Obesità infantile: pediatri e genitori la sottovalutano

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 18/06/2019 Aggiornato il 11/12/2019

Una ricerca lancia l’allarme: nonostante i numeri in crescita, l’obesità infantile è ancora un problema sottovalutato, sia dai genitori sia dai pediatri. Attenzione alle conseguenze

Obesità infantile: pediatri e genitori la sottovalutano

È un problema sottovalutato, quello dell’obesità infantile. Più di un genitore su due non fa caso al sovrappeso dei figli. Una questione che non viene considerata neanche dai pediatri: il 50% ignora questo dato nel corso delle visite. A sostenerlo una ricerca presentata al Congresso europeo sull’obesità di Glasgow, nel Regno Unito, grazie a una metanalisi dell’Università di Nottingham che ha confrontato 87 studi fra il 2.000 e il 2018 su 24.774 ragazzi fra 0 e 19 anni e le loro famiglie.

Interventi tardivi

Nonostante i numerosi tentativi di sensibilizzare l’opinione pubblica, i risultati dello studio indicano che è diffusa l’abitudine di non considerare in modo adeguato l’ obesità infantile, constatano gli esperti. Per molti genitori l’illusione è che con l’età il problema si sistemi. Purtroppo questa superficialità porta a intervenire tardivamente, quando è più difficile ottenere dei risultati e magari sono già presenti complicanze.

Molti rischi

Quali sono i rischi dell’obesità infantile? Rimanere obesi in età adulta, avere complicanze metaboliche come glicemia alta, pressione arteriosa elevata, fegato grasso, difficoltà psicosociali. Ci sono casi di emarginazione, episodi di bullismo, depressione, disturbi del comportamento alimentare. Infine un’aspettativa di vita inferiore ai normopeso.

La situazione in Italia

In Italia due bambini su 10 sono in sovrappeso e uno su 10 è obeso, con  una maggiore prevalenza nel Centro Sud. Negli ultimi 40 anni nel mondo i bambini e adolescenti obesi sono aumentati di 10 volte. Una questione che riguarda anche gli altri Paesi europei. In Europa, il 19-49% dei ragazzi e il 18-43% delle ragazze sono sovrappeso o obesi. Solo pochi fra loro ricevono un trattamento adeguato. E sempre di più si incomincia a parlare anche di diabete: un adolescente obeso ha un rischio 4 volte superiore di sviluppare un diabete tipo 2 nel corso della vita.

 

 

 

Da sapere!

Il criterio di “normalità” può variare da genitore a genitore. Per non sbagliare è indispensabile che sia il pediatra a misurare peso e altezza del bambino.

 

Fonti / Bibliografia
  • University of NottinghamThe University of Nottingham is a pioneering university that provides an exceptional research-led education (TEF Gold), and an outstanding student experience. Delivering world-leading research that transforms lives and societies. We are consistently ranked among the world's top 100 universities (QS), a pioneer in global education, with campuses in Asia and the UK.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Qual è stato il rapporto sessuale che ha portato al concepimento?

10/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stabilire il giorno esatto del concepimento, in caso di più rapporti sessuali nello stesso mese, è davvero molto difficile in quanto il periodo ovulatorio è influenzato da più variabili.   »

Fai la tua domanda agli specialisti