Nuova ondata di Covid? Sì se si allentano i controlli

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 23/09/2020 Aggiornato il 23/09/2020

Con sistemi di tracciamento e isolamento efficaci, la nuova ondata di Covid-19 potrà essere contenuta nonostante la riapertura delle scuole

Nuova ondata di Covid? Sì se si allentano i controlli

Non è detto che quello che ci attende sarà per forza un inverno disastroso. La tanto temuta nuova ondata di Covid potrebbe non verificarsi, nonostante la riapertura di scuole e asili. A patto di attuare un programma di test-tracciamento-isolamento efficace e dettagliato. Questo perlomeno è quanto sostiene uno studio condotto da un gruppo di ricercatori britannici, dell’University College London, pubblicato sulla rivista The Lancet Child & Adolescent Health.

Misura necessaria

Scuole e asili sono state fra le prime strutture a chiudere e le ultime a riaprire. Scienziati e istituzioni, infatti, hanno ritenuto che questa misura fosse necessaria per limitare la diffusione del Covid-19 e proteggere bambini e anziani. Tuttavia, non può essere più attuata perché rischia di avere conseguenze importanti sullo sviluppo psichico di bimbi e ragazzi e  sulla loro vita sociale e di relazione.

Le previsioni degli esperti

In questo nuovo studio, i ricercatori hanno creato un modello per valutare l’impatto che la riapertura delle scuole avrà sulla pandemia da Covid-19. Secondo le loro stime, se i test di tracciamento e isolamento avranno successo, si potranno scongiurare molte conseguenze nefaste. Gli scienziati hanno calcolato che, nel caso in cui le scuole riaprissero a tempo pieno, se si riuscirà a rintracciare almeno il 68% dei contatti dei positivi al nuovo Coronavirus, almeno il 75% delle persone con infezione sintomatica dovrebbe essere testato e i casi positivi isolati. Se, invece, si riuscissero a rintracciare solo il 40% dei contatti, il numero degli individui da valutare dovrebbe salire all’87%. Nel caso in cui i sistemi di tracciamento non dovessero funzionare a dovere e i contatti rintracciati fossero al di sotto della soglia del 40%, la situazione diventerebbe critica. Nel Regno Unito, per esempio, dove già la situazione si è fatta critica “si rischia un grave secondo picco epidemico a dicembre o febbraio” hanno concluso gli esperti.
 

 
 
 

Lo sapevi che?

Il tampone serve per sapere se una persona è positiva o meno al nuovo coronavirus e se c’è un’infezione da Covid-19 in corso. Il test sierologico, invece, consente di individuare la presenza di anticorpi prodotti dal sistema immunitario in risposta al virus: serve per capire se una persona è già entrata in contatto con il nuovo coronavirus.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni cutanee dopo una puntura di insetto

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

A volte a scatenare reazioni sulla pelle può essere anche l'applicazione dell'antistaminico in crema.  »

Gravidanza e scomparsa improvvisa dei sintomi

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è automatico che la scomparsa dei sintomi tipici della gravidanza sia brutto segno.   »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti