Miopia nei bambini: approvate negli Usa le prime lenti a contatto per i piccoli

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 08/01/2020 Aggiornato il 08/01/2020

Oltre a correggere la miopia nei bambini, le lenti a contatto sono indicate anche per rallentarla, riducendo il rischio di sviluppare altri problemi agli occhi da adulti

Miopia nei bambini: approvate negli Usa le prime lenti a contatto per i piccoli

Approvate le prime lenti a contatto per la miopia nei bambini tra gli 8 e i 12 anni: l’ok all’utilizzo è arrivato dalla Food and Drug Administration statunitense, l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici, che precisa che MiSight – questo il nome delle lenti a contatto che hanno avuto il “via libera” per la miopia nei bambini – sono indicate, oltre che per correggere il difetto visivo, anche per rallentarne la progressione. Morbide e monouso, devono essere gettate via a fine giornata e non devono essere indossate durante la notte.

 Non solo miopia

 “Queste lenti a contatto rappresentano il primo prodotto approvato dalla Fda mirato a rallentare la progressione della miopia nei bambini, che potrebbe ridurre il rischio di sviluppare altri problemi agli occhi in futuro”, ha dichiarato Malvina Eydelman, direttore dell’ufficio per i prodotti oftalmici dell’Fda, dal momento che la miopia, come spiega l’Fda in una nota, “è comune nei bambini e tende ad aumentare man mano che si invecchia. Se una persona sviluppa una miopia grave da bambino, può essere sensibile ad altri problemi agli occhi durante l’età adulta come la cataratta precoce o il distacco di retina”.

 Correttive e preventive

 Le nuove lenti a contatto sono pensate per essere indossate quotidianamente per correggere la miopia e rallentare la progressione della miopia nei bambini con occhi sani. “Una volta posizionata sull’occhio, una parte della lente a contatto corregge l’errore di rifrazione per migliorare la visione a distanza negli occhi miopi, allo stesso modo di come funziona una lente correttiva standard – spiega in una nota l’FDA -. Gli anelli periferici concentrici nella lente inoltre focalizzano la parte della luce davanti alla retina: riteniamo che ciò possa ridurre lo stimolo che causa la progressione della miopia”.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

La miopia è quel difetto della vista che comporta difficoltà alla visione da lontano. Rappresenta la causa più frequente di disabilità visiva correggibile a livello mondiale.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti