Obesità nei bambini, le 10 regole per prevenirla

Miriam Cesta Pubblicato il Aggiornato il 01/08/2018

Non anticipare lo svezzamento e fare attenzione al cibo spazzatura: ecco tutte le regole del decalogo per la prevenzione dell’obesità infantile scritto dai pediatri

L’obesità nei bambini, e in tutte le età della vita, è ormai un problema di salute pubblica. Gli esperti parlano infatti di “epidemia” (comparsa in una regione di un numero elevato di casi di una malattia contagiosa ) a livello mondiale. Per cercare di mettere un argine a questa problematica la Società italiana di pediatria e la Società italiana di endocrinologia pediatrica hanno messo a punto un decalogo per la prevenzione del sovrappeso e dell’obesità nei bambini.

In gravidanza

1) La salute per il bambino inizia in gravidanza: la futura mamma deve dunque fare attenzione all’eccessivo aumento di peso materno e al fumo. Troppi chili in gravidanza si associano infatti a un aumentato rischio di sviluppare l’obesità in età evolutiva. Quanto al fumo, oltre ai tanti danni alla salute per la gestante e per il feto, il fumo materno nel periodo perinatale aumenta il rischio di sovrappeso nel bimbo all’età di 7 anni.

I primi due anni

2) L’allattamento al seno esclusivo possibilmente fino a 6 mesi riduce tra il 12 e il 26% il rischio obesità nei bambini.

3) Evitare un eccessivo aumento di peso e del rapporto peso/lunghezza sin dai primi mesi di vita. Un rapido incremento di peso nei primi mesi di vita è un fattore di rischio per l’obesità. L’azione preventiva si basa principalmente sull’attenzione al tipo, quantità e periodo di introduzione degli alimenti. Seguire sempre i consigli del pediatra.

4) Non introdurre prima dei 4 mesi alimenti solidi e liquidi diversi dal latte materno o dalle formule per lattanti. Le raccomandazioni nutrizionali internazionali e nazionali suggeriscono di iniziare l’alimentazione complementare quanto più possibile vicino ai 6 mesi di vita.

Bambini in età scolare e adolescenti

5) In età scolare, a partire quindi dai 6 anni, è più facile che il bambino, anche in compagnia dei genitori, mangi più spesso fuori casa. È bene però limitare l’uso dei fast food, che si associa a un aumento di assunzione di cibo spazzatura e a una ridotta assunzione di vegetali freschi, nota causa di obesità nei bambini.

6) Evitare bevande zuccherate, sport drink, succhi di frutta con zuccheri aggiunti. In età adolescenziale, inoltre, no a bevande alcoliche e energy drink.

7) Ridurre a meno di 2 ore al giorno cumulative il tempo trascorso davanti a uno schermo (TV, videogiochi, computer, cellulare ecc.): a causa di queste attività i bambini corrono il rischio di mangiare peggio e di fare meno attività fisica.

8) Rispettare una corretta igiene del sonno: dormire poco è infatti un potenziale fattore di rischio per il sovrappeso e l’obesità in età pediatrica.

Per tutta la vita

9) Seguire un’alimentazione a bassa densità calorica, basata sui principi della dieta mediterranea, con almeno 5 porzioni tra frutta, verdura e ortaggi, privilegiando le fonti vegetali di proteine e ripartita in circa 5 pasti giornalieri.

10) Trascorrere mediamente almeno 60 minuti al giorno in attività fisica moderata/intensa per migliorare la salute metabolica e ridurre il rischio di un eccessivo incremento di peso.

Prova le nostre ricette per lo svezzamento…  piacciono anche ai grandi!

 

 

 
 
 

Da sapere!

 

È documentato che l’attività fisica previene sovrappeso e obesità e migliora il metabolismo a tutte le età. L’aumento dei livelli di attività fisica si può ottenere promuovendo giochi attivi e uno stile di vita attivo (camminare a piedi, andare sul triciclo o in bicicletta, giocare all’aperto, fare le scale ecc.) in tutti i bambini a partire dai 2-3 anni di età e, a partire dai 5-6 anni, anche un’attività motoria organizzata con una frequenza di 2/3 volte a settimana.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Posso prendere la spirulina per il ferro basso? Meglio di no

E' normale, in gravidanza, che si verifichi una diminuzione dell'emoglobina nel sangue, ma il ricorso alla spirulina è sconsigliato per porvi rimedio. Si deve invece porre grande attenzione alla dieta ed, eventualmente, assumere il ferro (su prescrizione del ginecologo).  »

Richiamo antivaricella: è da fare in vista del concepimento?

Il richiamo della vaccinazione contro la varicella è senza dubbio da effettuare in vista di una gravidanza. E' importante però essere sicure che il concepimento non sia già avvenuto. Ma non è questo l'unico vaccino con cui è bene "essere in regola" prima del concepimento.   »

Non saranno troppo tutti questi vaccini assieme?

Le vaccinazioni mettono al riparo dal rischio che il bambino sia colpito da malattie terribili, che possono mettere a repentaglio la sua vita. I vaccini combinati sono l'opzione migliore, quindi vanno effettuati senza timori, nella certezza che siano una protezione irrinunciabile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti