Obesità infantile: emergenza mondiale!

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 27/11/2017 Aggiornato il 27/11/2017

Allarme dell’Oms: i tassi di obesità infantile sono aumentati in tutto in mondo. Alto il rischio per le malattie correlate all’eccesso di peso in bambini e adolescenti

Obesità infantile: emergenza mondiale!

Oggi ci sono al mondo 10 volte più bambini obesi rispetto al 1975. È quest oil dato emerso dall’ultimo aggiornamento globale sull’ obesità infantile a cura dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) e dell’Imperial College di Londra: i dati, che riguardano quasi 130 milioni di persone di età superiore ai 5 anni (31,5 milioni di persone dai 5 ai 19 anni e 97,4 milioni di età compresa tra i 20 anni e più) di oltre 200 Paesi, sono davvero impressionanti. Secondo questo studio, considerato “la più grande ricerca epidemiologica mai condotta per numero di persone coinvolte”, l’andamento dell’ obesità infantile è drammaticamente in aumento, decuplicato in 40 anni: le ragazzine sono passate da 5 milioni a oltre 50 milioni e i maschi da 6 milioni a 72 milioni. A questi numeri vanno aggiunti anche i 213 milioni di persone che, pur non essendo obesi, sono in sovrappeso.

Una crescita allarmante

Gli studiosi hanno rilevato che sebbene i tassi di obesità infantile si stiano stabilizzando in molti Paesi europei ad alto reddito, in altre parti del mondo stanno crescendo a una velocità allarmante. Una delle principali cause di questo fenomeno è rappresentata dalla grande disponibilità e dall’incentivo a consumare cibi a basso costo che fanno ingrassare. Per prevenire e intervenire su obesità e sovrappeso in età precoce occorrono, secondo gli autori dello studio, interventi decisi a carattere nazionale e, nei singoli casi, programmi di terapia comportamentale per cambiare il tipo di alimentazione, aumentare l’esercizio fisico, sottoporre a screening per il controllo e la gestione di ipertensione, problemi al fegato di bambini e adolescenti.

La situazione in Italia

Per quanto riguarda il nostro Paese sono stati presi in considerazione 21 studi su bambini e adolescenti (5 a livello nazionale) e 46 sugli adulti (7 nazionali). A livello mondiale l’Italia si posiziona al 61° posto per le ragazze e al 46° per i ragazzi, ma tra i Paesi ad alto reddito è rispettivamente al 6° e 8° posto. Nel 2016 si stima la presenza di Italia di circa un milione di bambini e adolescenti obesi (437.000 femmine e 642.000 maschi), numero che aumenta a circa 3,2 milioni se si considera anche la popolazione di bambini e adolescenti sovrappeso. La percentuale di bambini e adolescenti obesi è aumentato di quasi 3 volte nel 2016 rispetto al 1975.

 

 

Da sapere!

Se la tendenza osservata verrà confermata, nel 2022 saranno più numerosi i bambini e gli adolescenti obesi di quelli moderatamente o severamente sottopeso.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Esposizione alla diossina: quali rischi per il feto?
16/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Durante la gravidanza, l'esposizione alla diossina non è particolarmente rischiosa per il bambino.  »

Bimba che sta attraversando i “terribili due anni”
03/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

A due anni il bambino può diventare terribile. E' una fase della crescita sana e naturale che si può affrontare senza soccombere. Basta sapere come è meglio fare.   »

Vaccinazione DTP: è da fare in gravidanza?
02/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Oggi viene considerato opportuno sottoporre le donne incinte al richiamo vaccinale contro difterite, tetano e pertosse affinché il nascituro possa contare su anticorpi sufficienti a proteggerlo, nei primi mesi di vita, dalle tre malattie.   »

Fai la tua domanda agli specialisti