Mamma, come giochi con il tuo bambino?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/08/2015 Aggiornato il 03/08/2015

Ogni coppia mamma-bambino ha un modo proprio per divertirsi con i giochi. Ma sembrano esserci alcune caratteristiche comuni a tutte. Ecco quali

Mamma, come giochi con il tuo bambino?

Certo, la mamma è la mamma, non un’amica con cui giocare e divertirsi. Ma almeno per i primi anni di vita è anche la persona con cui il bambino ama trascorrere il proprio tempo. Ed è proprio con lei che il piccolo vuole sperimentare i suoi primi giochi. Volente o nolente, dunque, la mamma, perlomeno in qualche occasione, deve sedersi accanto al bebè e sperimentare con lui. Ma come lo fa? E con quale atteggiamento? Proprio queste sono alcune delle domande che Fattore Mamma ha rivolto a 700 mamme con figli sotto i tre anni anni, nel corso di un’indagine che ha condotto per conto di Fisher- Price, dal titolo “Come giochi con i tuoi bambini?”. Ecco che cosa è emerso.

L’importanza dell’autonomia

Le mamme italiane sembrano prediligere i giochi “liberi” a quelli troppo impostati. Ben il 76% delle intervistate ha spiegato, infatti, che, sebbene inizialmente proponga un’attività precisa al figlio, poi lo lascia libero di giocare come crede, senza intervenire, così da dargli modo di esprimersi appieno. Il 17%, invece, non riesce a lasciarlo libero perché il bimbo richiede il continuo intervento della mamma. Da un lato, è normale che i bambini così piccoli siano poco autonomi. Molto dipende anche dal carattere: alcuni bebè sono particolarmente intraprendenti e solitari, mentre altri hanno bisogno di continue rassicurazioni. Ma un minimo di autonomia deve esserci, altrimenti è il caso di fermarsi un attimo a riflettere. “Se il bambino non riesce proprio a giocare da solo e ha un bisogno costante e continuo del genitore, è bene interrogarsi sulle ragioni di tale comportamento. Forse ha bisogno di maggiori attenzioni o di più accudimento? O forse ha bisogno di ottenere un’approvazione rispetto a ciò che sta facendo. In tutti i casi, questo segnale non va ignorato” spiega Luca Mazzucchelli, psicologo e psicoterapeuta.

Attenzione ai campanelli di allarme

Oltre a questo, ci sono altri campanelli di allarme legati alle modalità di gioco che non vanno ignorati perché possono segnalare un qualche disagio del piccolo. I principali sono:

– una modalità di gioco troppo aggressiva: scaricare un po’ di rabbia mentre si gioca è normale e anche benefico. Ma non è normale se il piccolo gioca solo in maniera violenta;

– assenza di slanci ed entusiasmo;

– disinteresse totale verso il gioco;

– estrema irrequietezza;

– tendenza a passare continuamente da un gioco all’altro: potrebbe nascondere un’ansia eccessiva.

Via libera a stimoli di varia natura

Per quanto riguarda le caratteristiche che dovrebbero avere i giochi “perfetti”, quasi inaspettatamente la sicurezza passa in secondo piano. Secondo le mamme i giochi migliori per lo sviluppo del bambino sono quelli in grado di stimolare la creatività e lo sviluppo cognitivo. Per questo, molte propongono ai bebè anche oggetti di uso quotidiano, come cucchiai e chiavi. In effetti, secondo gli esperti è importante che i bimbi piccoli ricevano stimoli di vario tipo, provenienti da “fonti” diverse. Ma è altrettanto importante che i genitori imparino ad ascoltare i figli, permettendo loro di intrattenersi con i giochi che più sono nelle loro corde.

La qualità conta più della quantità

Ma le mamme italiane quanto giocano con i loro figli? Sia le lavoratrici sia le non lavoratrici, ogni giorno, trascorrono dal 25 al 30% del proprio tempo divertendosi con i bimbi. Il 60% di quelle che lavorano, però, vorrebbe poter dedicare più ore ai piccoli. Rispetto alle donne che stanno a casa a tempo pieno, quelle che vanno in ufficio hanno una voglia maggiore di giocare. È normale. Nessuna, però, deve sentirsi in colpa: la qualità conta sicuramente più della quantità. E, poi, anche semplicemente osservare un bambino che gioca e ridere con lui lo aiuta e lo rassicura. Non bisogna necessariamente passare tutto il tempo a pettinare le bambole o a spingere le macchinine insieme al bebè.

 

 

 
 
 

In breve

COME INTERPRETARE LA NOIA

Il 66% delle partecipanti al sondaggio ha dichiarato che a volte il bambino si annoia mentre si diletta con i suoi giochi. Fra queste, però, il 72% pensa che questo possa rivelarsi utile nel suo percorso di crescita e conquista di autonomia. In effetti, la noia del bebè difficilmente è paragonabile alla noia dell’adulto: spesso è più la calma che precede la tempesta, cioè una pausa dedicata all’elaborazione di quanto vissuto o alla creazione di nuove idee.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti