Obesità infantile: emergenza mondiale!

Allarme dell’Oms: i tassi di obesità infantile sono aumentati in tutto in mondo. Alto il rischio per le malattie correlate all’eccesso di peso in bambini e adolescenti

Oggi ci sono al mondo 10 volte più bambini obesi rispetto al 1975. È quest oil dato emerso dall’ultimo aggiornamento globale sull’ obesità infantile a cura dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) e dell’Imperial College di Londra: i dati, che riguardano quasi 130 milioni di persone di età superiore ai 5 anni (31,5 milioni di persone dai 5 ai 19 anni e 97,4 milioni di età compresa tra i 20 anni e più) di oltre 200 Paesi, sono davvero impressionanti. Secondo questo studio, considerato “la più grande ricerca epidemiologica mai condotta per numero di persone coinvolte”, l’andamento dell’ obesità infantile è drammaticamente in aumento, decuplicato in 40 anni: le ragazzine sono passate da 5 milioni a oltre 50 milioni e i maschi da 6 milioni a 72 milioni. A questi numeri vanno aggiunti anche i 213 milioni di persone che, pur non essendo obesi, sono in sovrappeso.

Una crescita allarmante

Gli studiosi hanno rilevato che sebbene i tassi di obesità infantile si stiano stabilizzando in molti Paesi europei ad alto reddito, in altre parti del mondo stanno crescendo a una velocità allarmante. Una delle principali cause di questo fenomeno è rappresentata dalla grande disponibilità e dall’incentivo a consumare cibi a basso costo che fanno ingrassare. Per prevenire e intervenire su obesità e sovrappeso in età precoce occorrono, secondo gli autori dello studio, interventi decisi a carattere nazionale e, nei singoli casi, programmi di terapia comportamentale per cambiare il tipo di alimentazione, aumentare l’esercizio fisico, sottoporre a screening per il controllo e la gestione di ipertensione, problemi al fegato di bambini e adolescenti.

La situazione in Italia

Per quanto riguarda il nostro Paese sono stati presi in considerazione 21 studi su bambini e adolescenti (5 a livello nazionale) e 46 sugli adulti (7 nazionali). A livello mondiale l’Italia si posiziona al 61° posto per le ragazze e al 46° per i ragazzi, ma tra i Paesi ad alto reddito è rispettivamente al 6° e 8° posto. Nel 2016 si stima la presenza di Italia di circa un milione di bambini e adolescenti obesi (437.000 femmine e 642.000 maschi), numero che aumenta a circa 3,2 milioni se si considera anche la popolazione di bambini e adolescenti sovrappeso. La percentuale di bambini e adolescenti obesi è aumentato di quasi 3 volte nel 2016 rispetto al 1975.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Se la tendenza osservata verrà confermata, nel 2022 saranno più numerosi i bambini e gli adolescenti obesi di quelli moderatamente o severamente sottopeso.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Massaggi anticellulite: si possono fare mentre si allatta?

I massaggi anticellulite possono essere effettuati tranquillamente durante l'allattamento, anche alla luce di una massima che tutte le neomamme dovrebbero fare propria: tutto quello che le fa sentire meglio si rifette positivamente sul bebè.   »

Fai la tua domanda agli specialisti