Malattie respiratorie dei bambini: con il freddo sale l’allerta

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 15/01/2021 Aggiornato il 15/01/2021

Bronchiolite, asma, respiro sibilante sono le più diffuse malattie respiratorie dei bambini. I consigli degli esperti ai genitori per affrontarle al meglio

Malattie respiratorie dei bambini: con il freddo sale l’allerta

Siamo nel pieno dell’inverno e le malattie respiratorie dei bambini come bronchiolite, asma, respiro sibilante sono al culmine della loro diffusione, insieme a influenza e raffreddore. Il freddo, la necessità di restare per ore in ambienti chiusi favoriscono la diffusione di virus respiratori che, nei più piccoli, possono causare complicanze. Quest’anno, le misure anti-contagio contro la diffusione del Covid-19 (uso di mascherine, distanziamento, igiene delle mani) stanno sicuramente costituendo una protezione anche contro la diffusione di altri virus, soprattutto per la bronchiolite e il respiro sibilante. Anche il vaccino antinfluenzale, se è stato scelto dalle famiglie, è una valida difesa.

Rivolgersi sempre al pediatra

Nonostante queste precauzioni, le malattie respiratorie dei bambini restano comunque diffuse nei mesi freddi. Per questo gli esperti dell’Istituto per la Salute del Bambino Gesù forniscono tutte le informazioni necessarie su cause, diagnosi e cura di questi disturbi. E suggeriscono di prestare attenzione soprattutto a sintomi come tosse, raffreddore, inappetenza o malessere, che possono essere in comune con il Covid-19. Non si deve agire di propria iniziativa, ma è importante rivolgersi al pediatra che saprà valutare il caso e fornire le indicazioni corrette di comportamento.

Bronchiolite: a rischio i piccolissimi

La bronchiolite è un’infezione acuta, causata da vari tipi di virus, tra i quali il Vrs o Virus respiratorio sinciziale che è attivo soprattutto nei mesi di gennaio e febbraio. Colpisce le vie respiratorie più profonde, in particolare i bronchioli, ossia le terminazioni dei bronchi, dove avvengono gli scambi gassosi. I bronchioli si restringono causando difficoltà respiratoria. L’infezione colpisce i bambini piccoli, soprattutto quelli tra i 3 e i 6 mesi e si trasmette per contatto diretto con le secrezioni nasali o attraverso le goccioline trasportate dall’aria. Causa febbricola, raffreddore e tosse ma nelle forme più serie si accompagna a difficoltà respiratoria, episodi di apnea, cianosi e difficoltà a mangiare. La diagnosi di bronchiolite è clinica, in seguito a visita pediatrica. Quando si può curare a casa, è utile offrire al bambino pasti piccoli e frequenti per stimolare l’appetito e garantire l’idratazione ed effettuare i lavaggi nasali per facilitare la respirazione. Infine, per ridurre il rischio di bronchiolite sono valide alcune semplici norme: evitare gli ambienti affollati e lavarsi spesso le mani, prima e dopo essersi occupati del piccolo.

Asma: l’infiammazione dei bronchi

L’asma nel nostro Paese colpisce un bambino su dieci dopo i 6 anni di età. È una malattia caratterizzata da infiammazione e ostruzione dei bronchi, che rendono difficile la respirazione. È scatenata essenzialmente da allergia (a polveri, acari, pollini, pelo di animali), ma anche da esposizione a fumo di sigaretta. Le infezioni virali durante l’inverno, inoltre, potenziano l’infiammazione allergica a livello delle vie aeree. Anche gli sforzi fisici e le emozioni intense possono essere agenti scatenanti. I sintomi sono tosse secca e stizzosa, a volte con fischi o sibili e difficoltà respiratoria. La diagnosi si effettua attraverso l’esame clinico dei sintomi, la spirometria e le prove allergiche. La cura consiste nella gestione dell’attacco acuto con farmaci specifici e con trattamenti in grado di ridurre l’infiammazione dei bronchi e la frequenza degli attacchi. È essenziale tenere sotto controllo la malattia e prevenire gli attacchi, proteggendo i bambini dai fattori ambientali scatenanti (in primis fumo e allergeni), di effettuare regolari controlli clinici e, come indicato dalle linee guida internazionali, di eseguire ogni anno il vaccino antinfluenzale.

Wheezing: quando il respiro sibila

Il sibilo respiratorio, o wheezing, tra le malattie respiratorie dei bambini è forse quella di cui si parla meno, ma non per questo è meno seria. Consiste in un vero e proprio suono, acuto e continuo, emesso dal piccolo durante l’espirazione. È dovuto a un temporaneo restringimento delle basse vie respiratorie, innescato di solito da un’infezione virale, per esempio in seguito a un raffreddore. La nascita prematura, la famigliarità e alcuni fattori ambientali, come inquinamento atmosferico o esposizione agli allergeni, sono fattori di rischio. Si presenta soprattutto tra i più piccoli (1 bambino su 3 ha un episodio nei primi 3 anni di vita) e in genere scompare con la crescita. Solo in una piccola percentuale di casi evolve in asma bronchiale. La diagnosi è effettuata dal pediatra attraverso l’esame clinico e l’auscultazione del torace che permette di rilevare il sibilo anche quando è poco intenso. Sul fronte della cura è essenziale la somministrazione tempestiva di farmaci per inalazione che sfiammano e dilatano i bronchi “ristretti”. Questo evita che il disturbo peggiori e che il bambino debba essere portato al Pronto soccorso.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Nella stagione fredda, somministrare ai bambini liquidi caldo-tiepidi come latte, tisane, tè deteinato con poco miele, brodo aiuta a idratare le vie respiratorie e a dare sollievo in caso di tosse secca e naso chiuso.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti