno schermo, spesso con la schiena curva o distesi sul divano in posizioni particolari e stravaganti. Per evitare mal di schiena nel bambino, la prima regola è quella di fare attività sportiva per rinforzare i muscoli del busto (addominali, lombari, sacro-spinali) che altrimenti si rilassano e si atrofizzano col risultato di una colonna vertebrale danneggiata e dolori vari quando si diventa grandi.

Lo sport è fondamentale

Gli specialisti consigliano, oltre all’attività fisica scolastica (spesso carente in molti istituti), di abbinare uno sport settimanale. Mario Manca, il presidente della Otodi, ha spiegato che un fisico ben allenato sopporta meglio il peso dello zaino e una colonna vertebrale che si muove e si allena è la prima prevenzione al mal di schiena nel bambino. Oltre agli esercizi di rinforzo muscolare sono importanti anche quelli di allungamento guidato, soprattutto delle catene muscolari posteriori degli ischiocrurali, frequentemente retratti nei bambini delle nuove generazioni. Questo produce una rigidità nella flessione del tronco e un equilibrio fra i vari gruppi muscolari e può portare a sindromi dolorose.

 

Da sapere!

Gli ortopedici Otodi tranquillizzano comunque i genitori rispetto a cifosi e scoliosi: non sono provocate dallo zaino scolastico. Se i bambini incurvano la schiena in avanti o lateralmente non è colpa degli zaini, ma probabilmente le cause sono soprattutto genetiche.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti