Massaggio infantile: a cosa serve e come eseguirlo correttamente

Francesca Scarabelli A cura di Francesca Scarabelli Pubblicato il 10/07/2023 Aggiornato il 13/07/2023

Il massaggio infantile è un modo per costruire e rafforzare il rapporto tra i genitori e il proprio bambino. Si tratta di una serie di gesti che non solo coccolano il bambino, ma che contribuiscono al suo sviluppo.

Massaggio infantile

Fin dalla nascita il contatto pelle a pelle tra mamma e bambino è importante per creare un legame e per rassicurare il neonato. Il massaggio infantile è un altro elemento che influisce positivamente non solo sul bonding neonatale, ma anche sullo sviluppo e sulla maturazione del piccolo a livello fisico, emotivo e psicologico. Ma cos’è esattamente il massaggio infantile e come si esegue? Per praticarlo correttamente la cosa migliore sarebbe quella di frequentare un corso, in modo da essere sicuri di non eseguire manovre che possono infastidire o far male al nostro bimbo.

Le tipologie di massaggio infantile

Il massaggio infantile è presente in molte culture di tutto il mondo già dall’antichità; recenti studi ne hanno confermato i benefici. In Italia è particolarmente attiva AIMI, l’Associazione Italiana Massaggio Infantile, che integra il massaggio tradizionale indiano con movimenti ispirati al massaggio svedese e alla riflessologia. Questa tipologia di massaggio infantile ispirata alla tradizione indiana è stata codificata da Vimala McClure,( fondatrice di IAIM – International Association of Infant Massage, da cui deriva l‘AIMI – Associazione Italiana Massaggio Infantile), che ha poi messo a punto anche una sequenza di massaggi specifici per alleviare il fastidio delle coliche del neonato.
Ci sono però altre tipologie di massaggio infantile, tra cui possiamo ricordare:

  • il massaggio bioenergetico dolce, che stimola delicatamente la cute del bimbo con piccole pressioni, sfioramenti e vibrazioni, cominciando dalla parte anteriore del corpo per poi passare a quella posteriore;
  • il massaggio Shantala di origine indiana, che viene eseguito usando olio di cocco o di senape e tenendo il bimbo sulle gambe del genitore o di chi lo sta massaggiando. È un massaggio che favorisce il sonno e il rilassamento e che aiuta il neonato a comprendere i confini del proprio corpo;
  • il massaggio svedese, rilassante e tonificante. Si procede dalle estremità verso il centro, con movimenti e pressioni che diventano via via più profondi;
  • il massaggio plantare, che si esegue sulle mani o sui piedi del bambino, andando dalla parte centrale alle dita. Questo tipo di massaggio può alleviare coliche e stitichezza.
Massaggio infantile

Foto di Ksenia Chernaya da Pexels

A cosa serve il massaggio infantile?

Il massaggio infantile ha davvero tanti punti di forza, ma soprattutto permette ai genitori di comprendere sempre meglio i messaggi e i segnali del proprio bambino, permettendo loro di imparare a rispondervi in maniera appropriata. Vimala McClure, fondatrice di IAIM, suddivide i benefici del massaggio infantile in quattro aree principali:

  • stimolazione: il bambino prende gradualmente maggiore consapevolezza del proprio corpo e migliora la capacità di coordinare i movimenti. Ne beneficiano anche il sistema circolatorio, digerente, respiratorio e immunitario;
  • rilassamento: il massaggio infantile aiuta il bimbo a scaricare la tensione accumulata a causa di stimolazioni eccessive e facilita l’acquisizione del ritmo sonno – veglia;
  • sollievo: massaggiare il bimbo può dare sollievo a tensioni muscolari, fastidi e disagi provocati ad esempio dalle coliche o dalla dentizione;
  • interazione: il massaggio infantile favorisce il bonding e il processo di attaccamento anche in situazioni particolari, come ad esempio l’adozione.

Quando cominciare a massaggiare il bambino?

Il massaggio infantile potrebbe essere praticato sin dai primi giorni di vita, ma per prudenza si preferisce consigliare di aspettare fino alla cicatrizzazione del moncone ombelicale, cominciando così intorno al primo mese di vita. Può essere poi praticato senza limiti di età, fino a quando il bimbo lo gradisce.

Come eseguire correttamente il massaggio infantile?

I neo genitori, per imparare a praticare un buon massaggio al proprio bimbo, dovrebbero partecipare ad un corso apposito in cui impareranno i gesti corretti e tante nozioni utili. Il massaggio infantile maggiormente praticato in Italia è proprio quello insegnato da AIMI, nel quale anche l’uso della voce ha una grande importanza per il bonding. Ci sono alcune regole generali per il massaggio che si possono provare a mettere in pratica, ricordandosi sempre di controllare che il bimbo sia sereno e disponibile a farsi massaggiare.

Il massaggio dovrebbe essere effettuato in un ambiente caldo, silenzioso e rilassante, con il bimbo nudo o comunque poco vestito. Anche chi esegue il massaggio dovrà essere tranquillo e rilassato per poter sciogliere al meglio le tensioni del bambino. Con l’aiuto di un olio vegetale, come ad esempio quello di mandorle o di sesamo si potrà cominciare a toccare il bimbo “chiedendo il permesso”, quindi cercando di capire se è disposto a farsi massaggiare. Si può procedere in questo modo:

  • cominciare da gambe e piedi, le parti meno vulnerabili del corpo. Si può usare la “tecnica della vite”, massaggiando la gamba dalla coscia alla caviglia ruotando le mani avanti e indietro in maniera delicata. Questo tocco favorisce la circolazione e rilassa la muscolatura. Si può poi passare ai piedini, con piccole pressioni alla base delle dita, sul tallone e lungo la pianta del piede, poi sul dorso e sulle caviglie;
  • passare ad addome e torace, effettuando con i palmi delle mani delle rotazioni dall’alto verso il basso e poi in senso orario, poi esercitando leggere pressioni da destra a sinistra all’altezza dell’ombelico. Sul torace, con le mani a libro aperto, si potrà invece fare un movimento verso il basso e verso l’esterno, poi lievi movimenti diagonali;
  • proseguire con braccia e mani, con movimenti simili a quelli usati per le gambe e i piedi;
  • terminare con il viso, accarezzando la testa del bimbo con movimenti circolari e poi massaggiando le tempie con movimenti circolari dei polpastrelli. Dalla radice del naso scendete verso le guance, toccando le orecchie e arrivando poi al mento.
Massaggio infantile

Foto di Ksenia Chernaya da Pexels

Massaggio infantile I love You per le coliche

Il massaggio infantile per le coliche I love you prende il nome dalle parole che bisognerebbe ripetere al bimbo mentre si esegue questo particolare tipo di massaggio e dalle lettere che vengono “disegnate” sul suo pancino. Si tratta di una serie di movimenti per favorire l’emissione di gas e alleviare il fastidio del neonato. Per eseguirlo teniamo il bimbo davanti a noi e cominciamo a massaggiare il lato sinistro del suo addome dall’alto verso il basso (come se fosse una lettera I), poi orizzontalmente dall’alto verso il basso (come una L rovesciata) e infine con un movimento semicircolare in senso orario, procedendo dall’alto verso il basso, passando sopra l’ombelico e poi scendendo (come una U rovesciata).

Massaggio infantile sole e luna per la stipsi

Anche la stipsi è piuttosto frequente nei primi mesi di vita. Il massaggio sole e luna può aiutare il movimento delle feci verso l’ultimo tratto dell’intestino. Per eseguirlo correttamente dobbiamo immaginare un orologio con il centro esattamente sull’ombelico del bimbo. Una delle nostre mani (che rappresenta il sole) deve quindi compiere un cerchio completo sull’addome in senso orario, mentre l’altra mano, che simboleggia la luna, si muove a semicerchio tra le 10 e le 5 del nostro orologio, procedendo sempre in senso orario. Le sequenza deve essere ripetuta cinque o sei volte.

I corsi di massaggio infantile

I genitori, per imparare alla perfezione le tecniche di massaggio infantile, possono seguire un corso. In Italia le proposte non mancano: si tratta in genere di corsi di gruppo in cui ogni genitore impara massaggiando il proprio bambino. Sul sito web di AIMI è possibile trovare gli insegnanti certificati più vicini alla propria zona di residenza, in modo da poter avere tutte le informazioni sui corsi in partenza.

Qui di seguito quelli in partenza su Milano. Per partecipare basterà iscriversi sul sito dell’Istituto La Casa:

Istituto La Casa – via Colletta 31

Ciclo di 4 incontri. Venerdì: 15/09   22/09   29/09   06/10. Ore: 10.30-12.00
Conduce: Anna Pontini – ostetrica
Modalità in presenza. Partecipazione gratuita
* Materiale necessario: tappetino da yoga con eventuale cuscino, abbigliamento comodo

 

 

 

 

In copertina foto di Nataliya Vaitkevich da Pexels

 

In breve

Il massaggio infantile può diventare un rituale piacevole per un bambino, che viene coccolato e calmato dalle mani dei genitori. Questi gesti non solo rafforzano il legame tra genitori e bambino, ma contribuiscono al suo benessere e al suo sviluppo fisico ed emotivo.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Genitori RH+: è possibile che abbiano un figlio RH-?

28/09/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non c'è nulla di strano nell'eventualità in cui nasca un bambino con fattore RH negativo da genitori RH positivo. Accade quando mamma e papà sono portatori (senza saperlo) dell'allele negativo.  »

Negativa al rubeo test: che fare in vista di una gravidanza?

27/09/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Prima di avviare una gravidanza se non si è immunizzate nei confronti della rosolia è opportuno vaccinarsi. Dopo la vaccinazione per "cercare un bambino" è bene attendere due mesi.   »

Ipercheratosi emersa dal pap test

11/09/2023 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

L'ipercheratosi è l'aumento della componente cheratinica della parete cellulare. Se viene evidenziata dal pap test richiede di ripetere l'indagine dopo sei mesi.  »

Fai la tua domanda agli specialisti