Obesità infantile: in Italia sovrappeso 1 bambino su 3

Miriam Cesta
A cura di Miriam Cesta
Pubblicato il 15/11/2018 Aggiornato il 15/11/2018

I genitori tendono a riconoscere tardivamente l’ obesità infantile, sottovalutando gli errori alimentari e lo stile di vita sedentario che ne sono alla base. Pericoli per la salute

Obesità infantile: in Italia sovrappeso 1 bambino su 3

L’ obesità infantile è una condizione ancora troppo sottovalutata, eppure i rischi per la salute, anche nel lungo termine, sono diversi. In Italia un bambino su 3 è in sovrappeso, ma la maggior parte dei genitori sembra non “vedere” il problema. A parlare dell’eccesso di peso nei bambini e delle conseguenze che possono scaturirne è la Sip, la Società italiana di pediatria, secondo cui i bambini italiani di dieci anni – con 2 su 10 sovrappeso e 1 su 10 obeso – sono i più cicciottelli d’Europa.

Stile di vita fondamentale

Contrariamente a quanto comunemente si crede in pochi casi i problemi di eccesso ponderale sono causati da malattie genetiche o endocrine. Il più delle volte, spiegano i pediatri italiani, l’obesità infantile è invece dovuta a piccoli e continui sbilanciamenti – perlopiù prevenibili – tra quantità di calorie ingerite (in eccesso rispetto al reale fabbisogno) e spesa energetica (inferiore rispetto alle reali necessità dei bambini, che conducono una vita troppo sedentaria).

Prevenire è meglio che curare

I pediatri italiani spiegano che i genitori spesso non si accorgono del problema, sottovalutando gli errori alimentari e lo stile di vita sedentario che sono alla base dell’eccesso di peso nei loro figli. Oppure, se se ne accorgono, spesso pensano – erroneamente – che con la crescita il bambino dimagrirà spontaneamente. Ma purtroppo dall’obesità è difficile guarire: per questo, più che mai per quanto riguarda l’ obesità infantile, prevenire è meglio che curare.

Dimagrire è difficile

Per manifestarsi l’ obesità infantile impiega alcuni anni durante i quali l’organismo accumula le calorie in eccesso, aumentando il volume e il numero delle cellule adipose. Il problema del contrasto all’obesità, precisano i pediatri, dipende dal fatto che “mentre il volume delle cellule adipose può essere ridotto con la terapia, è assai difficile ridurre il numero delle cellule adipose stesse. E questa è una delle principali cause della difficoltà a ottenere una guarigione completa dell’ obesità infantile una volta che si è manifestata”.

Meno cibo, più movimento

Quanto ai trattamenti disponibili, gli esperti Sip spiegano che “non esistono farmaci idonei a trattare il bambino obeso. Piuttosto lo scopo della terapia è l’acquisizione e il mantenimento di un bilancio energetico negativo, cioè la riduzione dell’introito calorico rispetto al fabbisogno energetico per un periodo di tempo sufficiente a raggiungere un miglioramento del rapporto tra peso e statura”. Unito a un aumento del movimento fisico, troppo spesso trascurato durante l’infanzia. Infine, i pediatri spiegano che le modifiche allo stile di vita devono essere durature: “Affinché la terapia abbia successo, è indispensabile modificare il comportamento del bambino e della famiglia attraverso un’educazione continua su abitudini e stile di vita”.

 

Da sapere!

Diverse sono le complicanze associate all’obesità infantile. L’eccesso di peso nei giovanissimi altera il funzionamento di molti organi e apparati, con la possibile comparsa di fegato grasso (steatosi epatica), alterati livelli di lipidi e glucosio nel sangue, ipertensione arteriosa, ridotta tolleranza al glucosio/diabete di tipo 2, irregolarità mestruali, patologie osteoarticolari e respiratorie.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti