Obesità infantile già dai quattro anni aumenta il rischio ipertensione

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 19/11/2019 Aggiornato il 19/11/2019

Già nei bambini di quattro anni l’obesità infantile raddoppia le probabilità di ipertensione entro i sei anni, aumentando il rischio futuro di ictus e infarto. I primi rimedi? Dieta sana e attività fisica

Obesità infantile già dai quattro anni aumenta il rischio ipertensione

Il problema obesità infantile è sempre più diffuso nei Paesi industrializzati. Secondo l’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) è una delle sfide più importanti che la sanità pubblica dovrà fronteggiare nei prossimi anni. Già dai quattro anni, rispetto a un bambino normopeso, l’obesità infantile porta a probabilità raddoppiate di andare incontro a ipertensione entro i sei anni, con un aumento anche circa i rischi di futuri ictus e infarto.

Dieta sana e movimento

È quanto emerso da uno studio dell’European Society of Cardiology e pubblicato da European Journal of Preventive Cardiology. Come sottolineato dal dottor Iñaki Galán dell’Istituto di salute Carlos III di Madrid, ritenere i chili di troppo dei bambini ininfluenti per il loro sviluppo è un concetto errato e, nella maggior parte dei casi, porta i genitori a non curarsi di quello che, invece, che devono invece migliorare la dieta dei propri figli e spingerli a praticare attività fisica.

Un problema mondiale

A livello mondiale il numero di bambini sotto i cinque anni con problemi di obesità supera i 41 milioni, con casi in aumento anche in Italia. Un dato che non deve lasciare indifferenti e che ha portato i ricercatori a valutare le conseguenze del sovrappeso infantile. Lo studio ha preso in esame per due anni le abitudini e lo stato di forma di 1.796 bambini di quattro anni. Le ricerche si sono concentrate su pressione sanguigna, indice di massa corporea e la circonferenza vita.

Risultati chiari

Al termine dello studio, i dati hanno evidenziato – senza distinzione di sesso o stato socioeconomico – come i bambini con peso in eccesso, nuovo o persistente, hanno rispettivamente un rischio ipertensione di 2,49 e 2,54 volte superiore rispetto ai piccoli normopeso. Valori che crescono a 2,81 e 3,42 rispettivamente nei casi di obesità addominale nuova o persistente. Di contro, i bambini che hanno perso peso non hanno visto un aumento del rischio di ipertensione. I risultati mostrano, in ogni caso, come si possa intervenire per azzerare i rischi: i bambini che sono tornati a un peso normale hanno, infatti, riacquistato sani livelli di pressione del sangue.

Fondamentale il buon esempio

È chiaro dunque come il modo migliore per ridurre i rischi dei nostri bambini sia fargli perdere i chili in eccesso attraverso una sana attività fisica e una dieta corretta. Le due figure centrali in questo percorso sono i genitori e la scuola. Quest’ultima, in particolare, deve prevedere almeno quattro ore settimanali di ginnastica, menù e spuntini nutrizionalmente bilanciati e attività di gioco e sport dopo le lezioni. Il ruolo di terzo soggetto chiave spetta ai pediatri che, grazie a questo studio, devono rendersi conto di come l’idea che i problemi legati al sovrappeso inizino a palesarsi nell’adolescenza sia errata. Contro l obesità occorre iniziare a lavorare fin dall’infanzia per scongiurare quanto prima danni sulla pressione sanguigna.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Prima di affrontare la gravidanza è bene perdere i chili in eccesso. Inoltre, meglio evitare di ingrassare e smettere assolutamente di fumare durante la gestazione, poiché questi sono tutti fattori di rischio per l’obesità infantile.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti