Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 19/04/2021 Aggiornato il 26/04/2021

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.

Una domanda di: Stefania
Sono nel panico più totale. Sono risultata positiva allo streptococco rettale, sono alle 35 esima settimana. Le chiedo: si può ripetere l’esame entro quando? Oppure posso iniziare già una profilassi antibiotica? Ringrazio.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, cerco di spiegarle tutto per filo e per segno., iniziando con il dirle che non ha senso “essere nel panico più totale”, come penso le abbia detto anche il suo ginecologo in quanto la sua condione oggi si controlla benissimo.
Lo Streptococco Agalactiae (per gli amici STRAGA) o Streptococco Beta Emolitico di Gruppo B (per gli amici SBEB) è un ospite abbastanza frequente dell’intestino e può colonizzare la vagina durante la gravidanza senza che la mamma abbia sintomi di alcun tipo.
Purtroppo, se viene trasmesso al bimbo al momento del parto, può causare un’infezione molto seria al neonato che va trattata al più presto con terapia antibiotica endovena per non rischiare che si sviluppi una sepsi vera e propria.
Il tampone vagino-rettale si fa a 37 settimane perché siamo ormai a termine di gravidanza.
Per i nati prima della 37° settimana, e quindi prematuri, l’antibiotico al neonato è già previsto di routine e quindi non interessa sapere se è presente o meno lo Streptococco nel canale del parto. Se il suo tampone è risultato positivo (poco importa se solo a livello rettale o vaginale), lei è candidata a ricevere una terapia antibiotica in vena durante il travaglio. Si tratta solitamente di penicilline, ossia una classe di antibiotici compatibili sia in gravidanza che in allattamento in quanto agiscono solo sulle cellule batteriche e non su quelle umane. Se lei fosse allergica alle penicilline, si utilizzerebbero invece i macrolidi.
A mio avviso, potrebbe essere utile iniziare ad assumere dei fermenti lattici specifici (ad esempio I-Natal bustine 1 al giorno) fino al parto per cercare di colonizzare la vagina con lattobacilli “buoni” e far sì che lo Streptococco non sia veramente presente al momento del parto, anche se la terapia antibiotica andrà comunque effettuata per precauzione.
Non ha molto senso effettuare la terapia antibiotica prima del parto, in quanto si è visto che chi colonizza lo Streptococco durante la gravidanza, anche dopo essersi sottoposto a terapia, tende a ripresentarlo nel tempo ed essendo l’infezione asintomatica non c’è modo di evidenziarla se non effettuando il tampone vaginale.
Ultimo consiglio, se rompe le acque non aspetti a lungo per andare in ospedale ma vada direttamente in modo da iniziare la profilassi antibiotica. Allo stesso modo, se si mette in travaglio e avverte contrazioni regolari, vada in ospedale perché è utile che lei faccia almeno due dosi di antibiotico (si fanno a distanza di 4 ore) per essere ben protetta, anzi: per proteggere al meglio il suo bambino.
Spero di averle spiegato tutto in modo comprensibile, altrimenti sono a disposizione, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti