Mal di testa nei bambini: attenzione ai campanelli d’allarme

Luciana Pellegrino A cura di Luciana Pellegrino Pubblicato il 30/11/2018 Aggiornato il 30/11/2018

Ecco come riconoscere i vari tipi di mal di testa nei bambini senza commettere errori: i suggerimenti dei pediatri

Mal di testa nei bambini: attenzione ai campanelli d’allarme

Il mal di testa nei bambini è molto spesso dovuto a malattie virali o a mancanza di sonno, raramente a traumi cranici e depressione. Nei casi più seri può essere causato da meningite o da altre gravi malattie. Riconoscere e annotare i vari attacchi di mal di testa dei bambini è importante per una corretta valutazione dello specialista.

Il sondaggio dei pediatri

Per tale motivo il National Poll on Children’s Health dell’Università del Michigan ha pubblicato un sondaggio esaminando le reazioni di 1.700 genitori con figli tra i 6 e i 18 anni  e su come percepiscono il mal di testa nei bambini. Due terzi dei genitori intervistati sostiene di aver registrato almeno un attacco di cefalea del figlio non legato a traumi, come colpi o cadute. È emerso anche che 1 genitore su 6 non somministra l’antidolorifico prima della visita del medico. Gli esperti sostengono invece che non dare l’antidolorifico al bambino serve solo a prolungare il dolore. Al contrario, il genitore non solo deve alleviare il dolore ma deve anche annotare il tempo impiegato dall’antidolorifico per fare effetto e la frequenza degli attacchi, riferendo al medico tutte le informazioni utili alla diagnosi.

Quando al Pronto soccorso

Il sondaggio rivela inoltre che il 44% dei genitori fa ricorso al Pronto soccorso in caso di inefficacia del farmaco, il 68% in caso di febbre e rigidità nucale, mentre il 76% in caso di vomito ripetuto. I pediatri statunitensi affermano che è corretto per i genitori recarsi al Pronto soccorso in situazioni urgenti, quando il bambino è caduto e riporta attacchi di vomito, o in caso di rigidità della nuca e febbre, sintomi che possono indicare un inizio di meningite.

Importante il diario

I genitori possono tenere sotto controllo il mal di testa nei bambini anche annotando su un diario tutti gli attacchi da riferire poi  al medico.

 

 

 

Lo sapevi che?

Un bambino su dieci soffre di mal di testa. Le forme più comuni sono l’emicrania, dovuta a predisposizione familiare o genetica, e la cefalea di tipo tensivo, legata a fattori emotivi.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti