Poco sonno nei bambini aumenta il rischio di obesità… e non solo

Miriam Cesta
A cura di Miriam Cesta
Pubblicato il 21/06/2018 Aggiornato il 01/08/2018

I piccoli che dormono meno ore di quelle consigliate in base alla fascia d'età hanno in media il 40% di rischio in più di sviluppare l'obesità

Poco sonno nei bambini aumenta il rischio di obesità… e non solo

È un nesso causa-effetto che i ricercatori esperti di sonno sostengono ormai da tempo: ora un nuovo studio pubblicato sulla rivista medica Sleep rafforza la convinzione, già suffragata da altre ricerche per quanto riguarda gli adulti, che poco sonno – ovvero meno di otto ore a notte – comporti un aumento del rischio di sviluppare sovrappeso e obesità nel corso della vita.

Lo studio su oltre 75.000 bambini e adolescenti

I ricercatori dell’Università di Warwick (Inghilterra) hanno incrociato i dati di 42 ricerche condotte sull’argomento, per un totale di 75.499 soggetti coinvolti tra bambini e adolescenti fino ai 18 anni. I ricercatori britannici hanno etichettato i partecipanti come “poco dormienti” o “dormienti regolari” a seconda delle ore di sonno che dormivano ogni notte, utilizzando come parametro di riferimento le Linee guida della National Sleep Foundation statunitense (secondo cui i neonati fino a 11 mesi dovrebbero dormire 12-15 ore; i bambini fino a 2 anni 11-14 ore; i bambini dai 3 ai 5 anni 10-13 ore; quelli dai 6 ai 13 anni 9-11 ore e gli adolescenti 8-10 ore).

Poco sonno e l’ago della bilancia sale

I ricercatori, dopo aver monitorato per tre anni le variazioni nell’indice di massa corporea e l’incidenza di sovrappeso e obesità dei bambini testati, hanno potuto rilevare che i piccoli che dormivano meno ore di quelle consigliate in base alla fascia d’età avevano in media il 40% di rischio in più di sviluppare l’obesità rispetto ai coetanei che dormivano regolarmente. Percentuale che saliva al 57% per i bambini in età prescolare e al 123% per quelli fra i 6 e i 13 anni, mentre per gli adolescenti scendeva al 30%.

Anche altri problemi

Michelle Miller, co-autrice della ricerca, afferma che il sonno è molto importante per la salute dei bambini ed è un parametro che non va sottovalutato: “I risultati dello studio rafforzano il concetto che il poco sonno sia un importante fattore di rischio per l’obesità”, spiega Miller. Ma non solo: è importante non abbassare la guardia non solo nei confronti di sovrappeso e obesità, ma anche in relazione ad altre patologie che possono scaturire dall’aumento di peso in una sorta di reazione a catena, dal momento che “essere in sovrappeso può portare a malattie cardiache e al diabete di tipo 2”.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Oltre a dormire il giusto numero di ore, l’Organizzazione mondiale della sanità spiega che l’epidemia di obesità infantile si può fermare prevenendo i chili di troppo già durante la gravidanza e ponendo attenzione a dieta e attività fisica nei primi anni di vita e in età scolare.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti