Malattie bambini: ritornano quelle “dimenticate” e si scoprono nuovi virus

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/07/2013 Aggiornato il 15/07/2013

Le malattie che colpiscono i bambini sono sempre più numerose: alla base vecchi ma dimenticati agenti infettivi e nuovi virus che attaccano il sistema respiratorio 

Malattie bambini: ritornano quelle “dimenticate” e si scoprono nuovi virus

Le malattie dei bambini più tipiche sono oggi affiancate dal ritorno di “vecchie conoscenze” e dall’arrivo di nuovi virus. È questo l’allarme sulle malattie dei bambini lanciato al 31esimo Congresso annuale della Società europea di infettivologia pediatrica (Espid) che si è tenuto a Milano.

Il pericolo tubercolosi

Al centro dell’attenzione degli esperti, tra le malattie dei bambini che si pensava superate, c’è la tubercolosi, che oggi, nonostante i progressi della medicina, rappresenta una delle realtà più temute. Ogni anno, in Italia, vengono segnalati circa 4mila casi, di cui circa il 4-5% in bambini e in ragazzi di età inferiore ai 14 anni.  Aumenta l’incidenza della tubercolosi anche nei bambini di età compresa tra 0 e 4 anni, stimata di 3-4 casi ogni 100mila mila bambini. In Italia, la tubercolosi si sta diffondendo sotto forma di piccoli focolai epidemici che si accendono prevalentemente a scuola o in ambito familiare, dove adulti contagiosi diffondono il bacillo di Koch, responsabile della tubercolosi, ai piccoli.

Il Coronavirus

Grande attenzione gli esperti rivolgono anche sul nuovo Coronavirus, individuato come causa di gravi patologie respiratorie. Questo virus sarebbe in grado di causare anche il decesso e, negli ultimi tempi, ha provocato casi di infezioni in sette paesi nel mondo, tra cui l’Arabia Saudita.

Altri virus respiratori emergenti

Tra i virus emergenti si parla anche del virus influenzale A/H7N9 che, secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, negli ultimi due mesi ha provocato 132 casi di infezioni, di cui 33 decessi.

Il Rhinovirus

Sempre in ambito di virus respiratori emergenti, è stato chiarito il ruolo del Rhinovirus, che un tempo si pensava portasse soltanto a forme banali di raffreddore, ma che invece si è visto essere in grado di provocare forme, talvolta anche gravi, di polmonite, oltre che essere il principale responsabile della riacutizzazione dell’asma. 

In breve

TERAPIE TEMPESTIVE E vaccini

“Grazie alle acquisizioni degli ultimi anni sulle nuove metodiche di biologia molecolare è stato possibile chiarire il ruolo dei virus respiratori e sviluppare, di conseguenza, terapie più tempestive, farmaci più efficaci e nuovi vaccini” ha sottolineato la professoressa Susanna Esposito,  presidente del congresso e presidente della Società italiana di infettivologia pediatrica. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti