Obesità infantile: un nuovo test scoprirà le complicanze?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/02/2014 Aggiornato il 14/02/2014

Un test sulla saliva ideato per i bambini che soffrono di obesità infantile potrebbe aiutare a individuare quelli a rischio di fegato grasso

Obesità infantile: un nuovo test scoprirà le complicanze?

L’obesità infantile non rappresenta solamente un problema di natura estetica. Si tratta di una vera e propria malattia, che può esporre a una serie di complicanze serie, fra cui il fegato grasso. Purtroppo se riconoscere il sovrappeso non è difficile, scoprire eventuali patologie associate non è così immediato. Per questo, la notizia di un possibile nuovo test in grado di individuare i piccoli che rischiano problemi al fegato è stata accolta con entusiasmo dai ricercatori.

Un problema molto comune

Per fegato grasso, in termini scientifici steatosi epatica, si intende un processo di accumulo di trigliceridi (tipo di grassi presenti nel sangue) nelle cellule del fegato. Soprattutto nei bambini, le cause principali sono rappresentate da un’alimentazione scorretta e da un peso eccessivo. Si calcola, infatti, che nel 38% dei casi l’obesità infantile sia associata a steatosi epatica. Queste due condizioni, soprattutto se sono presenti contemporaneamente, aumentano le probabilità di malattie cardiovascolari. Non solo: un quarto dei bambini obesi con fegato grasso va incontro a steatoepatite non alcolica o Nash, ossia un’epatite con fibrosi del fegato.

A che punto è la ricerca

Per questo, riconoscere per tempo i bambini obesi che rischiano una steatosi epatica è così importante. Nuove speranze arrivano da un gruppo di ricercatori dell’ospedale Bambino Gesù di Roma. Da una prima ricerca è emerso che il fegato grasso può essere scatenato, oltre che dalla dieta sbilanciata e dall’obesità, anche da fattori genetici. Di qui, l’idea di sviluppare il primo test genetico in grado di identificare le mutazioni che sono fondamentali per lo sviluppo e la progressione della malattia nei bambini. L’ospedale ha già incaricato un’azienda di mettere a punto un kit per l’analisi della saliva dei bambini. La speranza è che le informazioni ottenute con questo semplice esame possano essere di grande aiuto nella lotta all’obesità infantile. Si ipotizza, infatti, che il test potrà essere utilizzato per la diagnosi precoce delle sue complicanze, in particolare della steatosi epatica, e per meglio orientare le scelte terapeutiche da adottare.

In breve

DIPENDE DA STILI DI VITA SCORRETTI

Solo raramente l’obesità infantile dipende da un’altra malattia. Nella maggior parte dei casi, c’è una componente genetica di base, che si trasforma in malattia vera e propria in presenza di stili di vita scorretti: essenzialmente sedentarietà e alimentazione sregolata.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti