Malattie: bambini sempre più uguali agli adulti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/01/2016 Aggiornato il 12/01/2016

Anche i bambini, come gli adulti, soffrono di colesterolo alto, anoressia, bulimia, ipertensione e obesità. Le cause: alimentazione scorretta ed eccessiva pigrizia

Malattie: bambini sempre più uguali agli adulti

Oltre al sovrappeso e all’obesità i bambini soffrirebbero anche di patologie come anoressia, bulimia, ipertensione e ipercolesterolemia, un tempo tipiche dell’età adulta.  A sostenerlo è uno studio svolto dai ricercatori della Società Italiana di Pediatria dopo aver visitato un numero altissimo di bambini. La causa principale di questi dati allarmanti deriverebbe da un’alimentazione scorretta e uno stile di vita sedentario. Tra i bambini sarebbero in aumento i casi di pressione alta, diabete di tipo 2, obesità e disturbi del comportamento alimentare come l’anoressia e la bulimia. Vediamo il dettaglio.

Ipertensione

Secondo la Società Italiana di Pediatria il 4% degli alunni della scuola primaria soffrirebbe di pressione alta a causa di una dieta ricca di cibi molto salati e per il poco movimento.

Diabete di tipo 2

È quello alimentare, il cui esordio è tipico in età adulta. Nel nostro Paese, due bambini su dieci soffrono di diabete di tipo 2 e, anche in questo caso, le cause sarebbero un’alimentazione poco sana e una scarsa attività fisica.

Sovrappeso e obesità

In Italia, il 23% dei bambini di 8-9 anni è in sovrappeso, l’11-12% obeso. Inoltre l’obesità, provocherebbe anche disturbi mentali. È il risultato di uno studio dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, pubblicato sulla rivista Pediatrics. Secondo questa ricerca ci sarebbe un rischio Alzheimer già da adolescenti perché nei ragazzi in sovrappeso sarebbe stato individuato l’accumulo di una proteina spia, responsabile della malattia cerebrale dell’età adulta.

Anoressia e bulimia

Il 10% dei bambini al di sotto dei 12 anni soffrirebbe anche di disturbi del comportamento alimentare come anoressia e bulimia. L’esordio di questi disturbi sarebbe drasticamente anticipato a 6-7 anni. Infatti, come riferisce la psichiatra Laura Dalla Ragione: “Vediamo sempre più bambine rifiutare il cibo, lo nascondono, hanno un distorto rapporto con lo specchio. Più precoce è l’età di esordio dell’ossessione per il cibo e maggiori sono i danni che provoca”.

Pochissima attività fisica

Da questo studio emerge, ancora una volta, quanto i bambini in età scolare abbiamo una vita molto sedentaria, tipica negli adulti. Infatti, i bambini trascorrono molte ore davanti alla televisione o a giocare con i videogiochi e pochissimo tempo a praticare sport o andare al parco e giocare all’aria aperta.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

All’obesità sono correlate molte patologie come la pressione alta, il colesterolo alto, il diabete di tipo 2, l’ictus, l’infarto e anche alcune forme di tumore.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti