Mal di pancia: lo conosci davvero?

Silvia Finazzi
A cura di Silvia Finazzi
Pubblicato il 17/12/2018 Aggiornato il 18/12/2018

Il mal di pancia è uno dei disturbi più comuni nell’età infantile, tanto nei bambini piccoli, tanto in quelli più grandicelli. Nella maggior parte dei casi, però, mamma e papà non sanno cosa fare...

Mal di pancia: lo conosci davvero?

Quante volte capita che il piccolo non riesca a riposare bene per il mal di pancia, non voglia andare a scuola, si accoccoli sul divano a causa di un dolore addominale imprecisato? Tante, troppe. E, infatti, il mal di pancia è uno dei disturbi più comuni nei bambini. Eppure è poco conosciuto. Per questo è stata scritta una guida  in aiuto dei genitori.

La guida del Bambino Gesù

Per questo i pediatri dell’ospedale Bambino Gesù di Roma hanno dedicato un intero numero del mensile digitale “A scuola di salute” all’argomento, per aiutare a capire come comportarsi nelle diverse situazioni. Il mal di pancia è un disturbo molto comune perché all’interno dell’addome sono contenuti tanti organi: le probabilità che uno di essi sviluppi un problema, dunque, sono elevate. Per questo stesso motivo, le possibili cause del problema sono numerose. Fortunatamente, nella maggior parte dei casi la problematica non è preoccupante. Solo in alcune situazioni è bene rivolgersi tempestivamente al pediatra.

I campanelli di allarme

I sintomi da non sottovalutare sono:

  • un dolore improvviso, continuo e acuto, che di notte risveglia il bimbo;
  • la localizzazione del mal di pancia in un punto ben preciso;
  • la comparsa di diarrea e/o vomito accompagnato da dolore;
  • la presenza di febbre;
  • un’infiammazione rettale o attorno all’ano;
  • tracce di sangue nelle feci.

Questi sintomi, infatti, potrebbero essere la spia di malattie che vanno trattate in modo adeguato, come appendicite e celiachia. In ogni caso, comunque, è bene rivolgersi al pediatra se il disturbo persiste.

Alla base tanti fattori diversi

Ma quali sono le cause più comuni del mal di pancia? Le tre più frequenti a tutte le età sono le gastroenteriti, l’appendicite e i traumi. Fino ai 5 anni sono diffusi anche i mal di pancia conseguenti all’invaginazione (ossia la penetrazione di una porzione di intestino in quella adiacente: colpisce soprattutto i bambini molto piccoli, fra i 4 mesi e l’anno di vita), mentre fino agli 11 anni sono spessi legati alle infezioni urinarie e alla stipsi. Poi ci sono fattori scatenanti specifici a seconda della fascia di età. Nei bambini con meno di un anno non si possono dimenticare le coliche, l’introduzione di nuovi alimenti con lo svezzamento e le ernie strozzate, mentre in quelli fra i 2 e i gli 11 anni, malattie come l’anemia. Nei bambini in età scolare e adolescenziale è comune anche la sindrome del colon irritabile, un disordine gastrointestinale funzionale.

Spesso è un disturbo psicosomatico

In alcuni casi il mal di pancia ha un’origine emotiva. Dipende cioè da un disagio o da un evento stressante, come una separazione, un lutto, l’arrivo del fratellino, l’inserimento all’asilo, che causano un malessere che il bambino non riesce a esprimere a parole.

 

da sapere!

La guida sul mal di pancia dei bambini è disponibile online.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti