Mortalità infantile: emergenza traumi in età pediatrica

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/07/2014 Aggiornato il 02/07/2014

Gli incidenti sono al secondo posto tra le cause di mortalità infantile. Appena dopo i tumori, i traumi in età pediatrica sono ormai un’emergenza

Mortalità infantile: emergenza traumi in età pediatrica

I dati sono decisamente allarmanti: gli incidenti (con annessi traumi) in età pediatrica sono la seconda causa (20,3%) di mortalità infantile (1-14 anni), subito dopo i tumori. Considerando che gli incidenti, a differenza della malattia, sono spesso evitabili, è evidente quanto sia importante parlare di prevenzione e sicurezza all’interno di ogni discussione concernente le cause di mortalità infantile oggi, dalle scuole ai genitori.

Al primo posto gli incidenti in casa

In Italia ogni anno accedono al Pronto soccorso oltre 1.160.000 bambini, per incidenti e violenza e, in questo numero elevato, ben il 31% è vittima di un incidente domestico. Dai dati evidenziati dalla fase analitica della sorveglianza, risulta che la maggior parte delle cause di mortalità infantile sia da attribuirsi all’incidente in casa, il restante campione si divide tra violenza, incidenti stradali e altre tipologie di trauma.

Cadute e ferite da taglio

Il 50% degli incidenti domestici è dovuto a caduta durante il momento del gioco e, per i bambini di età compresa tra 10 e 14 anni (soprattutto se maschi), risultano determinanti nella statistica anche le ferite da taglio. Seguono a ruota inalazione e ingestione di corpo estraneo (per cui risulterebbe fondamentale la familiarità dei genitori con le tecniche di disostruzione pediatrica), le ustioni e le intossicazioni o avvelenamenti (farmaci, detersivi).

Mettere la casa

in sicurezza

Come si deduce da questi dati, la maggior parte degli incidenti domestici sarebbe evitabile con il buon senso e una casa resa sicura da semplici accortezze e misure. Inoltre, potrebbe essere fondamentale “obbligare” i genitori a seguire corsi di disostruzione pediatrica e di informazione sulle prime misure di emergenza in caso di avvelenamenti o ustioni.

In breve

CORSI DI DISOSTRUZIONE PEDIATRICA

Sono organizzati ormai da vari enti, dalla Croce Rossa alle associazioni dei pediatri fino agli ospedali, e insegnano ai genitori e a chi si occupa dei bambini come comportarsi in caso di soffocamento per ingestione di corpi estranei. Un’evenienza più comune di quanto si pensi e durante la quale è necessario agire con la massima velocità.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

Bimba che vuole solo il papà dopo l’arrivo della sorellina

20/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Dopo la nascita di un fratellino, è positivo che il maggiore crei un legame speciale con il padre e la mamma, anziché sentirsi messa da parte, dovrebbe esserne contenta.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti