Pidocchi: fatti fuori dall’aria

Laura de Laurentiis A cura di Laura de Laurentiis Pubblicato il 10/09/2018 Aggiornato il 17/09/2018

Con la riapertura di scuole, asili e nidi torna per i genitori l'incubo dei pidocchi, i parassiti che hanno una particolare predilezione per i capelli dei bambini. Ma oggi c'è una nuova arma per combatterli. Ecco come funziona

Pidocchi: fatti fuori dall’aria

Dagli Usa è giunto un metodo che in un’ora sconfigge definitivamente i pidocchi. I centri in Italia in cui, per ora, si effettua il trattamento sono tre. Il metodo innovativo si chiama AirAllé® ed è un metodo brevettato dall’Università dello Utah, che in un’ora risolve la pediculosi, incubo di tutte le mamme. Messo a punto grazie a una ricerca condotta dal parassitologo statunitense Dale Clayton, impiega un dispositivo medico,  approvato dalla Food and Drug Administration e registrato presso il ministero della salute italiano, che agisce efficacemente senza l’ausilio di prodotti chimici. Può dunque essere usato anche su chi ha problemi di allergia nei confronti dei principi attivi contenuti in shampoo, schiume e lozioni usati contro i pidocchi.

Come funziona

Il trattamento si effettua grazie a un’apparecchiatura che eroga aria calda sui capelli asciutti, trattati con uno speciale applicatore monouso. I pidocchi e le loro uova (lendini) vengono debellati nel corso di un’unica seduta, che ha la durata di circa un’ora. La metodica non prevede l’impiego né di prodotti chimici né dei tradizionali shampoo specifici. Non ha controindicazioni e può essere effettuata anche sui bambini e sulle donne incinte.  Viene eseguita solo nei “Centri per i Pidocchi” (formula franchising)  che per il momento sono presenti solo a Roma e a Milano. Il costo della seduta varia da 80 a 100 euro, comprensivi della visita di controllo che viene effettuata una settimana dopo il trattamento.

 Un problema assai diffuso

La pediculosi è una parassitosi piuttosto diffusa: si stima che ogni anno in Italia i pidocchi colpiscano più di 2 milioni di persone, in particolare bambini tra i 3 e gli 11 anni, senza tuttavia risparmiare genitori, nonni, insegnanti, baby sitter. Nell’ambito della prevenzione si può fare poco niente, perché i pidocchi hanno la spiacevole caratteristica di infestare anche i capelli più puliti. Il contagio avviene per contatto diretto con una persona portatrice, in quanto i pidocchi saltano da una testa all’altra.     

 

 
 
 

Lo sapevi che?

La pediculosi può colpire più volte nella vita, perché da un lato non ci sono regole efficaci per prevenirla dall’altro non crea immunizzazione. 

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale: lo faccio al mio bimbo?

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Vaccinare contro l'influenza i bambini piccoli è ora più che mai la scelta giusta: ad affermarlo il Ministero della salute e la Società italiana di pediatria.   »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti