Piede d’atleta e herpes gladiatorum: ecco le infezioni da spogliatoio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/11/2017 Aggiornato il 14/11/2017

Piede d’atleta, herpes e altri disturbi: queste infezioni secondo i pediatri statunitensi sono più diffuse di quanto si pensi, perché possono anche non dare sintomi pur essendo contagiose

Piede d’atleta e herpes gladiatorum: ecco le infezioni da spogliatoio

Piede d’atleta e altre infezioni non devono allontanare dallo sport. Il movimento aiuta bambini e ragazzi a fare amicizia e a rispettare le regole. Insegna che, se vincere dà (molta) soddisfazione, perdere prepara alla vita, perché è dalle sconfitte che si deve imparare a rialzarsi. Praticare uno sport – ancor meglio se di squadra – oltre che per un sano sviluppo fisico è importante per la crescita psicologica, emotiva e relazionale di bambini e ragazzi. Ma  come arginare gli “effetti collaterali”?

Infezioni in agguato

Se i genitori tendono a preoccuparsi soprattutto di traumi come distorsioni, contratture muscolari e fratture, le infezioni che si nascondono nelle palestre e negli spogliatoi vengono invece spesso sottovalutate. A parlarne sono i medici dell’American Academy of Pediatrics che, in un rapporto pubblicato sulla rivista Pediatrics, spiegano anche quali sono le norme igieniche da rispettare per ridurre al minimo il rischio di contagio da disturbi come il piede d’atleta.

Stafilococco e herpes

Secondo i pediatri statunitensi fino al 23% degli atleti ha una colonizzazione da Stafilococco resistente alla meticillina (Mrsa) sulla pelle che, pur non manifestando i segni dell’infezione, può trasmetterla (ad esempio se è a stretto contatto con qualcuno che ha una ferita). Un altro virus comune è quello dell’herpes, dal cosiddetto ‘herpes gladiatorum’ o ‘herpes da tappetino’, all’herpes rugbiorum, comune nei campi da rugby.

Il piede d’atleta

Ci sono poi infezioni piuttosto frequenti che vengono contratte soprattutto in piscina e negli spogliatoi, complice l’ambiente umido, come diversi tipi di micosi, tra cui il cosiddetto ‘piede d’atleta’. Senza dimenticare le infestazioni da scabbia e pidocchi e le malattie esantematiche, riportate in letteratura tra le malattie trasmissibili in palestra.

Il ruolo degli allenatori

Gli allenatori devono assicurarsi che l’attrezzatura sportiva a disposizione dei ragazzi sia pulita e disinfettata regolarmente e di controllare la presenza di eventuali lesioni sulla pelle: “Gli atleti – scrivono i pediatri Usa – non dovrebbero allenarsi o giocare se hanno infezioni attive”.

I consigli per i genitori

Il ruolo dei genitori nel prevenire il contagio di queste malattie è fondamentale: “Insegnate ai bambini a controllare regolarmente la pelle – scrivono gli autori – alla ricerca di tagli, escoriazioni o arrossamenti. Enfatizzate le principali norme igieniche, come lavarsi le mani frequentemente, usare sempre le ciabatte negli spogliatoi, fare la doccia dopo lo sport, asciugarsi per bene, indossare biancheria pulita. Ricordate ai vostri figli di non condividere bottiglie d’acqua, bicchieri, rasoi, spugne o altri oggetti d’uso personale”.

 

 

 
 
 

Forse non sapevi che…

Il piede d’atleta, scientificamente nota con il nome Tinea pedis, è una dermatomicosi del piede caratterizzata da lesioni interdigitali e plantari del piede in cui la cute si macera e desquama favorendo infezioni batteriche, e da lesioni vescicolari contenenti liquido acquoso chiaro

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti