Omeopatia contro influenza e mali di stagione

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 12/09/2016 Aggiornato il 12/09/2016

Inizia a settembre la prevenzione per trascorrere autunno e inverno in salute. Ecco i rimedi di omeopatia più indicati

Omeopatia contro influenza e mali di stagione

Con la fine dell’estate si ripresentano i primi malanni stagionali, complici la riapertura delle scuole, il ritorno al lavoro e gli sbalzi di temperatura che caratterizzano i mesi autunnali. Starnuti, naso chiuso, mal di testa, malessere generale e febbre sono i classici sintomi che accomunano influenza e sindromi influenzali, che colpiscono l’apparato respiratorio e si diffondono con estrema rapidità.  Ma niente paura. L’ omeopatia offre un valido aiuto.

La prevenzione comincia ora

L’autunno e l’inverno sono le stagioni più temute da molti genitori perché con la ripresa delle attività scolastiche e con il freddo, la possibilità che i bambini si ammalino cresce: non a caso le tipiche malattie invernali rappresentano la principale causa di assenza dalla scuola. Per i più piccoli, in particolare, che hanno un sistema immunitario ancora poco sviluppato, l’asilo nido e la scuola materna sono i luoghi in cui più frequentemente avviene il contagio: i bambini sono a stretto contatto, in stanze riscaldate e in un ambiente secco, il luogo ideale per il proliferare dei virus influenzali e simil-influenzali. Una corretta prevenzione con l’ omeopatia, a partire dal mese di settembre, può però diminuire le possibilità di ammalarsi.

Medicinali omeopatici anche per i più piccoli

I granuli e i globuli omeopatici si possono dare anche ai bimbi più piccolo, sciogliendoli in un po’ d’acqua, con il biberon o un cucchiaino. Il medicinale omeopatico Oscillococcinum contribuisce a ridurre in modo significativo il rischio di contrarre influenza e sindromi influenzali. I bambini, in particolare, rispondono in modo particolarmente significativo grazie alle caratteristiche del loro sistema immunitario, tendenzialmente più reattivo rispetto a quello di un adulto. L’Oscillococcinum, per esempio, va assunto una volta alla settimana fino ad aprile. È utile anche ai primissimi sintomi dell’influenza, quali stanchezza improvvisa, spossatezza, sensazione di malessere, sonnolenza, brividi, in quanto aiuta a impedire l’evoluzione della malattia verso la fase acuta.

Gli “aiuti” in più

È molto utile inoltre seguire alcune semplici regole di buona condotta: lavarsi spesso e bene le mani con sapone e acqua; coprirsi la bocca a ogni colpo di tosse o starnuto; seguire un’alimentazione sana ed equilibrata; praticare attività fisica anche all’aperto: il movimento stimola l’organismo e il sistema immunitario.

 

da sapere!

È buona norma arieggiare la casa più volte al giorno anche in inverno e umidificare gli ambienti, per evitare che l’aria dei locali diventi troppo secca.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Lavaggi nasali: servono davvero?
23/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I lavaggi nasali rivestono grande utilità non già per uccidere il virus del raffreddore, ma per facilitare la pulizia del naso e favorire la fluidificazione, quindi, l'eliminazione del muco.   »

Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fai la tua domanda agli specialisti