Obesità infantile, il fratello minore salva il primogenito

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/04/2016 Aggiornato il 28/04/2016

Avere un fratello entro i primi anni di vita può aiutare a prevenire l’obesità infantile. Ecco perché

Obesità infantile, il fratello minore salva il primogenito

I piccoli che non hanno avuto un fratellino o una sorellina, entro i primi 4-5 anni di vita, hanno un rischio triplo di diventare obesi entro i sei anni, rispetto ai coetanei con fratelli. Lo dice uno studio dell’Università del Michigan condotto sull’obesità infantile su circa 700 bambini, monitorati fin dalla primissima infanzia.

Una correlazione ancora da approfondire

L’indagine, capitanata dalla pediatra Julie Lumeng, ha seguito i bambini fino all’ingresso della scuola elementare, informandosi sull’eventuale allargamento della famiglia e calcolando l’indice di massa corporea dei piccoli. L’esperta afferma che sarebbe opportuno studiare in che modo avere un fratello possa avere un impatto sui comportamenti adottati durante i pasti e l’attività fisica. Infatti, una migliore comprensione del legame potenziale “fratello minore-peso del primogenito” può aiutare gli operatori sanitari e le famiglie a creare nuove strategie per aiutare i bambini a crescere in salute.

Le possibili cause

Non è chiaro quali siano le motivazioni alla base del rischio di obesità infantile: forse i genitori sono più attenti all’alimentazione con un figlio in arrivo, condizionando quindi quella del primogenito, ancora piccolo e quindi più recettivo al consolidamento delle buone abitudini; oppure semplicemente il primo nato diventa più attivo perché gioca con il fratello minore, al posto di guardare la televisione o restare “incollato” ai videogiochi.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

 Nel 2014, i bambini obesi o in sovrappeso, sotto i 5 anni di età erano 41 milioni, il 25% in più rispetto al 1990.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Fai la tua domanda agli specialisti