Matematica e italiano: se è curioso, sarà più bravo a scuola

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 18/09/2018 Aggiornato il 17/09/2019

Per scrivere e far di conto occorre tanta curiosità, fin da piccolissimi. Lo ha scoperto una recente ricerca che ha visto come queste due materie siano strettamente legate alla curiosità. Ecco perché

Matematica e italiano: se è curioso, sarà più bravo a scuola

Matematica e italiano sono discipline fondamentali fin dalla scuola primaria e per far arrivare i bambini a scuola ben predisposti verso queste due materie non serve chissa che cosa: basta stimolare adeguatamente i bambini. Come? Con la curiosità. È quanto dicono un gruppo di ricercatori dell’Università del Michigan (Stati Uniti) in un’apposita ricerca.

Analizzati migliaia di bambini

Dallo studio, pubblicato sulla rivista medica Pediatric Research, emerge che la chiave per il successo dei bambini in matematica e italiano è la curiosità. Per giungere a questi risultati i ricercatori hanno esaminato i dati dell’Early Childhood Longitudinal Study, Birth Cohort, uno studio che ha seguito migliaia di bambini dalla nascita: circa 6.200 bambini sono stati valutati quattro volte – all’età di nove mesi, a due anni, al primo anno di scuola materna e al primo anno di scuola primaria – e i genitori intervistati durante delle visite a casa da parte del team di ricerca.

Migliori risultati scolastici

I ricercatori hanno così rilevato che, anche col passare del tempo, la curiosità forniva un contributo piccolo ma significativo ai risultati scolastici, anche considerando altri fattori. Secondo gli studiosi promuovere questa naturale attitudine può essere particolarmente importante per i bambini provenienti da contesti economici meno abbienti, per colmare un eventuale divario di risultati con i coetanei.

 Oltre il controllo

Come spiega Prachi Shah, autrice della ricerca, “Attualmente la maggior parte degli interventi in classe si concentrano sul coltivare il controllo precoce e sulle capacità di autoregolamentazione del bambino, ma i nostri risultati suggeriscono che dovrebbe essere preso in considerazione anche un messaggio alternativo, incentrato sull’importanza della curiosità”.

 

 

Da sapere!

Secondo un altro studio condotto dalla Purdue University (Stati Uniti), abilità matematiche e linguistiche sono fortemente collegate, e stimolare i bimbi con numeri e conti già dall’età prescolare favorisce lo sviluppo del linguaggio.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti