Memoria dei bambini: un aiuto dall’olio essenziale di rosmarino?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/07/2017 Aggiornato il 03/07/2017

L’aroma emesso dall’olio essenziale di rosmarino migliora la memoria dei bambini e il loro rendimento scolastico

Memoria dei bambini: un aiuto dall’olio essenziale di rosmarino?

Se per alcuni bambini prestare attenzione a quanto dicono le maestre e memorizzare certi concetti è semplicissimo, per altri le cose sono più complesse. In quest’ultimo caso, si potrebbe chiedere aiuto all’aromaterapia. Secondo un recente studio condotto da un team di ricercatori inglesi, della Northumbria University, infatti, l’olio essenziale di rosmarino può migliorare la memoria dei bambini.

40 bambini di 10-11 anni

La ricerca ha coinvolto 40 bambini di età compresa fra i 10 e gli 11 anni. Metà di loro sono stati invitati a entrare in una stanza in cui i ricercatori avevano diffuso l’olio essenziale di rosmarino, mentre l’altra metà in una stanza normale. Successivamente, tutti sono stati sottoposti ad alcuni test individuali, per esaminarne le capacità intellettive. Lo scopo era capire se l’essenza di rosmarino potesse aiutarli a raggiungere punteggi più elevati nei test. In passato, gli autori avevano già scoperto che l’esposizione portava vantaggi negli adulti, in particolare per migliorare la memoria.

I risultati dei test cognitivi

L’analisi dei risultati ha confermato che l’olio di rosmarino è prezioso anche per i giovani. Infatti, è emerso che i punteggi dei test erano significativamente più alti nei bambini che avevano soggiornato nella stanza in cui si era ricorsi all’aromaterapia. In particolare, questi alunni avevano fatto registrare performance migliori nelle prove relative alla memoria, come in quella in cui si chiedeva di richiamare le parole alla mente.

Il meccanismo d’azione è ancora incerto

Al momento, non è ancora chiaro perché l’olio di rosmarino eserciti questa azione benefica. “Potrebbe essere che gli aromi influenzino l’attività elettrica nel cervello o che composti farmacologicamente attivi possano essere assorbiti durante l’inalazione” hanno spiegato gli studiosi. Quel che è certo è che una scarsa memoria di lavoro si associa a difficoltà scolastiche di varia natura e a un rendimento complessivo scarso, per cui tutti gli interventi in grado di potenziarla sono ben accetti. Via libera dunque all’uso dell’olio di rosmarino. Privo comunque di qualsiasi effetto collaterale.

 

 

In breve

I PRINCIPI DELL’AROMATERAPIA

L’aromaterapia si basa sull’impiego di oli essenziali naturali, sostanze di origine vegetale che si trovano in tutte le parti della pianta. Per godere dei loro benefici, bisogna mettere quattro-cinque gocce di ciascuna essenza in un diffusore per ambienti. Tuttavia, i rimedi possono anche essere applicati localmente tramite massaggi, aggiunti alla vasca da bagno o versati su un fazzoletto da respirare più volte al giorno.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti