Obesità infantile: Italia bocciata in prevenzione

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 25/10/2017 Aggiornato il 25/10/2017

In Italia non si fa abbastanza per limitare l'obesità infantile e il consumo di alcol. Eppure i rischi per bambini e adolescenti sono tanti

Obesità infantile: Italia bocciata in prevenzione

Di recente la rivista scientifica The Lancet ha pubblicato un rapporto sullo stato di salute di 188 paesi, basato sul “Global Burden of Diseases” del 2016, un metodo di misurazione che permette di valutare quale impatto patologie, infortuni e fattori di rischio hanno sulla popolazione mondiale, permettendo così di operare un confronto tra i differenti ambiti geografici e sociali. L’obiettivo ultimo di queste ricerche è fornire informazioni il più possibile dettagliate a chi deve compiere scelte di politica sanitaria. In una scala di valutazione da 0 a 100, l’Italia si è aggiudicata due punteggi bassi sia per quanto riguarda sia l’ obesità infantile sia il consumo di alcol: rispettivamente 35 e 38.

Altre situazioni di rischio sottovalutate

L’Italia non è risultata particolarmente brillante nemmeno per numero di fumatori (punteggio 43) e frequenza di abusi sui bambini (44). Punteggio eccellente (il massimo) ha, invece, ottenuto in relazione alle morti per mancanza di igiene, praticamente inesistenti. I Paesi promossi a pieni voti su tutti i fronti sono stati Singapore, Islanda e Svezia.

Le regole da seguire (ma spesso ignorate)

L ’obesità infantile si contrasta rispettando alcune semplici regole:

  • non iniziare lo svezzamento prima dei sei mesi di vita,
  • offrire solo un tipo di proteina (per esempio, niente carne se si mette il parmigiano) in un singolo pasto,
  • dargli a merenda solo frutta fresca,
  • eliminare il passeggino entro massimo i 3 anni di età (ma a due anni e mezzo sarebbe anche meglio),
  • non abituare il bambino ai sapori dolci,
  • dargli da bere preferibilmente la sola acqua (le bibite zuccherate() solo occasionalmente),
  • farlo giocare all’aperto, correre e saltare il più possibile,
  • limitare la permanenza davanti alla televisione.

 

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Dormire meno di 9 ore per notte aumenta il rischio di obesità infantile.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti