Obesità infantile: record fra i maschi under 17 e al sud

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/02/2014 Aggiornato il 05/02/2014

Secondo una recente ricerca, i più soggetti all’obesità sono i ragazzini con meno di 17 anni e i bambini e adolescenti residenti nelle regioni meridionali

Obesità infantile: record fra i maschi under 17 e al sud

L’obesità infantile è ormai una vera e propria epidemia, sempre più diffusa in Italia e anche nel resto del mondo. L’ennesima conferma arriva dalla ricerca “Bambini e adolescenti tra nutrizione e malnutrizione. Problemi vecchi e nuovi in Italia e nel mondo in via di sviluppo”, realizzata dall’Unicef in collaborazione con l’Istat. Ecco che cosa è emerso.

I dati principali

Nel nostro paese, il sovrappeso e l’obesità infantile riguardano soprattutto i maschi: colpito il 30,1% dei bimbi e ragazzi fra i 6 e i 17 anni contro il 23,6% delle femmine. Le regioni più a rischio sono quelle meridionali. Il 34,6% dei bambini residenti al sud ha problemi di peso, rispetto al 22,7% del nord-ovest, al 21,1% del nord-est, al 24,6% del centro e al 31,1% delle isole.

Il ruolo dei genitori

Ma per quali ragioni l’obesità infantile è in continua crescita? Sotto accusa, innanzitutto, il cattivo esempio fornito da mamma e papà. Se i genitori mangiano male, infatti, anche il figlio fa altrettanto. Lo dimostra il fatto che la percentuale più alta di bambini in sovrappeso, pari al 38,1%, si registra fra i figli di genitori in sovrappeso. Se a essere in sovrappeso è solo la mamma, la percentuale scende al 28,1%, mentre se l’unico “grasso” è il papà si arriva a quota 26,5%.
 Fra i figli dei genitori che non hanno problemi di peso, solo il 20,4% combatte con i chili di troppo.

Le errate abitudini a tavola

Dall’indagine emerge, inoltre, che i bimbi obesi hanno diversi comportamenti errati a tavola. Innanzitutto, il 9,9% non fa un’adeguata colazione. Dal 11,4% al 17,4% (la percentuale aumenta a crescere dell’età), poi, consuma molti snack, alimenti poco salutari. Va male anche per quanto riguarda la frutta e la verdura. Solo il 12% ne consuma quattro o più porzioni al giorno, come raccomandato dagli esperti. Il 63,2% ne mangia massimo tre porzioni.

In breve

GLI ALTRI FATTORI DI RISCHIO

Secondo la ricerca, altri fattori scatenanti l’obesità infantile sono: la scarsa attività fisico-motoria, il basso livello di istruzione dei genitori e le poche o addirittura insufficienti risorse economiche.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come insegnare le regole a un bimbo di tre anni?

17/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ridimensionare le aspettative, armarsi di grande pazienza, dare il buon esempio: ecco cosa serve per educare un bambino.  »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Fai la tua domanda agli specialisti