Musei per bambini, perché sono importanti per la crescita?

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 19/04/2024 Aggiornato il 19/04/2024

Luoghi divertenti, pensati espressamente per i più piccoli e che offrono molti vantaggi per la crescita cognitiva e l’apertura mentale. Vediamo le motivazioni e parliamo dell'iniziativa " Un, due, tre...Musei" di Regione Lombardia che regala l'abbonamento ai musei per famiglie e bambini.

Musei per bambini, perché sono importanti per la crescita?

I musei per bambini sono una parte importante dell’offerta culturale del nostro Paese. Inoltre sono un insostituibile strumento di crescita e di apertura sociale per i più piccoli. Stimolano la curiosità e lo spirito di osservazione, favoriscono la maturazione cognitiva, educano al bello e al rispetto del patrimonio comune. Per questo è importante frequentare i musei per bambini fin dai primi anni di vita dei piccoli, scegliendo i percorsi più adatti, cercando di coinvolgerli senza forzarli e approfittando delle iniziative che nascono per avvicinare i più piccoli alla cultura. Vediamo come.

Musei per i bambini, un’esperienza di crescita

L’Italia è una nazione dove la bellezza è a cielo aperto, grazie al suo passato di storia e cultura. In quasi ogni cittadina sono presenti monumenti, chiese ricche di opere d’arte, siti archeologici. Nel nostro Paese esistono anche molti musei per bambini da visitare con tutta la famiglia. È un’esperienza consigliabile a tutti perché si tratta di un’opportunità comunque positiva. Perché portare i bimbi al museo?

  • Le visite al museo rappresentano un’occasione culturale che aumenta e integra l’offerta didattica esclusivamente scolastica. I piccoli capiscono che il concetto di “apprendere” può esplicarsi anche al di fuori delle mura scolastiche, in modo vivo e coinvolgente.
  • I bambini sono spontaneamente abituati alla bellezza, tanto è vero che sono attratti da un paesaggio, da un cucciolo, da un fiore. In un museo dedicato a loro o in un antico castello i bambini ritrovano tutto questo in una dimensione nuova, di carattere ludico-ricreativo, spesso multisensoriale per la possibilità di vedere, ascoltare, interagire con supporti tecnologici.
  • Andare in un museo per bambini è anche un momento di coesione, che appiana le differenze sociali tra i piccoli perché si rivolge a tutti indistintamente. Abbatte le barriere e contrasta la povertà culturale, abituando fin dall’infanzia all’apertura mentale e all’accoglienza.
  • Il personale dedicato a mostre, esposizioni e musei per bambini è specificamente formato per porsi in modo comprensibile e accattivante, stimolando la curiosità dei più piccoli e spingendoli quindi a fare domande, ad approfondire un tema, a sviluppare gusti e interessi personali.

Come coinvolgere i bambini in una visita al museo

Una visita al museo è sempre un modo intelligente di trascorrere tempo di qualità con i propri figli, anche in giornate di pioggia, come alternativa al gioco in casa, al cinema o agli spettacoli teatrali pensati per i bambini. Non sempre, però, i piccoli si mostrano entusiasti all’idea di andare a visitarne uno. Spesso infatti si immagina il museo come un luogo noioso, in cui si è costretti a stare immobili trattenendo la propria vitalità. Ecco come fare per prepararli a una visita davvero indimenticabile.

Aspettare l’età giusta

E’ bene scegliere l’età giusta per portare il piccolo al museo. In teoria, ci si può andare anche con un neonato, ma è solo dai 4-5 anni in poi che i bimbi iniziano ad avere una sufficiente maturità cognitiva, una minima capacità di concentrazione e uno spirito di osservazione abbastanza sviluppato per cogliere le informazioni che gli vengono proposte. Andarci quando sono molto piccoli però aiuta loro ad allenarsi alla curiosità e abituarsi a frequentarli.

Invitare qualche amico

Se il bambino si mostra poco interessato, si può proporre una visita di gruppo, con qualche compagno di scuola e un paio di genitori. In questo modo il piccolo si sentirà maggiormente coinvolto e vivrà questa esperienza con più curiosità.

Stimolare il suo interesse

È consigliabile stimolare la sua fantasia cercando sui libri o in rete immagini e informazioni in tema con il museo che si andrà a visitare. Se, per esempio, si pensa di andare a visitare un museo di storia naturale, può essere divertente cercare con il bambino immagini e notizie di dinosauri, animali preistorici, rettili estinti e così via. Una volta nelle sale, sarà divertente cercarli nelle teche e nelle riproduzioni.

Scegliere il tema adatto

Anche l’approccio al museo è importante e può condizionare il rapporto del piccolo con questo tipo di istituzioni. Per questa ragione è bene scegliere proprio un museo dedicato specificatamente ai più piccoli o, al limite, qualcosa che possa stimolare la sua fantasia. Un’esposizione di quadri antichi è davvero troppo seria, mentre un castello medioevale può essere lo sfondo di racconti fantastici e una mostra di arte astratta può rivelarsi colorata e coinvolgente.

Un’iniziativa per i bambini in Lombardia e Valle d’Aosta

Proprio pensando ai bambini e alle famiglie il progetto «Un, due, tre…Musei!», nato dalla collaborazione tra Regione Lombardia, Associazione Abbonamento Musei e Oratori diocesi lombardo, vuole favorire l’avvicinamento di bambini e ragazzi al mondo della cultura. Dopo la pandemia infatti si è verificato un brusco calo delle visite ai musei, e per questo motivo si vuole rendere l’accesso alla portata di tutti.

un due tre stella

Circa 8000 nuclei famigliari riceveranno un abbonamento annuale gratuito valido in 249 musei tra Lombardia e Valle d’Aosta, con la possibilità quindi di visitare luoghi unici come la Pinacoteca di Brera, il museo della carta di Toscolano Maderno vicino a Brescia, il Palazzo Te a Mantova, il Forte di Bard in Val d’Aosta e molti altri luoghi unici che apriranno gratuitamente le porte a bambini e ragazzi tra i 6 e i 13 anni che frequentano gli oratori coinvolti nell’iniziativa. La tessera gratuita sarà annuale per i giovanissimi, mentre quella dell’accompagnatore adulto avrà validità bi-mensile e potrà essere estesa a un anno a prezzo agevolato. Si tratta di una iniziativa importante che potrà dare origine ad altri eventi dello stesso genere in tutta Italia e valida da aprile a fine dicembre 2024.

 Foto di Turikammer per pixabay.com 

 

 
 
 

In breve

I musei per i bambini sono veri e propri mondi da scoprire, pensati espressamente per i piccoli dai 4-5 anni in poi: stimolano l’apertura mentale, aiutano a sviluppare il gusto personale, abbattono le barriere sociali e culturali. In Italia, oltre ai numerosi musei dedicati ai bambini, continuano a nascere iniziative che favoriscono l’avvicinamento dei più piccoli alla cultura, come il progetto “Un, due, tre…Musei!” della Regione Lombardia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Fai la tua domanda agli specialisti