Malattie bambini: ritornano quelle “dimenticate” e si scoprono nuovi virus

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 15/07/2013 Aggiornato il 15/07/2013

Le malattie che colpiscono i bambini sono sempre più numerose: alla base vecchi ma dimenticati agenti infettivi e nuovi virus che attaccano il sistema respiratorio 

Malattie bambini: ritornano quelle “dimenticate” e si scoprono nuovi virus

Le malattie dei bambini più tipiche sono oggi affiancate dal ritorno di “vecchie conoscenze” e dall’arrivo di nuovi virus. È questo l’allarme sulle malattie dei bambini lanciato al 31esimo Congresso annuale della Società europea di infettivologia pediatrica (Espid) che si è tenuto a Milano.

Il pericolo tubercolosi

Al centro dell’attenzione degli esperti, tra le malattie dei bambini che si pensava superate, c’è la tubercolosi, che oggi, nonostante i progressi della medicina, rappresenta una delle realtà più temute. Ogni anno, in Italia, vengono segnalati circa 4mila casi, di cui circa il 4-5% in bambini e in ragazzi di età inferiore ai 14 anni.  Aumenta l’incidenza della tubercolosi anche nei bambini di età compresa tra 0 e 4 anni, stimata di 3-4 casi ogni 100mila mila bambini. In Italia, la tubercolosi si sta diffondendo sotto forma di piccoli focolai epidemici che si accendono prevalentemente a scuola o in ambito familiare, dove adulti contagiosi diffondono il bacillo di Koch, responsabile della tubercolosi, ai piccoli.

Il Coronavirus

Grande attenzione gli esperti rivolgono anche sul nuovo Coronavirus, individuato come causa di gravi patologie respiratorie. Questo virus sarebbe in grado di causare anche il decesso e, negli ultimi tempi, ha provocato casi di infezioni in sette paesi nel mondo, tra cui l’Arabia Saudita.

Altri virus respiratori emergenti

Tra i virus emergenti si parla anche del virus influenzale A/H7N9 che, secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, negli ultimi due mesi ha provocato 132 casi di infezioni, di cui 33 decessi.

Il Rhinovirus

Sempre in ambito di virus respiratori emergenti, è stato chiarito il ruolo del Rhinovirus, che un tempo si pensava portasse soltanto a forme banali di raffreddore, ma che invece si è visto essere in grado di provocare forme, talvolta anche gravi, di polmonite, oltre che essere il principale responsabile della riacutizzazione dell’asma. 

In breve

TERAPIE TEMPESTIVE E VACCINI

“Grazie alle acquisizioni degli ultimi anni sulle nuove metodiche di biologia molecolare è stato possibile chiarire il ruolo dei virus respiratori e sviluppare, di conseguenza, terapie più tempestive, farmaci più efficaci e nuovi vaccini” ha sottolineato la professoressa Susanna Esposito,  presidente del congresso e presidente della Società italiana di infettivologia pediatrica. 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Dopo il vaccino niente farmaci per più di un mese?
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'indicazione di non somministrare alcuna medicina (escluso l'antifebbrile) nelle sei settimane successive alla vaccinazione è scorretta.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti