Paghetta ai figli: quando iniziare? Come organizzarsi?

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 26/01/2024 Aggiornato il 26/01/2024

Molti genitori desiderano concedere la paghetta ai figli, ma non sanno quando iniziare e che somma dare. Ecco i nostri consigli per gestire in modo intelligente questo importante passaggio verso l’autonomia

Paghetta ai figli: quando iniziare? Come organizzarsi?

Paghetta ai figli: sì o no? E quando iniziare a concederla? Secondo gli esperti, assegnare a bambini e ragazzi una piccola somma di denaro è importante per aiutarli a crescere e a comprenderne il valore: “Gestire soldi propri responsabilizza e dà un senso di autonomia” concorda la dottoressa Arianna Cornali, psicologa a Milano. “È però opportuno iniziare all’età giusta e gestirla con buon senso. Solo così la paghetta ai figli può essere anche uno strumento educativo”.

Quando iniziare a dare la paghetta ai figli

Ogni famiglia può iniziare a dare la paghetta ai figli quando lo ritiene opportuno. L’età più adatta, però, coincide con l’ingresso alla scuola media. In questa fase, infatti, i ragazzini hanno una buona dimestichezza con il calcolo, sanno eseguire a mente somme e sottrazioni, soprattutto se sono stati educati in questo senso anche con giochi e attività. Di conseguenza riescono a rapportare la quota di denaro della quale dispongono alle loro esigenze, senza rischiare di acquistare qualcosa di valore maggiore. Inoltre sono attenti nel conteggio del resto, anche per pianificare eventuali spese. A 10-11 anni i bambini sono più autonomi, escono da soli con gli amici per la pizza e il gelato, iniziano a fare piccoli acquisti. Concedere la paghetta in questa fase della crescita è una sorta di rito, un gesto simbolico che segna il passaggio dalla dipendenza dai genitori alla conquista di una maggiore indipendenza.

Come organizzarsi con la paghetta settimanale?

La paghetta ai figli è qualcosa che va oltre le spese necessarie per indumenti, libri, corsi sportivi: questi restano a carico dei genitori. La somma che si concede è un di più per togliersi piccoli sfizi, come appunto il cinema o il gelato con gli amici. Quando i ragazzini sono ancora abbastanza piccoli, il suggerimento è di dare una somma settimanale, eventualmente più contenuta, anziché una maggiore quantità di denaro una volta al mese. Trovandosi infatti con molti soldi, il bambino potrebbe spenderli in modo insensato tutti in una volta, restando poi senza. Meglio quindi suddividere una somma di denaro maggiore in tante piccole quote, per abituare il figlio a essere più oculato.

Quanti soldi dare in base all’età?

Il rapporto con il denaro per i più giovani è un aspetto essenziale che incide sulla capacità di maneggiarlo correttamente. Secondo una ricerca, il 34,2% dei bambini e ragazzi tra 6 e 17 anni riceve regolarmente la paghetta dai genitori. Ciascuna famiglia può decidere in modo autonomo quanto denaro concedere come paghetta ai figli. 10 euro alla settimana è la cifra giusta a 11 anni, per passare poi a 20 quando il ragazzo arriva alla scuola superiore e ha quindi maggiori esigenze di spese personali. Ci sono famiglie che danno cifre maggiori, altre che ne danno meno. È meglio evitare di alzare la quota stabilita per allinearsi a quella di persone che concedono di più ai figli: ci saranno sempre famiglie più abbienti e altre più in difficoltà. Di conseguenza è bene valutare la situazione degli altri ragazzini, stabilendo però in modo autonomo una cifra sensata da dare ai propri figli.

Paghetta ai figli, le regole da ricordare

Ecco qualche consiglio per gestire con equilibrio la paghetta ai figli.

La paghetta non è un premio

Non è corretto concederla se il ragazzino prende un bel voto a scuola o riordina la propria stanza: questi traguardi fanno parte dei suoi doveri, dei suoi compiti quotidiani e quindi non devono essere premiati. Viceversa, se si comporta male è bene non toglierla per punizione: la paghetta non deve essere oggetto di ricatti e contrattazioni.

Non dargli altri soldi se li ha spesi prima

I soldi sono terminati prima della settimana? Meglio non dargliene altri: il ragazzino deve imparare che il denaro non arriva da una fonte inesauribile, oppure non riuscirà a darvi valore. Rinuncerà a qualcosa e la volta successiva sarà più oculato.

Non togliere la paghetta anche se la spende male

Soprattutto nei primi tempi è possibile che il bambino commetta errori di gestione. È bene lasciargli il suo denaro e dargli la possibilità di riflettere, in modo che impari ad amministrarlo meglio.

Foto di cottonbro studio per pexels.com 

 
 
 

In breve

La paghetta ai figli è un sistema per aiutarli a crescere e ad essere responsabili. La somma di denaro va concessa in base all’età e non deve essere utilizzata come premio se il bambino si comporta bene o come punizione se commette qualche errore.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti