Pile a bottone: attenzione ai bambini se le ingoiano

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 30/07/2019 Aggiornato il 30/07/2019

I pediatri raccomandano di rimuovere subito dallo stomaco le pile a bottone ingerite accidentalmente dai piccoli

Pile a bottone: attenzione ai bambini se le ingoiano

Le pile a bottone si trovano praticamente ovunque: in giocattoli, telecomandi, portachiavi, orologi, biglietti di auguri musicali e si conosce bene l’impulso dei bambini, nella primissima infanzia, a portare tutto alla bocca. Le pile rotonde (magneti o a bottone) sono spesso causa di incidenti, come dimostrano numerosi casi segnalati dai Pronto soccorso. La fascia più a rischio è quella compresa tra il primo e il sesto anno d’età.

Gravi danni

Quando vengono ingerite accidentalmente le pile a bottone possono danneggiare rapidamente lo stomaco e in alcuni casi possono perforare la parete gastrica. Per questo, anche quando il piccolo non presenta sintomi o dolore e la batteria è passata attraverso la parte stretta dell’esofago, il medico dovrebbe considerarne al più presto la rimozione. Lo afferma una ricerca guidata da Racha Khalaf, del Digestive Health Institute al Children’s Hospital Colorado.

Lesioni alla mucosa dello stomaco

I ricercatori hanno raccolto dati relativi a 68 ingestioni di pile a bottone. Nel 60% dei casi esaminati sono state riscontrate lesioni erosive al rivestimento della mucosa dello stomaco, anche senza una relazione evidente tra danni e sintomi, o legami con il tempo trascorso dall’ingestione. Per i ricercatori ciò suggerisce che medici e genitori non dovrebbero aspettare i sintomi o che passi del tempo per agire, aggiungendo che rimuovere la batteria in anticipo evita ripetuti viaggi al Pronto soccorso e riduce la necessità di radiografie.

 

Da sapere!

Quando in casa ci sono bambini, è sempre importante accertarsi di riporre in luoghi sicuri piccoli oggetti di uso comune, che possono essere ingoiati. Attenzione anche a giocattoli e peluche con parti staccabili.

 

Fonti / Bibliografia

  • Sa2046 GASTRIC INJURY SECONDARY TO BUTTON BATTERY INGESTIONS IN CHILDREN: A RETROSPECTIVE MULTICENTER REVIEW - Gastrointestinal EndoscopyEsophageal button battery ingestions (BBI) can cause potentially life-threatening injury. Few case reports and studies have described gastric damage from BBI. Per the North American Society for Pediatric Gastroenterology, Hepatology and Nutrition removal of a gastric button battery (BB) remains controversial and is at the discretion of the physician. Observation alone is recommended for cases where gastric BB presents within 2 hours, the BB is ≤ 20 mm and the child is ≥ 5 years. The National Capital Poison Center recommends observation alone for asymptomatic gastric BB.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti