Nativi digitali: come educarli a un uso corretto di tablet, smartphone e pc

Roberta Camisasca
A cura di Roberta Camisasca
Pubblicato il 05/04/2018 Aggiornato il 04/08/2018

I nuovi media sono entrati prepotentemente nelle nostre vite, condizionandole nel bene e nel male. Non sono esclusi i bambini, per i quali è stato coniato il termine nativi digitali. Un manuale insegna l’uso consapevole

Nativi digitali: come educarli a un uso corretto di tablet, smartphone e pc

Le immagini digitali sono divenute centrali nella vita dei bambini sin dai primissimi anni di vita: su tablet, televisione, pc, smartphone confluiscono enormi quantitativi di immagini. Secondo l’Istituto di Neuroscienze del Cnr è addirittura possibile che in futuro, accanto ai centri del linguaggio, che hanno la loro sede nell’emisfero sinistro del cervello (per i destrimani), si sviluppino centri per il linguaggio digitale.  Per insegnare ai nativi digitali a usare consapevolmente tablet, tv e pc è uscito un libro intitolato “Educare alle immagini e ai media. Manuale per un uso consapevole da 0 a 11 anni”, voluto dalla cooperativa Coopselios : propone attività concrete, laboratori ed esperienze sul campo per imparare attraverso le immagini 2.0.

Consapevolezza

Il volume si articola su tre Linee guida che sono anche gli obiettivi da raggiungere per un uso consapevole da parte dei nativi digitali di tablet e altri strumenti digitali: la prima riguarda la promozione della consapevolezza e dell’abilità nel guardare e comprendere le immagini che arrivano dall’esterno, imparare a riconoscere la distinzione tra finzione e realtà, l’attivazione di azioni di denuncia nei confronti di immagini che si ritengono dannose, discriminanti o lesive della dignità.

Gestione

La seconda è volta alla promozione della capacità di gestire la propria immagine comprendendone il valore, le implicazioni e le conseguenze nel tempo della presenza online e dei comportamenti che vi sono collegati, in modo da sapersi tutelare nel rispetto di sé e degli altri.

Creazione

La terza è relativa al piano creativo: promuovere nei nativi digitali le abilità e le conoscenze per imparare a “fare media”, cioè ideare, progettare e realizzare messaggi e contenuti da promuovere nella “mediasfera” di tablet, tv, smartphone e pc. Il libro offre numerose proposte didattiche concrete e già sperimentate, rivolte agli insegnanti e agli educatori che vogliano iniziare un percorso di ricerca con i bambini da 0 a 11 anni.
 

 

 
 
 

Da sapere!

Questi percorsi didattici, sperimentati in diverse strutture del territorio reggiano gestite da Coopselios, sono già realtà presso il Centro di sperimentazione creativa per l’infanzia “Le Corti” di Correggio (Reggio Emilia).

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti