Obesità infantile: Italia fra i primi paesi in Europa

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 19/07/2018 Aggiornato il 31/07/2018

In Italia il 21% dei bambini e il 38% delle bambine soffrono di obesità infantile. Ecco perché

Obesità infantile: Italia fra i primi paesi in Europa

Da qualche anno se ne sta parlando molto. Nonostante ciò, l’ obesità infantile rimane un grande problema in Italia. Addirittura più che nella maggior parte degli altri Paesi europei. Secondo gli ultimi dati della Childhood Obesity Surveillance initiative (2015-17) dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, vantiamo due tristi primati: quello del maggior tasso di obesità infantile tra i maschi e quello dei livelli più elevati di sovrappeso e obesità fra le femmine. Se il 21% dei nostri bambini è obeso o in sovrappeso, fra le bambine il tasso sale al 38%.

Colpa di un’educazione scorretta

Ma com’è possibile che in uno dei Paesi in cui è nata la dieta mediterranea l’ obesità infantile sia così diffusa? Secondo gli esperti, le ragioni sono molteplici. Sicuramente gioca un ruolo determinante la cattiva educazione: genitori e adulti in genere non trasmettono cioè le giuste abitudini alimentari ai bambini, anzi li spingono a mangiare troppo e male. Questo si verifica soprattutto al Sud, dove è ancora viva la falsa convinzione secondo cui “grasso è bello”. Uno stile di vita troppo sedentario, la preferenza per i giochi statici rispetto a quelli dinamici, ritmi di vita frenetici, la mancanza di tempo per preparare pasti salutari non fanno che peggiorare il tutto.

Ci sono anche buone notizie

Ma dall’Italia non arrivano solo cattive notizie. “In Paesi come Italia, Portogallo, Spagna e Grecia, sebbene i tassi di obesità infantile e sovrappeso siano elevati, c’è stata un’importante diminuzione attribuibile all’enorme sforzo che i singoli Paesi hanno speso negli ultimi anni nella prevenzione e nel controllo dell’obesità” ha affermato Joao Breda, dell’European Office for Prevention and Control of Non communicable Diseases. In questi anni, dunque, qualcosa si è mosso: le campagne informative e gli allarmi stanno iniziando a dare buoni frutti.

Sì a frutta e verdura

Un’altra buona notizia riguarda il consumo di frutta e verdura: sembra, infatti, che i nostri bambini siano abituati a mangiare questi cibi, se non tutti i giorni, almeno a giorni alterni. Non solo. Introducono con scarsa frequenza cibi da fast food e pizza.

 

 

Da sapere!

Per combattere l’ obesità infantile, è importante abituare i bambini a mangiare in modo sano fin da piccoli. Ogni tanto va bene concedere qualche strappo, ma in linea generale è sempre bene offrire una dieta bilanciata.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Plagiocefalia posteriore in bimbo di 3 anni: che fare?

07/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Nel primo anno di vita, il 20 per cento della popolazione pediatrica è interessata da un'assimetria del cranio che non richiede interventi chirurgici e non influisce sul normale sviluppo del bambino. Caschetto e terapia posizionale sono invece ausili preziosi.   »

Orticaria dopo un’infezione: può essere allergia all’antibiotico?

02/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

In una bimba di tre anni, è raro che la comparsa di puntini rossi durante una cura antibiotica sia dovuta a un'allergia al farmaco. E' più probabile, invece, che dipenda da una reazione agli agenti batterici o virali che hanno causato l'infezione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti