Nuovi sistemi per individuare l’iperattività nei bambini

Metella Ronconi
A cura di Metella Ronconi
Pubblicato il 15/03/2019 Aggiornato il 15/03/2019

Sperimentato un sistema di sensori indossabili per diagnosticare l’iperattività nei bambini, problema che colpisce il 5% dei piccoli

Nuovi sistemi per individuare l’iperattività nei bambini

A livello mondiale l’ iperattività nei bambini colpisce il 5% dei piccoli in età scolare soffre. Nei bambini le problematiche neuro-evolutive, come il disturbo di coordinazione dello sviluppo (DCD) ed il disordine da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), influenzano la pianificazione dei movimenti e la coordinazione.

Un aiuto per i medici

Da una ricerca dell’Università di Roma Tor Vergata, pubblicata sul Journal of Biomechanics, è nato un sistema innovativo di sensori che possono aiutare i medici alle prese con sospetti casi di iperattività nei bambini e deficit di attenzione. Al momento per arrivare a una diagnosi e stabilire il grado del problema si utilizzano questionari compilati da genitori e insegnanti e test motori (camminare sui talloni, prono-supinazione delle mani) che possono impegnare il bambino anche per ore. Bisogna poi tener conto del fatto che i bambini possono arrivare stanchi al controllo ed essere poco collaborativi. Questo può falsare i risultati, mentre fare una corretta diagnosi è fondamentale per poter fornire i giusti strumenti per la soluzione del problema.

Il test diventa un gioco

Il team di ricerca guidato dal professor Giovanni Saggio ha sperimentato, su 37 bambini dai 7 ai 10 anni, di cui 17 con diagnosi, un sistema di sensori indossabili e di tecniche di intelligenza artificiale, per arrivare a una valutazione oggettiva dell’ iperattività nei bambini e dei disturbi del controllo motorio. Con questo nuovo approccio, oltre a ridursi sensibilmente i tempi dell’esame, bastano poche decine di minuti, la valutazione diventa oggettiva perché dipende da dati di misura. In più i bambini partecipano volentieri e senza stancarsi ai test, dato che la misurazione si trasforma in un gioco in cui i loro movimenti diventano quelli di un avatar su un computer.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Questo nuovo sistema è utile anche per il monitoraggio dell’efficacia della terapia, che può essere farmacologica o di tipo motorio. Grazie ai sensori e all’intelligenza artificiale i medici possono capire, infatti, se la terapia va nella giusta direzione, anche confrontando i risultati dei piccoli pazienti con quelli dei coetanei senza problemi.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti