Orecchie a sventola: oggi si correggono così

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 16/11/2016 Aggiornato il 16/11/2016

Un nuovo dispositivo viene inserito direttamente nelle orecchie a sventola per correggerne la curvatura. Ecco come funziona questo metodo poco invasivo

Orecchie a sventola: oggi si correggono così

Avere le orecchie a sventola può creare un grande disagio, che con il tempo può determinare forte insicurezza nel bambino prima e nell’adulto poi. Fino a oggi, per correggere le orecchie a sventola veniva utilizzata la tradizionale tecnica chirurgica, detta otoplastica. Ma grazie a un nuovo dispositivo, correggere i padiglioni auricolari “ad ansa” sarà molto meno invasivo.

Una clip d’oro

Il nuovo dispositivo consiste in una clip rivestita in oro 24 carati biocompatibile, da introdurre sotto la pelle dell’orecchio per indirizzare i padiglioni verso una forma pre-impostata. La novità arriva dagli Stati Uniti ed è stata presentata in occasione del 65° congresso nazionale tenutosi a Milano della Sicpre (Società italiana chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica). Per effettuare l’operazione, in anestesia locale, sono necessari dai 15 ai 20 minuti, a seconda degli impianti da utilizzare (da uno a tre).

Una correzione delicata

L’intervento può essere effettuato su una o entrambe le orecchie e si può programmare dai 7 anni in su. I vantaggi rispetto alla chirurgia tradizionale sono notevoli: la clip si adatta all’interno dell’orecchio e si modella per garantire la correzione prevista e viene chiusa con dei piccoli punti di sutura riassorbibili, senza prevedere il ricovero in ospedale. Dopo l’inserimento, inoltre, è possibile tornare a tutte le attività che si svolgono normalmente, senza particolari cautele.

 

 

 

lo sapevi che?

Le orecchie a sventola colpiscono il 5,6% della popolazione mondiale, con una netta prevalenza maschile.  Secondo i dati Aicpe2014, in Italia ci sono stati 10.000 interventi per correggere le orecchie a sventola.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti