Morso di vipera, cosa fare?

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 14/04/2023 Aggiornato il 14/04/2023

Se un morso di vipera capita a un adulto o a un bambino, è importante tenere la persona il più possibile ferma e portarla al Pronto Soccorso. Vediamo insieme come comportarsi se capita questa evenienza.

Morso di vipera, cosa fare?

Un morso di vipera non è un’eventualità così rara per chi si reca in montagna o in campagna nella bella stagione. Questi rettili si annidano infatti nel folto della vegetazione e, se si sentono minacciati, possono attaccare. “In realtà, nel nostro paese il morso di vipera è fatale solo nello 0,1% dei casi” spiega il professor Massimo Andreoni, Ordinario di Malattie Infettive all’Università Tor Vergata di Roma. “In ogni caso è bene non sottovalutare l’attacco che è doloroso e spaventa molto, soprattutto quando l’obiettivo è un bambino”. Vediamo dunque, in caso di morso di vipera, cosa fare e come comportarsi.

Morso di vipera: sintomi

In caso di attacco da parte di un rettile, non è facile capire se si è trattato di una vipera o di una innocua biscia. Se fosse possibile osservare l’animale almeno per qualche istante, si potrebbe capire se è una vipera (pupilla stretta e testa triangolare vista dall’alto) oppure una biscia (pupilla rotonda e testa ovale).

In realtà è molto difficile capire da quale rettile si è stati attaccati, perché questi si nascondono rapidamente nel mezzo della vegetazione ed è allora utile osservare la ferita. Il morso di biscia somiglia a una abrasione, mentre quello di vipera lascia due fori ben visibili nel punto che è stato attaccato. Inoltre la biscia è innocua, la zona non si gonfia, la ferita è superficiale e il rischio di tetano o di infezioni è bassissimo.

Il morso di vipera, oltre a essere doloroso, provoca invece sintomi ben precisi. Vediamo quali:

  • nella zona ferita compare un edema duro e dolente di colore rosso-bluastro con ecchimosi
  • dopo 1-6 ore circa, l’edema si estende a tutto l’arto colpito con formazione di chiazze bluastre
  • entro 12 ore si possono avvertire sintomi come secchezza della bocca e sete intensa, vomito e diarrea, crampi muscolari, pallore progressivo, vertigini e mal di testa

Il morso di vipera è mortale?

Come abbiamo detto, il morso delle vipere è letale solo in una percentuale ridotta di casi. Il rischio più elevato si corre se si viene attaccati da un rettile dell’appennino tosco-emiliano, che inietta un veleno più potente. Il decesso, più che dal veleno in sé, è comunque legato a complicazioni come reazioni allergiche, trombosi o danni agli organi interni. A causare i malesseri sono sostanze presenti nel veleno, che causano danni alle cellule dell’organismo. Sono per esempio responsabili neurotossine che paralizzano i muscoli bloccando la trasmissione degli impulsi nervosi e provocano un danno ai reni. Le emotossine alternano la coagulazione del sangue, provocando emorragie e trombi. Il danno è quindi indiretto ed è possibile arginarlo con maggiore successo, quanto prima si evita che il veleno entri in circolazione.

Cosa fare in caso di morso di vipera?

Se si sospetta un morso di vipera, il primo soccorso consiste in un comportamento prudente, evitando qualsiasi movimento per non favorire la distribuzione del veleno. È essenziale anche cercare di rimanere tranquilli e non agitarsi.

Qui di seguito in un vademecum di come procedere se si è stati morsi:

  • È importante restare supini, lavare la parte con acqua e sapone, poi disinfettare con soluzioni prive di alcol, per esempio acqua ossigenata o permanganato di potassio
  • Se il morso è localizzato in un braccio, è bene sfilare anelli, bracciali e orologi prima che compaia il gonfiore
  • La persona attaccata va trasportata al più presto al Pronto soccorso e deve cercare di restare il più possibile immobile
  • Nel frattempo le si può somministrare tè o caffè per tenere alta la pressione
  • È essenziale evitare comportamenti sbagliati, come incidere la zona ferita dal morso, succhiare il veleno, applicare lacci, acqua o ghiaccio

Le conseguenze di un morso di vipera

Una volta che sono state messe in atto le prime misure dopo un morso di vipera, cosa fare? “La persona va seguita in ospedale, perché è necessario mettere in atto alcune precauzioni per evitare che le tossine presenti nel veleno possano causare danni” aggiunge l’esperto. “Il discorso vale soprattutto per i bambini piccoli e gli anziani con malattie croniche, che corrono un rischio maggiore di incorrere in complicanze”. La terapia dopo un morso di vipera consiste in cure di supporto fornite in ospedale e solo nei casi che il personale giudica più seri viene somministrato il siero antivipera.

Le complicanze più frequenti sono la Sindrome compartimentale, che comporta gonfiore dei tessuti nella zona del morso, con conseguente compressione di nervi e vasi sanguigni. Va affrontata subito perché in caso contrario si rischia l’amputazione dell’arto che va incontro a necrosi. Inoltre possono comparire reazioni allergiche anche serie con shock anafilattico, insufficienza renale, emorragie, trombosi, forme di paralisi.

Come evitare il morso di vipera

Ecco alcuni consigli per un comportamento sicuro, essenziale per godersi passeggiate senza correre il rischio di essere attaccati dai serpenti ed evitare che i bambini siano vittime di punture di insetti:

  • Non attraversare le zone dove la vegetazione è fitta
  • Non camminare o sedersi nell’erba alta
  • Non appoggiarsi o sedersi mai su tronchi, rami, sassi o muri dove potrebbe essere nascosto qualche rettile
  • Mentre si cammina indossare pantaloni lunghi in tessuto spesso e scarponcini
  • Tenere in mano un bastone, per battere il terreno e la vegetazione, in modo di allontanare gli eventuali rettili presenti

 

Foto di Şeyda Nur  Yüce 

 
 
 

In breve

In caso di attacco di un rettile, si può capire che si tratta di un morso di vipera se compaiono due fori profondi e dolorosi e la zona inizia a gonfiare. In questo caso la persona, restando tranquilla e il più immobile possibile, deve essere portata in ospedale, dove viene curata nel modo corretto.

 

Fonti / Bibliografia

  • Morso di viperaIn caso si venga morsi da una vipera non è detto che questa abbia rilasciato del veleno; il morso è riconoscibile perché saranno visibili sulla pelle due fori distanti circa un centimetro tra loro: sono i segni dei denti veleniferi; in alcune circostanze il foro è uno solo.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti