Peso in gravidanza: indicazioni e tabella mese per mese

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 14/06/2024 Aggiornato il 14/06/2024

Come controllare se l'aumento del peso in gravidanza sia regolare e come evitare di ingrassare troppo.

Peso in gravidanza: indicazioni e tabella mese per mese

L’aumento di peso in gravidanza è un fenomeno assolutamente normale, indispensabile anzi per garantire lo sviluppo del feto. È importante però cercare di non superare i 12 chili complessivi nel corso della gestazione.

Un eccessivo peso in gravidanza può infatti predisporre mamma e bambino a problemi di salute. Una dieta in gravidanza corretta e un po’ di attività fisica sono essenziali per il controllo del peso. Ecco i nostri consigli per non ingrassare eccessivamente.

Come aumenta il peso in gravidanza

L’aumento di peso in gravidanza, mediamente, dovrebbe mantenersi tra gli 8 e i 12 chili. Tuttavia tale crescita non è identica per tutte le donne e dipende da molti fattori:

  • il peso prima di restare incinta, perché una donna più magra dovrebbe aumentare di più chili rispetto a una più robusta;
  • la conformazione del bambino, dal momento che un neonato piuttosto grande comporterà un aumento di peso maggiore rispetto a un feto più minuto;
  • una tendenza personale ad acquistare peso, che dipende anche da caratteristiche genetiche e famigliari;
  • il fatto che la gravidanza sia singola o gemellare, perché, se i feti sono due o più, anche il peso della donna sarà più elevato.

Tenendo conto di questo, i chili in più in gravidanza sono costituiti da:

  • il neonato, che pesa mediamente tre chili;
  • il tessuto adiposo di riserva, che si aggira sui 2,7-3,6 chili;
  • l’aumento del seno, di circa un chilo;
  • l’ingrossamento dell’utero, anche questo di circa un chilo;
  • due chili tra placenta e liquido amniotico;
  • l’aumento del volume del sangue e dei liquidi corporei, da 2,8 a 3,6 chili.

Il peso di partenza è importante

È importante essere consapevoli che aumentare di peso nel corso della gestazione è normale, ma non sempre. Le donne che sono già sovrappeso dovrebbero accumulare pochi chili in più, o non aumentare affatto. Meglio ancora, l’ideale sarebbe iniziare la gravidanza con un peso adeguato, seguendo una dieta equilibrata, sotto il controllo del medico, nel momento in cui si inizia a pianificare la gestazione stessa. Il sovrappeso in età fertile, infatti, può causare problemi al concepimento. Il discorso vale anche al contrario, cioè se una donna è eccessivamente magra: una quantità moderata di tessuto adiposo è infatti necessaria per assicurare le riserve energetiche che occorrono al feto per svilupparsi e crescere. Inoltre, pure l’eccessiva magrezza può causare difficoltà a concepire. Anche in questo caso, dunque, sarebbe opportuno parlare con il medico per capire come recuperare il peso forma ideale.

Le regole da seguire per un aumento di peso corretto

È importante, soprattutto se si è sovrappeso, monitorare l’aumento del proprio peso pesandosi ogni settimana al mattino, svestite e a digiuno. Se ci si accorge che si acquista oltre un chilo alla settimana, è importante parlarne con il ginecologo per capire le ragioni di questo peso in eccesso, anche attraverso gli esami del sangue. Spesso, però, l’aumento di peso è legato solo a uno stile di vita scorretto, soprattutto dal punto di vista dell’alimentazione. Ecco le indicazioni di base:

  • non vale più la regola secondo la quale è necessario mangiare per due: oggi non si rischiano carenze ed è invece essenziale seguire una alimentazione corretta, aumentando leggermente l’apporto calorico quotidiano. Se una donna adulta non in attesa consuma ogni giorno circa 2.000 calorie, in gravidanza l’apporto calorico deve aumentare solo leggermente: di più se la donna è sottopeso, molto meno in caso di sovrappeso;
  • sono consigliate 250 calorie giornaliere in più (l’equivalente di una fetta di torta di mele) se la donna è magra, 170 se la donna è normopeso (pari per esempio a uno yogurt intero con pezzetti di noci e frutta), 100 in caso di sovrappeso (un bicchiere di latte scremato);
  • l’alimentazione dovrebbe essere varia comprendendo cereali (meglio se integrali), proteine (meglio se di carni bianche, pesce, e legumi), frutta e verdura cotta o ben lavata (per evitare il rischio di toxoplasmosi o altre infezioni);
  • è importante bere molto evitando bevande zuccherine e ovviamente alcolici;
  • per controllare il peso è sempre consigliabile un po’ di attività fisica, se le condizioni della gravidanza lo permettono: camminata a passo veloce, nuoto per gestanti, ginnastica dolce, cyclette. Il moto brucia le calorie in eccesso e aiuta a controllare l’aumento del peso.

Eccesso di peso, cosa fare

È importante evitare un aumento eccessivo di peso in gravidanza, perché può favorire la comparsa di problemi nella donna, per esempio:

  • maggiore rischio di incorrere nel diabete gestazionale
  • predisposizione all’ipertensione arteriosa, che a sua volta può esporre a condizioni pericolose come la pre-eclampsia, che può indurre un parto pre termine
  • dolore di schiena per il peso in eccesso che grava su bacino e colonna vertebrale
  • gonfiore agli arti inferiori e ai piedi, con difficoltà a camminare.

Possono presentarsi problemi anche nel feto: oltre a correre il rischio di una nascita prematura, il bambino di una mamma sovrappeso oppure obesa può essere macrosomico, ossia avere un peso eccessivo. Questo può causare problemi durante il parto naturale per la sproporzione tra il canale vaginale e la conformazione del bambino stesso, rendendo talvolta necessario il cesareo.

Tabella aumento peso in gravidanza mese per mese

Nel primo trimestre, anche a causa delle nausee che possono impedire una corretta alimentazione, spesso le donne aumentano poco, di uno o due chili al massimo, o non aumentano affatto. Il tessuto adiposo si distribuisce soprattutto nella zona del seno e del girovita. Nel secondo trimestre l’aumento di peso diviene più consistente: la donna guadagna circa un chilo e mezzo al mese. Nel corso del terzo trimestre è possibile un aumento più netto perché il feto, una volta formato, si fa più evidente a partire dal secondo trimestre, quando si guadagna circa un chilo e mezzo al mese, fino al momento del parto. Più nel dettaglio, la crescita di peso dovrebbe seguire questo andamento:

  • 1,5-2 chili (circa 500 grammi al mese) nel primo trimestre
  • 4,5-5,5 chili (350-450 grammi circa ogni settimana) nel secondo trimestre
  • 2,5-3,5 chili (200-300 grammi circa alla settimana) nel terzo trimestre

In media gli esperti considerano normale un aumento di circa 12 chili complessivi nel corso della gravidanza.

L’aumento di peso se la donna è troppo magra o sovrappeso

PESO IN GRAVIDANZA (1)

Come abbiamo detto, ci sono differenze nell’aumento di peso se la gestante è sottopeso, normopeso o sovrappeso.
Una donna sottopeso, con Imc (indice di massa corporea) inferiore a 18, può aumentare fino a 18 chili nel corso dei nove mesi, secondo questo ritmo: 0,5-2 chili nel primo trimestre, 0,4-0,6 kg a settimana dal secondo in poi.

Una donna normopeso (con Imc da 18,5 a 24,9) dovrebbe cercare di mantenere il proprio aumento di peso tra gli 11 e i 16 kg, aumentando di 0,5-2 chili nel primo trimestre e poi di 0,35-0,50 chili alla settimana nel secondo e nel terzo.
Incremento totale: 11,5-16 chili.

La donna sovrappeso o francamente obesa (con Imc maggiore di 25) dovrebbe cercare di limitare l’aumento di peso, non superando i 6-7 chili in totale nel corso della gestazione, secondo questo schema ideale: 0,5-2 chili nel primo trimestre, 0,20-0,27 chili alla settimana dal secondo trimestre in poi.

Foto di SHVETS production per pexels.com

 
 
 

In breve

L’aumento del peso in gravidanza è considerato normale se non supera i 12 chili in più rispetto al peso forma di partenza. Una donna magra dovrebbe aumentare di più, una sovrappeso oppure obesa non dovrebbe accumulare più di 6-8 chili nei nove mesi. E’ essenziale nutrirsi in modo equilibrato e non aumentare l’apporto calorico consigliato. Il ginecologo può fornire indicazioni preziose sullo stile di vita e l’attività fisica adatta.

 

Fonti / Bibliografia

  • Aumento di peso in gravidanza: quanti chili in più? - Humanitas San Pio XL’idea di aumentare di peso spaventa diverse donne all’inizio della gravidanza; molte poi temono di non riuscire a tornare in forma dopo il parto. Sono paure comuni e legittime, da non criticare né sminuire. Se da un lato l’aumento di peso corporeo in gravidanza è del tutto naturale, dall’altro è bene ricordare che uno stile […]
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti