Malanni d’autunno: 6 falsi miti a cui non credere

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 09/11/2023 Aggiornato il 09/11/2023

Ci sono alcuni falsi miti sui malanni d'autunno che influenzano i comportamenti dei genitori e talvolta espongono ancora di più i bambini al rischio di ammalarsi. Riguardano sia lo stile di vita sia le abitudini alimentari. Scopriamoli insieme!

Malanni d’autunno: 6 falsi miti a cui non credere

I malanni dei bambini in autunno tendono ad aumentare ma ci sono tanti falsi miti da sfatare che, purtroppo, sono ancora molto diffusi. Riguardano l’alimentazione e lo stile di vita quotidiano. Sapere quali sono aiuta a proteggere la salute di adulti e bambini, adottando i comportamenti corretti nei mesi freddi. Vediamo allora quali sono le credenze più comuni.

1) Non uscire con il freddo

Uno dei più diffusi falsi miti malanni d’autunno ancora oggi è il fatto che il freddo faccia ammalare. Non è così: a causare raffreddore, influenza e sindromi influenzali non è il freddo in sé, ma i numerosi virus che circolano soprattutto negli ambienti chiusi. Restare a lungo in scuole, palestre, locali pubblici senza un adeguato ricambio d’aria favorisce la diffusione dei germi attraverso i colpi di tosse e gli starnuti. 

2) Meglio frequentare luoghi ben riscaldati

Quello che espone al rischio di raffreddore e influenza nei bambini è, oltre alla concentrazione di germi, l’improvviso sbalzo di temperatura che si subisce, per esempio, entrano da uscendo da luoghi molto riscaldati, oppure sudando eccessivamente. Se, infatti, l’organismo è esposto a un raffreddamento improvviso, si verifica un repentino calo delle difese naturali che facilita l’ingresso ai virus. Uscire di casa per infilarsi in centri commerciali o negozi con i bambini non è l’ideale per proteggere la loro salute.

3) Se fa freddo, niente sport o gioco all’aperto

Con il freddo si vedono pochi bambini giocare fuori, in giardini e parchetti. Ed è un errore molto diffuso. Quando il clima è secco e non ci sono particolari problemi di salute, i bambini possono e devono trascorrere un po’ di tempo tra loro all’aperto anche nella stagione fredda. Il moto alla luce naturale aumenta il buon umore, scarica le energie contenute per ore a scuola, mantiene forti le ossa e combatte il sovrappeso. Privilegiamo parchi e giardini lontani da strade trafficate: le particelle inquinanti, inspirate, irritano le vie respiratorie. 

4) Nuoto e attività in acqua in inverno fanno ammalare

In autunno e in inverno è anche possibile praticare attività sportive anche acquatiche, come il nuoto che tra gli sport per bambini è molto indicato per una crescita corretta. Non ci sono rischi particolari rispetto a quando fa caldo, a patto di evitare, come abbiamo spiegato, gli sbalzi improvvisi di temperatura. È quindi essenziale asciugare bene i capelli, per evitare, attraverso il repentino raffreddamento della testa, quello che gli esperti chiamano “effetto spogliatoio” e che favorisce l’attacco dei virus. Prima di uscire nel freddo, sarebbe opportuno restare con il bambino in un locale con una temperatura intermedia. Essenziale è indossare una cuffia che mantenga la testa al caldo.

5) Con il freddo ci si deve coprire molto

Quando le temperature scendono è importante adeguare l’abbigliamento al clima, ma senza esagerare. I bambini, soprattutto se camminano già da soli, giocano e corrono, non soffrono il freddo più degli adulti. Anzi, il moto li riscalda e rischiano di sudare troppo, se coperti da maglioni e piumini. Impariamo a vestirli a strati, per poterli svestire e rivestire in fretta a seconda delle necessità. Scegliamo quindi un indumento intimo in cotone o tessuto termico se fanno sport, camicia, felpa e giacca che si può togliere se l’attività fisica all’aperto è particolarmente vivace. Se si entra in un luogo riscaldato, è opportuno eliminare anche la felpa, la cuffia e i guanti. 

6) I falsi miti legati all’alimentazione

Molti falsi miti malanni d’autunno sono legati all’alimentazione. In effetti, le sostanze che forniamo all’organismo possono aiutare a prevenire alcuni malesseri, a guarire prima o, al contrario, rischiano di ritardare il processo di guarigione. Essere consapevoli di quello che è davvero utile ai bambini, per esempio, può indirizzare nel modo corretto la loro alimentazione quotidiana.

Alcuni ortaggi non sono adatti ai bambini

Ecco un falso mito molto diffuso. I bambini dovrebbero essere abituati a consumare fin dai primi anni anche le verdure più amare, perché sono ricche di sostanze preziose per le difese naturali. Qualche esempio? Cavoli, cavolfiori, broccoli. Contengono sulforafano, una sostanza che svolge un potente effetto antinfiammatorio. Notevole è anche la quantità di vitamina B, che aumenta il numero degli anticorpi che combattono le malattie. Anche aglio e cipolla non sono amati dai bambini, ma fanno bene perché ricchi di una sostanza, l’allicina, con proprietà antibatteriche che evitano il sovrapporsi di infezioni. Questi ortaggi si possono proporre ai più piccoli in forma di puree o passati, aggiungendo patate e carote per stemperare l’amarognolo, aggiungendo formaggio cremoso.

L’alimentazione “in bianco” è la più adatta per guarire dall’influenza

Questo è un altro errore molto comune. Tradizionalmente si associa il colore bianco dei cibi alla leggerezza, senza pensare che la pasta o il riso con burro e formaggio sono ricchissimi di grassi animali e di proteine, quindi non facilmente digeribili soprattutto nella fase acuta di un disturbo. È meglio proporre condimenti vegetali come un filo di olio extravergine o pomodoro fresco, aggiungendo un po’ di parmigiano grattugiato stagionato quando non ci sono più problemi intestinali.

Gli spinaci danno forza perché sono ricchi di ferro

E’ vero che queste verdure contengono ferro, ma esistono altre tipologie che ne sono altrettanto ricche. Ne sono esempi lenticchie, fagioli, broccoli ma anche frutta a guscio e frutta disidratata come prugne e albicocche. Se occorre ferro, necessario per la formazione dei globuli rossi del sangue, è bene tenere presente che questo elemento nella sua forma maggiormente biodisponibile, che è di origine animale. Le carni di tutti i tipi ne sono la fonte migliore e forniscono ferro di tipo eme, che l’organismo assorbe con maggiore facilità. Quello degli alimenti di origine vegetale, al contrario, è ferro non-eme, meno assimilabile.

Le bevande calde sono solo corroboranti ma poco utili

Invece è proprio il contrario: i liquidi tiepidi idratano le mucose e aiutano a respirare meglio, favorendo l’eliminazione del muco e, quindi, prevenendo otite e bronchite. Inoltre, le sostanze presenti nei liquidi caldi aiutano le difese naturali ad essere più reattive. Un classico è il brodo di pollo, perfetto quando si hanno influenza e forme influenzali. Infatti è ricco di ferro, zinco, magnesio, è povero di grassi e fonte di vitamine e di proteine, perfettamente digeribile. E anche le tisane, se piacciono ai bambini, sono benefiche. La cannella ha qualità antinfiammatorie, verbena, melissa, menta combattono i dolori articolari e il mal di testa. La camomilla ha effetto rilassante e aiuta a riposare meglio, quindi a guarire prima. Per i bambini possono essere addolcite con un cucchiaio di miele, che combatte il mal di gola e calma la tosse tipica della stagione.

La frutta cotta è il frutto più salutare per il bambino

Sarebbe meglio che la frutta venisse consumata cruda, il più fresca possibile. Solo a crudo, infatti, mele, pere, prugne mantengono tutto il loro apporto di vitamine che sono disperse dalla cottura. Anche la buccia andrebbe consumata perché ricca di polifenoli e di fibre, che mantengono il transito intestinale, spesso rallentato quando il bambino è a letto con febbre e influenza. È quindi bene prendere l’abitudine di proporre la frutta cruda, a fettine, pezzetti o grattugiata nel caso dei bambini più piccoli, irrorata con succo d’arancia fresco che è ricchissimo di vitamina C. Questa sostanza favorisce l’attività delle difese naturali.

In copertina foto di PublicDomainPictures da Pixabay

 
 

In breve

I falsi miti malanni d’autunno riguardano sia l’alimentazione sia lo stile di vita. Bere liquidi caldi, consumare frutta fresca, giocare all’aperto lontani dal traffico sono modi per difendere la salute dei bambini nei mesi più freddi.

Fonti / Bibliografia

  • Influenza nel bambino - Ospedale Pediatrico Bambino GesùÈ una malattia respiratoria acuta che si verifica solitamente durante l'inverno ma si può prevenire con la vaccinazione. Il contagio avviene per contatto diretto con saliva o secrezioni respiratorie delle persone infette
  • Sbalzi di temperatura: un pericolo per la salute - Humanitas Medical CareA volta il cambiamento climatico avviene in modo così rapido e improvviso che il nostro organismo ha difficoltà ad adattarvisi. Tale cambiamento può incidere negativamente sulla nostra salute per lo stretto legame che esiste tra la variazione delle condizioni meteorologiche – pressione atmosferica, temperatura, piogge, vento, umidità dell’aria – e il benessere psicofisico. Per approfondire […]
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fratello e sorella (solo da parte di madre) possono avere figli sani?

22/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

I figli di consanguinei hanno un alto rischio di nascere con anomalie genetiche e disturbi del neurosviluppo. Questa è la principale ragione per la quale nelle società organizzate sono vietate le unioni tra parenti stretti.   »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti